Hacker sfruttano il bridge Nomad e rubano quasi $200 milioni
Hacker sfruttano il bridge Nomad e rubano quasi $200 milioni
Criptovalute

Hacker sfruttano il bridge Nomad e rubano quasi $200 milioni

By Patryk Karter - 2 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

È stato trovato un altro exploit da parte degli hacker, e questa volta ha portato via quasi $200 milioni dal bridge cross-chain di Nomad.

Il bridge Nomad subisce un attacco hacker

Nomad bridge è una soluzione cross-chain che consente di spostare i token tra diverse blockchain mediante gli smart contract.

Purtroppo per loro e per i molti utenti coinvolti, qualcuno è riuscito a trovare un exploit e ad usarlo a proprio vantaggio per prosciugare circa $190 milioni.

L’account Twitter di Nomad ha twittato quanto segue:

“Siamo consapevoli dell’incidente che ha coinvolto il bridge di Nomad. Stiamo attualmente indagando e forniremo aggiornamenti non appena ne avremo”.

Gli asset in questione includono versioni wrapped di Bitcoin, Ether e diversi stablecoin come USDT e USDC, che venivano utilizzati cross-chain tra diverse blockchain, tra cui Ethereum, Avalanche e Cardano.

Per saperne di più e addentrarsi nel dietro le quinte dell’hack, ecco un resoconto dettagliato dell’utente Twitter samczsun:

Nomad sosteneva di essere security-first e aveva anche recentemente raccolto 22,4 milioni di dollari in un seed round guidato da Polychain Capital, portando la valutazione dell’azienda Nomad a $225 milioni.

La contaminazione cross-chain colpisce gli utenti di Cardano

I ponti tra diverse blockchain sono il bersaglio preferito degli hacker a causa delle numerose vulnerabilità che possono emergere se gli smart contract non sono stati accuratamente controllati per individuare i punti deboli.

Il bridge Nomad è stato una delle prime soluzioni cross-chain che ha portato versioni wrapped di Bitcoin, Ether e stablecoin nell’ecosistema Cardano. Questi asset erano disponibili, ad esempio, su WingRiders, un DEX su Cardano che permette lo yield farming tramite pool di liquidità che utilizzavano questi asset.

Ecco cosa ha detto WingRiders riguardo a questo spiacevole evento:

“Riders, è un giorno molto triste per Cardano. Gli exploit di Nomad Bridge hanno portato a molte conseguenze.

I vostri asset Cardano e i token WRT su WingRiders sono al sicuro! La piattaforma e gli smart contract non hanno subito alcun impatto tecnico.

Gli asset bridged madUSDC, madUSDT, madBTC, madETH sono stati colpiti!”.

Anche il protocollo Milkomeda EVM Layer 2, lanciato su Cardano, ha commentato l’exploit del bridge Nomad:

“Siamo consapevoli dell’exploit Nomad. Purtroppo non possiamo controllare ciò che accade ad altri progetti. Questo non riguarda il protocollo Milkomeda di base, tuttavia Nomad è uno dei molteplici bridge distribuiti su Milkomeda, quindi gli utenti di asset basati su Nomad su Milkomeda e Cardano sono stati affetti”.

Sul lato positivo, Milkomeda ha recentemente registrato 7.485.720 transazioni e 96.026 wallet dal lancio.

Conclusione

Ogni volta che si verifica un attacco nel settore delle criptovalute, ci viene ricordato quali sono i rischi di questo spazio nascente. Il famoso motto “Move Fast and Break Things” (Muoviti Velocemente e Rompi le Cose), che Mark Zuckerberg ha citato in relazione alla costruzione di software e applicazioni, non può essere applicato allo sviluppo di blockchain perché ci sono milioni, se non miliardi, di dollari in gioco.

È necessario un approccio scientifico che utilizzi il processo di revisione paritaria per assicurarsi che i protocolli e gli smart contract non presentino vulnerabilità, bug o exploit. Se questo significa rallentare lo sviluppo per mantenere al sicuro i fondi degli utenti, ben venga. Meglio essere sicuri che dispiaciuti.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.