FBI: la founder OneCoin Ruja Ignatova sulla lista delle persone più ricercate al mondo
FBI: la founder OneCoin Ruja Ignatova sulla lista delle persone più ricercate al mondo
News dal Mondo

FBI: la founder OneCoin Ruja Ignatova sulla lista delle persone più ricercate al mondo

By Amelia Tomasicchio - 1 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La founder OneCoin Ruja Ignatova è stata aggiunta dall’FBI sulla lista delle persone più ricercate al mondo per aver truffato gli investitori per una cifra che si aggirerebbe intorno ai 4 miliardi di dollari.

Ignatova di OneCoin tra i più ricercati dall’FBI

Proprio ieri, infatti, sul profilo Twitter dell’US Attorney è apparso un tweet in cui si spiegava che si sarebbe tenuta una conferenza stampa per annunciare che la Ignatova è stata aggiunta alla lista dei 10 fuggitivi più ricercati.

Per non farsi mancare nulla, la founder di OneCoin il mese scorso era anche stata aggiunta alla lista dei più ricercati dell’Europol, che ha addirittura fornito un compenso di 5200$ a chi possa aiutare nelle indagini.

Nel marzo del 2019 era stato, invece, arrestato suo fratello, Konstantin Ignatove, complice dello schema Ponzi.

I 10 ricercati dell’FBI: OneCoin insieme ad assassini e stupratori

Ruja Ignatova è stata inserita nella lista dei fuggitivi “Top Most Wanted” dall’FBI.  

Nella lista si trovano anche assassini, rapinatori, stalker, stupratori e ogni genere di malvivente ricercato in America e non solo.

Cos’è OneCoin?

La soprannominata ‘Crypto Queen’ aveva fondato lo schema Ponzi OneCoin nel 2015 e l’azienda aveva originariamente sede in Bulgaria. Lo scopo di OneCoin doveva essere la creazione di una moneta elettronica, alternativa ai contanti e soprattutto alternativa a Bitcoin.

Come ogni schema piramidale, OneCoin si basava sul principio di far entrare altra gente nel giro per convincere altri investitori a comprare dei pacchetti di token che in futuro sarebbero stati convertiti in OneCoin quando la moneta sarebbe finalmente stata creata.

Secondo i dati in possesso dall’AGCM italiana, i pacchetti di token andavano da 140 euro fino ad addirittura 27.530 euro. Nel primo caso, nel 2018 veniva promesso un ricavo di 2.800 euro. Nel caso dell’investimento più cospicuo, il rendimento “garantito” era pari a ben 3 milioni di euro.

In realtà l’unico modo per arricchirsi con questo progetto era quello di vendere pacchetti ad altre persone e reclutare nuovi investitori.

Dopo aver operato per diversi anni, anche se molti lo avevano già identificato come schema Ponzi, OneCoin venne fermato dalla BaFin tedesca, ma anche dalla FCA inglese e dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato italiana in quanto non aveva le licenze per operare.

Da allora Ruja Ignatova scomparve e non si sa ovviamente se sia ancora viva, visto che nel luglio del 2020 in Messico furono trovati due cadaveri di promotori di OneCoin.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.