ZCASH: Quale futuro?
ZCASH: Quale futuro?
Eventi

ZCASH: Quale futuro?

By Mauro Baeli - 16 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Giorni turbolenti in casa Zcash, a cavallo tra il ZCON3 – l’annuale conferenza organizzata dalla Zcash Foundation, paragonabile al DevCon di Ethereum e gli eventi che hanno travolto il progetto Tornado Cash, anch’esso focalizzato sulla possibilità di operare trasferimenti di denaro in forma anonima.

ZCASH: Il progetto

A differenza di altre blockchain, Zcash ha deciso da tempo di destinare il 20% delle  emissioni di nuove coin, derivanti dall’attività di Proof of Work, a sostenere tre entità indipendenti ma ognuna collegata con il progetto: 8% alla Zcash Community Grant, 7% alla Electric Coin Company e 5% alla Zcash Foundation. 

Durante la sessione finale del ZCON3, una domanda formulata da un utente del forum ufficiale ha scatenato un’accesa discussione tra i membri della Zcash Foundation e altri importanti esponenti del progetto, primo fra tutti il fondatore Zooko Wilcox presente sul palco.

Alla domanda, volta a capire se ci fosse la volontà di dare una maggiore autorità ai ZEC-holders nelle decisioni, le risposte sono state tanto lapidarie quanto inattese: 

“Non siamo qui per sostenere il valore degli holders”, “Credo che i coin holders siano una delle ultime categorie di cui dovremmo preoccuparci nel prendere le decisioni.”

A nulla è valso il tentativo dello stesso Zooko di difendere la posizione degli investitori, ribattendo che il valore della coin ha una grande importanza sull’adozione della stessa, senza tralasciare il fatto che la ZC Foundation in primis trova sostentamento nel 5% delle coin emesse annualmente (circa 5 milioni di USD al valore odierno).

Fatto sta che nei social è scattato il flame contro le affermazioni della Foundation, con importanti holders determinati a liberarsi dell’investimento:

Il tutto, in un contesto in cui gli strumenti creati per difendere l’anonimato delle transazioni sembra essere nel mirino degli enti regolatori US, tant’è che un intervento postato nel Forum della Zcash Community propone di creare un clone dell’intera struttura in un Paese meno incline a interventi autoritari.

Zcash si trova davanti a una importante sliding door: cogliere le minacce del momento e trasformarle in opportunità, oppure restare immobile con il rischio di soccombere. 

Mauro Baeli

Esperto in crypto e blockchain, Mauro ha esperienza da oltre 25 anni nel gestire aziende di servizi finaziari, digital marketing, organizzazione eventi e commercio internazionale. Ora è CEO di Deepit.ch.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.