Cardano SPO: GrahamsNumberPlus1 [GNP1]
Cardano SPO: GrahamsNumberPlus1 [GNP1]
Interviste

Cardano SPO: GrahamsNumberPlus1 [GNP1]

By Patryk Karter - 16 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ospite di questa settimana nella rubrica Cardano SPO è uno stake pool gestito da Russell dal Regno Unito, la cui missione è decentralizzare la rete di Cardano e sostenere enti di beneficenza che si occupano di salute mentale: GrahamsNumberPlus1 [GNP1].

L’ospite della scorsa settimana è stato uno stake pool gestito dalla famiglia di Vasil St Dabov, con l’obiettivo di continuare il suo importante lavoro interrotto dalla sua prematura scomparsa.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Cardano SPO, intervista con GrahamsNumberPlus1 [GNP1]

Cardano SPO [GNP1] sostiene enti di beneficenza per la salute mentale

Ciao, grazie per il tuo tempo. Raccontaci qualcosa di te, dove risiedi e qual è il tuo background?

Mi chiamo Russell Wallace e sono il proprietario di GrahamsNumberPlus1 (GNP1) Stakepool. GNP1 è una società registrata nel Regno Unito, dove risiedo. Il pool è stato registrato nell’ottobre 2020 e siamo membri dell’alleanza Mission Driven Pools

GNP1 mira a sostenere la decentralizzazione dell’ecosistema Cardano e, allo stesso tempo, a sostenere la salute mentale attraverso partnership con enti di beneficenza dedicati. Il nostro obiettivo è fornire donazioni pari a circa il 20% delle entrate dello StakePool. Il nostro nodo di produzione dei blocchi si trova in Germania, con un relay anch’esso in Germania e un secondo relay negli Stati Uniti.

Attualmente abbiamo estratto 27 blocchi, mantenendo uno stake medio di 300.000 ADA, ma abbiamo appena avuto un period vuoto molto lungo e non siamo stati selezionati come slot leader. 

Il mio background consiste in una combinazione di attività investigative e tecniche. Ho svolto investigazioni high-tech, compliance e e-Discovery. Ho lavorato per le forze dell’ordine, per grandi società di consulenza, per istituzioni finanziarie e per enti normativi. L’obiettivo di GNP1 è superare le difficoltà e costruire una delegazione sufficiente per diventare uno Stakepool redditizio a sostegno della decentralizzazione e della salute mentale. 

Qual è il percorso che ti ha portato a Cardano e a diventare uno Stake Pool Operator (SPO)?

Avendo un background tecnico, mi sono interessato alla tecnologia Blockchain fin dalla nascita di Bitcoin. Ho provato per la prima volta a fare mining di Bitcoin nel 2013, ma visti i livelli di difficoltà sempre più elevati ho preferito fare mining di Litecoin per imparare il processo. In seguito, nel 2016 e nel 2017, mi sono dedicato al mining di Ethereum e ho costruito un paio di rig che mi hanno permesso di minare ETH e di aumentare ulteriormente le mie conoscenze. Ho anche minato una serie di altre criptovalute più piccole per divertimento. 

Tra le altre attività c’è stata la gestione di un nodo di Lightning di Bitcoin per un po’ di tempo e quando sono venuto a conoscenza di Cardano ero molto curioso di vedere come potevo essere coinvolto. Ho seguito una serie di tutorial per imparare quello che potevo e ho creato lo Stakepool GNP1 nel 2020

Man mano che mi dedicavo allo Stakepool, mi sono unito a una serie di gruppi su Discord, Telegram e Twitter Spaces per saperne di più su come gli altri operatori di Stakepool se la cavavano. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’aiuto della community e dalla sensazione che Cardano fosse un progetto con un reale potenziale a lungo termine. Il livello di supporto e di assistenza all’interno della comunità è stato essenziale per affrontare le continue sfide della gestione di uno Stakepool, soprattutto durante i periodi difficili in cui non vengono prodotti blocchi. 

Quali costi e compiti comporta la gestione di uno Stakepool? Quali difficoltà si incontrano e cosa si potrebbe fare a livello di protocollo per aiutare i piccoli Stakepool?

La gestione di uno Stakepool richiede uno sforzo molto maggiore di quanto si possa pensare. Ci sono gli ovvi costi di installazione, gestione e manutenzione dell’hardware. Ciò richiede una quantità ragionevole di tempo e di sforzi per garantire che tutto continui a funzionare bene e che tutti gli aggiornamenti siano completati a intervalli regolari. 

Inizialmente ho utilizzato le mie apparecchiature prima di migrare al cloud. Entrambi i sistemi hanno i loro pro e contro, ma il costo effettivo per un piccolo pool come il mio è piuttosto proibitivo. Non produciamo blocchi regolari e quindi attualmente perdiamo denaro, ma continuiamo con lo Stakepool perché crediamo in Cardano e nella nostra missione per quanto riguarda la salute mentale.

Alla fine speriamo di riuscire a consolidare la nostra delegazione fino al punto di poter fare donazioni di beneficenza regolari e di ottenere un piccolo profitto. Per questo motivo dobbiamo coprire molti costi promozionali attraverso Giveaway occasionali, creazione di NFT e relativi Giveaway, pubblicità e tempo dedicato semplicemente alla promozione dello Stakepool ai potenziali deleganti.

La nostra difficoltà principale è ovviamente quella di attirare deleganti. Siamo uno Stakepool molto attivo e siamo su Twitter ogni giorno. Anche con tutti i nostri Giveaway promozionali e il tempo speso sui social media, ci risulta quasi impossibile ottenere più delegazione. Talvolta, quando abbiamo ricevuto una delegazione consistente, l’abbiamo persa a causa di una produzione di blocchi irregolare.

È stato già ribadito in passato, e probabilmente lo sarà ancora, che è necessario apportare modifiche di base a elementi come il valore k e la quota minima del pool. È impossibile per un piccolo pool che produce solo un blocco ogni tanto attrarre stake quando il protocollo prende automaticamente oltre il 50% dalle ricompense e lo dà all’operatore del pool. È vero che questo può essere restituito ai deleganti, ma si tratta di un processo manuale macchinoso e poco pratico. 

In generale, il sistema è fortemente favorito dagli influencer e dalle persone con un grande seguito. Sembra che anche con tutti gli sforzi che un SPO può fare per promuovere il proprio pool, in genere non avrà successo a meno che non riesca a costruire un grande seguito attraverso una presenza parallela sui social media. 

Infine, sarebbe molto meglio se le delegazioni della CF (Cardano Foundation) e di IOG potessero essere suddivise in importi più piccoli e distribuite a un maggior numero di SPO, in modo da dare a questi ultimi almeno la possibilità di sviluppare il proprio pool. Sono consapevole che è stata sollevata l’argomentazione secondo cui è necessario mantenere le delegazioni grandi in modo che la produzione regolare di blocchi possa attirare i deleganti. Non sono d’accordo con questo approccio, perché le delegazioni di supporto dovrebbero servire ad assistere un pool nell’aiutarsi da solo. Non ha senso dare a un pool 15 milioni di ADA solo perché possa produrre blocchi per 3 mesi e poi ritirarsi una volta tolti gli ADA delegati. Fornire 1 milione di ADA a 15 pool permetterà invece a questi 15 pool, se hanno intenzione di impegnarsi, di produrre almeno qualche blocco e successivamente di promuovere, attrarre e mantenere i deleganti da quel momento in poi. Questi ADA delegati non dovrebbero dare a pochi un passaggio gratuito, ma piuttosto dare a molti altri la possibilità di avere successo se intendono impegnarsi. In fondo, la decentralizzazione dovrebbe servire ad attirare più persone nel progetto.  

Sei anche impegnato a sostenere la salute mentale. Puoi dirci qualcosa di più su questo aspetto? Perché è importante per te e come vengono gestite le donazioni?

La salute mentale è sempre stata un tema che mi sta molto a cuore. La realtà è che tutti conoscono o hanno conosciuto qualcuno che ha lottato con la propria salute mentale per diversi motivi. Senza la salute mentale può essere difficile apprezzare anche le cose più elementari della vita, a seconda della gravità. A peggiorare le cose, le persone che soffrono di problemi di salute mentale possono trovare molto difficile ricevere l’attenzione che meritano. Inoltre, le persone subiscono ingiustamente lo stigma che può essere associato a un problema di salute mentale a causa della mancanza di conoscenza e di educazione in merito alla loro condizione.

La GNP1 si impegna a donare il 20% del proprio fatturato a enti di beneficenza per la salute mentale. Ogni volta che guadagniamo con la produzione di un blocco, effettuiamo un pagamento a un ente di beneficenza per la salute mentale, sia nel Regno Unito che all’estero. Siamo consapevoli che molti dei nostri deleganti non provengono dal Regno Unito, quindi vogliamo cercare di donare anche a organizzazioni situate nei Paesi da cui provengono i nostri deleganti. 

Stiamo anche cercando di creare partnership con enti di beneficenza per la salute mentale con sede nel Regno Unito. Tutte le donazioni e le ricevute sono pubblicate sul nostro sito web e le informazioni complete sono fornite su Github per la verifica da parte dell’alleanza Mission Driven Pools. Dopo aver prodotto 26 blocchi, abbiamo donato oltre $4.000 in beneficenza. Sfortunatamente, a causa di un periodo molto lungo in cui non abbiamo ricevuto nuovi slot, non siamo stati in grado di effettuare alcun pagamento di beneficenza per alcuni mesi, ma speriamo di riprendere presto. 

Ottimo contributo. Qualche considerazione finale? Dove è possibile contattarti?

GNP1 è impegnato con il nostro Stakepool fin dalla sua nascita, nell’ottobre 2020. Siamo stati molto attivi nel promuovere la nostra causa attraverso vari mezzi sui social media e abbiamo lavorato duramente alla produzione di NFT promozionali, all’esecuzione di Giveaway e al contributo attivo sulle varie piattaforme legate a Cardano. Tuttavia, la nostra sopravvivenza dipende dall’ottenimento di più deleghe e supporto e saremmo lieti di ricevere nuovi deleganti. 

Posso essere contattato tramite il mio sito web, l’e-mail e Twitter, mentre la collezione di NFT può essere visualizzata qui.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOG.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.