GameStop pagherà un dividendo per ogni 4 azioni possedute
GameStop pagherà un dividendo per ogni 4 azioni possedute
News dal Mondo

GameStop pagherà un dividendo per ogni 4 azioni possedute

By George Michael Belardinelli - 7 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La società di gaming, GameStop, dopo 3 anni di pausa, riprenderà a pagare dividendi e lo fa usando la formula delle azioni con rapporto quattro a uno.

GameStop rientra in carreggiata e rinizierà a pagare dividendi  

gamestop azioni
L’annuncio di GameStop sorprende gli investitori

Nella mattinata di ieri, infatti, il consiglio di amministrazione della società di gaming ha annunciato a sorpresa l’intento di ricominciare a pagare i dividendi ai propri azionisti. 

Ma questa volta la società GameStop pagherà un dividendo particolare: non ci sarà un corrispettivo in denaro, ma il premio sarà azionario. 

Per comprendere il motivo che porta la società a riprendere con il pagamento dei dividendi, e perché in azioni, bisogna dare uno sguardo a quanto fatto in passato. 

La società, a differenza di molte concorrenti del segmento, era solita fino al 2019 a pagare dividendi agli azionisti con cadenza annuale. 

I premi corrisposti erano compresi tra il 7 e il 13% ed erano in valuta fiat. 

L’azienda, fondata nel 1984, ha quasi quarant’anni di storia alle spalle e il valore delle proprie azioni è sempre stato sotto ai 10 dollari (4-20 dollari per azione) fino al gennaio 2021, quando grazie al forum su Reddit r/WallStreetBets è iniziata una campagna di sostegno enorme per il titolo che ha portato a una delle manipolazioni più grandi della storia di Wall Street. 

Le azioni di GameStop sono passate nel giro di un mese dal valore di cui sopra a 350/400 dollari cambiando per sempre questa società. 

Michael Burry intanto nell’agosto del 2021 è entrato in maniera decisa nella società rilevandone il 13%.

La mossa dell’investitore, come spiegato dalle sue dichiarazioni dell’epoca, è stata quella di donare nuova linfa alla società per competere con altri colossi come Amazon e Alibaba, allargando i propri servizi e le potenzialità. 

Con una rete capillare mondiale di 5500 negozi fisici, la società sarebbe stata meglio posizionata nella logistica e nella vendita diretta e avrebbe potuto erodere margini ai competitor. 

La crisi passata da GameStop

Durante i due anni di pandemia la società si è vista costretta alla chiusura temporanea dei propri negozi subendo ingenti danni economici, ma ora sembra essersi ripresa. 

A tutti quegli azionisti già registrati alla chiusura dell’attività del 18 luglio 2022 verrà elargito un dividendo di ulteriori tre azioni ordinarie di Classe A della società per ciascuna azione ordinaria sempre di Classe A in portafoglio.

La chiusura delle negoziazioni del 21 luglio 2022 è la data indicata dalla società di gaming per la corresponsione del premio agli azionisti e sarà possibile tradare il premio dalla giornata successiva di contrattazioni. 

Come sta performando oggi Gamestop in Borsa

Nel frattempo, però, le azioni perdono oggi un 2,33% e si attestano a 117,43 dollari, tornando ai livelli di marzo 2022.

Intanto procede lo sviluppo del proprio negozio NFT, il primo della società. 

Il negozio è in collaborazione con la società Immutable X e sarà rifornito di 150 milioni di dollari in token IMX. 

Un altro passo verso l’allargamento dell’offerta commerciale e verso quella competizione con Amazon e Alibaba verso la quale spinge Michael Burry, è data da Very Mobile. 

La società che fa capo a CK Hutchison Holdings approda nei negozi GameStop e le proprie Sim saranno ora commercializzate presso tutti i punti vendita della catena di videogiochi. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.