Le criptovalute come mezzo per una società cashless
Le criptovalute come mezzo per una società cashless
Criptovalute

Le criptovalute come mezzo per una società cashless

By Eliano Martellucci - 4 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il report prende il nome di “Fear and favouring of digital currency” e ha l’obiettivo di studiare il sentiment di diverse realtà che compongono il sistema economico, con un’ottica rivolta alla futura società cashless. 

Viene considerato il ruolo delle carte di credito e delle app di pagamento, in relazione alla prossima evoluzione delle criptovalute e delle CBDC. 

La futura società cashless sarà alimentata dalle criptovalute

crypto pagamenti digitali
Uno studio sul ruolo delle criptovalute nella futura società cashless

Lo studio è stato commissionato da Crypto.com ed è stato scritto sulla base di due sondaggi condotti a gennaio e febbraio 2022. Il primo prende come riferimento un campione di 3000 consumatori, mentre il secondo va a coprire la percezione delle figure istituzionali. Tra queste, in particolare, sono stati scelti 150 investitori istituzionali e gestori di tesorerie aziendali. 

I due sondaggi sono stati utilizzati principalmente per comprendere l’attitudine dei consumatori e delle figure istituzionali nei confronti delle criptovalute

Non si parla di asset digitali in generale, ma più nello specifico come questi possano funzionare come potenziale metodo di pagamento, sostituendo definitivamente i contanti.

Questo alimenterebbe il processo di transizione verso una società cashless che mira ad essere non solo più efficiente, ma anche più trasparente e sostenibile. 

Com’è composto il campione?

I dati che sono risultati dai 3000 consumatori intervistati coprono l’analisi svolta nella prima parte del report. La metà di questi provengono da economie sviluppate (US, UK, Francia, Sud Corea, Australia e Singapore), mentre l’altra metà da Paesi in via di sviluppo (Brasile, Turchia, Vietnam, Sudafrica e Filippine). 

Circa 7 su 10 degli intervistati rientrano nella fascia di età compresa tra i 18 e i 41 anni, con i restanti sopra i 42. Il 53% del campione è composto da uomini e 3 su 4 del totale possiede una laurea universitaria o professionale. 

Risultati e conclusioni del report

Innanzitutto, è importante sottolineare come dal report si evince che 3 consumatori su 4 si aspettano che i rispettivi Paesi diventino del tutto cashless entro i prossimi 5 anni. 

I risultati dei sondaggi mostrano come, tutti quelli che credono in questa transizione per il proprio Paese, ritengono, inoltre, che le istituzioni pubbliche giochini un ruolo fondamentale per la riuscita di questa operazione. 

Tale linea di pensiero è in continua crescita, con il 49% del totale ad essere d’accordo rispetto al 27% del 2021.

Il desiderio di assistere alla nascita delle CBDC diventa sempre più grande con ambo le parti d’accordo sul fatto che il quadro legislativo attuale rappresenta la maggior barriera a frenare l’innovazione. 

Il 65% delle figure istituzionali crede che le CBDC sostituiranno qualsiasi forma di pagamento fisica all’interno dei propri Paesi. 

È attesa una forte crescita della domanda di valute digitali, soprattutto grazie alla continua espansione del metaverso e degli NFT, che sono sempre più interconnessi con la vita reale.

Illustrando il movimento futuro verso nuovi asset, con particolare attenzione agli NFT, Mr Mitchell afferma che:

“Accogliamo unità di valore sulla nostra piattaforma e consentiamo la conversione di queste unità di valore, sia che si tratti di valuta digitale che di qualsiasi cosa a cui è possibile attribuire un valore tale per cui è possibile detenere, convertire e consentire”.

Per consultare il report completo basta visitare la pagina web dedicata.

Eliano Martellucci

Eliano è laureato in Economia e gestione aziendale e sta per concludere gli studi specialistici in Finanza presso l'Università di Trento (UNITN). Si appassiona al mondo crypto e blockchain durante l'estate del 2017 e da lì non lo ha più abbandonato. Ora lavora come editor & SEO specialist in Cryptonomist, scrive articoli ed investe, sia in asset Blue Chip, che in fase iniziale. Inoltre, sta sviluppando il suo ultimo progetto di tesi dal titolo: "Uno studio sulla Sentiment Analysis del mercato crypto attraverso algoritmi di Machine Learning in python".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.