Ethereum e Polygon hanno già vinto la guerra per il web 3.0
Ethereum e Polygon hanno già vinto la guerra per il web 3.0
Blockchain

Ethereum e Polygon hanno già vinto la guerra per il web 3.0

By Guest post - 8 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Nell’ultimo decennio, l’ascesa delle piattaforme basate su blockchain e smart contract ha iniziato a plasmare quello che ora viene chiamato Web 3.0. In questo scenario giocano un ruolo importante Ethereum e Polygon.

In molti casi si parla di metaverso, ma la visione di base è la stessa: una moltitudine di piattaforme digitali, servizi e mondi che si interconnettono e possono spostare dati e valore tra di loro. Attualmente, ci sono molti progetti concorrenti che tentano di sviluppare blockchain che saranno in grado di realizzare un tale futuro.

Ethereum è l’attuale leader del gruppo. E per quanto ci provino, i concorrenti non sono riusciti a scalzare Ethereum dal suo trono. Tuttavia, Ethereum, nella sua forma attuale, non è pronto per la prima serata. Fortunatamente, soluzioni di scalabilità come Polygon esistono già e stanno maturando verso una dimensione in cui Ethereum può realisticamente gestire qualsiasi cosa che il Web 3 gli proponga. La collaborazione tra Polygon ed Ethereum solidifica Ethereum come l’unica scelta per lo sviluppo di DeFi e NFT.

Lo stato attuale di Ethereum 

Ci sono molte ragioni per continuare ad avere fiducia nella posizione di Ethereum a capo del gruppo DeFi. Per prima cosa, rimane la seconda criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato e, sulla base delle tendenze attuali, questo non sembra cambiare presto. La maggior parte degli exchange decentralizzati, delle app decentralizzate (dApp) e dei videogiochi basati su blockchain sfruttano anche la rete globale di Ethereum. Infatti, la rete Ethereum vanta 7 delle prime 10 dApp utilizzate nell’intero ecosistema in questo momento, e molte di esse sfruttano Polygon per evitare i costi del gas e aumentare il throughput. 

Inoltre c’è il fatto che, siccome Ethereum è stato in giro molto più a lungo di molti dei suoi concorrenti, è generalmente più affidabile e conosciuto e vanta molti più sviluppatori di qualità. Dopo tutto, Ethereum ha superato la prova del tempo con un alto volume di piattaforme popolari ed è sempre riuscito nel suo intento. 

Inoltre, con i prossimi aggiornamenti di Ethereum 2.0, c’è solo una ragione in più per essere ottimisti. Il passaggio da Proof-of-Work (PoW) a Proof-of-Stake (PoS) non solo accelererà la rete, ma eliminerà anche la notevole impronta di carbonio con cui altre reti, come Bitcoin, lottano. Oltre a questo, un processo chiamato “sharding” dividerà ogni blocco in 64 frammenti che possono essere convalidati in parallelo, il che migliorerà enormemente la velocità e la scalabilità del sistema.

Ethereum 2.0 non è ancora stato lanciato completamente, nonostante i progressi siano in corso. Per il momento, i prezzi del gas sono piuttosto alti durante il traffico intenso, e questo può, a sua volta, avere effetti problematici su popolari dApp e exchange decentralizzati. Quando le fee aumentano, possono corrodere pesantemente i profitti dei pool di liquidità e dei servizi di yield farming, che formano gran parte della spina dorsale dell’ecosistema DeFi. Fortunatamente, mentre aspettiamo l’aggiornamento di Ethereum, c’è già oggi una soluzione per tutto questo.

Polygon Ethereum
Polygon è coinvolta nel boom degli NFT

Polygon rende DeFi e NFT funzionanti in questo momento

Ecco Polygon. Polygon è ciò che è noto come “Layer 2 Solution”, anche chiamato “Sidechain”. In sostanza, Polygon è una blockchain separata progettata per interagire con Ethereum e togliere gran parte della pressione transazionale dalla catena principale. Questo significa che le transazioni possono avvenire su Polygon, ma alla fine essere regolate su Ethereum, mantenendo la sicurezza, ma migliorando enormemente il throughput e riducendo le commissioni. Mentre Ethereum ha un tetto massimo di ~300.000 transazioni al giorno, Polygon ha una media costante di 7 milioni di transazioni elaborate al giorno.

Inoltre, in quanto pioniere dei settori DeFi e NFT, gli NFT su Ethereum sono spesso visti come molto più prestigiosi e, di conseguenza, sono spesso più preziosi delle offerte delle catene concorrenti. Questo è evidenziato dal fatto che quasi tutti gli NFT più costosi mai venduti esistono su Ethereum. Polygon sta aiutando a condividere il carico del conseguente boom degli NFT, riducendo le fee del gas per garantire che le barriere all’ingresso rimangano basse. Più di 1000 dApp sono già stati distribuiti sulla rete principale di Polygon, tra cui dApp DeFi come Aave, Curve, Sushiswap, Pool Together, e la piattaforma NFT Opensea. 

Polygon non è solo un’altra catena; è un protocollo per distribuire nuove catene secondo le necessità. Questo significa che è scalabile più o meno indefinitamente, e per estensione, anche Ethereum scala. La cosa più importante è che tutti questi vantaggi di scalabilità si sommano alla scalabilità della rete principale di Ethereum. Più Ethereum accelera, più Polygon lo migliora. 

Inoltre, Polygon offre anche agli sviluppatori un SDK che consente loro di distribuire le proprie catene personalizzate per una varietà di applicazioni che saranno pienamente compatibili sia con Polygon che con Ethereum. Il potenziale qui per accelerare la creazione e l’espansione di nuovi servizi è formidabile, in quanto ora i nuovi progetti non avranno bisogno di reinventare la ruota per ottenere questi benefici. 

Polygon ed Ethereum contro altre blockchain

Alcuni altri potenti vantaggi di Polygon includono il fatto che queste sidechain possono essere progettate per agire come ponti verso altre blockchain. Questo significa che le piattaforme di smart contract concorrenti come Solana o Flow possono effettivamente essere “attinte” attraverso la blockchain Ethereum, facendole entrare a far parte dell’ecosistema. Anche se probabilmente è ancora lontano, questo livello di interoperabilità aiuterebbe a portare a compimento le visioni di un unico Web 3 e metaverso.

Mentre l’attenzione di Polygon sembra essere fissata sulla scalabilità di Ethereum per il prossimo futuro, le catene concorrenti senza dubbio chiederanno a gran voce di essere collegate con la sidechain del progetto stesso, soprattutto perché l’industria nel suo complesso gode di una maggiore adozione. 

L’esempio di Flow

Flow, per esempio, utilizza il linguaggio di smart contract Cadence per garantire agli sviluppatori la scalabilità. Tuttavia, questo rimane una barriera d’ingresso per la maggior parte, poiché devono imparare un linguaggio di programmazione relativamente estraneo. Polygon, nel frattempo, richiede agli sviluppatori solo di passare il loro RPC al mainnet o testnet Polygon per fornire agli sviluppatori scalabilità, componibilità e interoperabilità. 

Polygon essenzialmente permette agli sviluppatori di fare ciò che sarebbero stati in grado di fare su Cadence con una difficoltà molto inferiore. Inoltre, Polygon ha un’intera suite di SDK, catene e rollup per consentire agli sviluppatori di personalizzare altamente la soluzione di scalabilità che la loro dApp utilizza.

Allo stesso modo, l’ecosistema Algorand non è così vario come quello di Polygon, con meno dApp, meno elementi di sviluppo DeFi di alto livello, oracoli di dati e infrastrutture NFT. Non è compatibile con Ethereum, né eredita le garanzie di sicurezza della catena principale di Ethereum. Invece, Polygon è perfettamente interoperabile, componibile e scalabile come una commit-chain basata su Ethereum. 

Polygon ha anche più di 1000 lego DeFi, oracoli di dati, NFT, e un’infrastruttura decentralizzata di archiviazione dei dati distribuita nel suo ecosistema. Al momento della scrittura, Polygon ha quasi 200 volte la quantità di traffico di transazioni di rete come Algorand (50.000 blocchi al giorno contro 100.000.000) e 2,4 secondi di tempo di blocco più veloce (4,4s contro 2s). Il costo medio delle transazioni è anche inferiore di ~25% ($0,002 contro $0,0015). Pertanto, Polygon ha un vantaggio sia nella sua usabilità che nel suo ecosistema, oltre alle sue garanzie di sicurezza.

L’industria sta già prendendo nota

Questi vantaggi non sono affatto teorici, stanno già accadendo. Polygon ha più di 600 dApp di gaming e NFT rispetto a qualsiasi altra catena al di fuori di Ethereum. Inoltre, la quantità di utenti attivi giornalieri su Polygon è superiore a qualsiasi altra blockchain, incluso Ethereum. Poi c’è il fatto che molti mondi virtuali in via di sviluppo, come Decentraland, Sandbox e altri, sono già compatibili con Polygon, così come i servizi DeFi come Aave e Balancer.

Prendendo tutti questi punti insieme, si può affermare che il metaverso in arrivo potrebbe già avere la sua spina dorsale in posizione. Mentre altri progetti stanno per diventare parte di un ecosistema sempre più vario, sembra plausibile che la blockchain di Ethereum, in tandem con Polygon, diventerà il più grande fattore nell’evoluzione del web 3.0. C’è ancora del lavoro da fare, ma le radici sono al loro posto, così come i meccanismi di scalabilità, e forse cosa più importante, una community prosperosa. Ci potrebbero sempre essere degli sconvolgimenti, dato che il futuro è incerto, ma da qui, non sembra che il computer globale Ethereum sia destinato a scomparire molto presto. 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.