Privacy Week: cinque giorni su protezione dei dati e cittadinanza online
Privacy Week: cinque giorni su protezione dei dati e cittadinanza online
Eventi

Privacy Week: cinque giorni su protezione dei dati e cittadinanza online

By Cryptonomist Editorial Staff - 27 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Cinque giorni, oltre novanta relatori, cinquanta incontri: sono i numeri della Privacy Week e forse restituiscono, nella loro sintesi, l’ampiezza della discussione possibile sul tema decisivo per la vita di milioni di cittadini e aziende in Europa, l’impatto del digitale e le necessarie regolamentazioni e bilanciamenti per contemperare opportunità e rischi. 

A Milano, dal 26 al 30 settembre, la seconda edizione della Privacy Week offrirà agli addetti ai lavori, ma anche agli appassionati della materia, un’occasione “immersiva” per mettere a fuoco i temi dominanti del momento.

L’evento organizzato da Jacopo Sesana, co-founder di Next Generation Currency, brand nel mondo Bitcoin e crypto dal 2017, dall’organizzazione non profit Privacy Network insieme allo studio creativo /‘Aut/ – e patrocinato dal Garante per la protezione dei dati personali – riunirà giuristi, politici, professionisti del settore ma anche manager, giornalisti e filosofi, per tenere insieme tutte le sfumature del dibattito, dall’innovazione tecnologica ai temi etici, dal nuovo corso del lavoro ai chiaroscuri della vita social.

Privacy Week: Bitcoin, Metaverso, Identità Digitale fino a Julian Assange

Durante la settimana verranno trattati anche i temi vicino al mondo delle criptovalute. Con Giacomo Zucco, Federico Tenga, e Massimo Musumeci si approfondirà Bitcoin e gli sviluppi in second layer come Lightning Network e RGB protocol. Insieme a Donna Redel, ex Managing Director del World Economic Forum, Michele Geraci e Marina Makeviz si analizzerà la regolamentazione del fintech nel mercato europeo, americano e cinese. 

Si analizzerà, inoltre, il settore degli exchange centralizzati e decentralizzati, con Orlando Merone di Bitpanda, Emanuele Coscia, senior manager di Consensys e gli osservatori del Politecnico. Insieme a Daniele Citterio, CTO di Infocert e presidente di Dizme Foundation, si parlerà di identità digitale sovrana, che utilizza la blockchain e i wallet per abilitare l’utente ad avere pieno controllo rispetto ai dati. Chiaramente si discuterà anche di metaverso ed insieme all’azienda Versy Technologies si analizzerà come cambierà la business intelligence per “tracciare” gli utenti all’interno di mondi 3D.

Data la natura sociale dell’evento e i valori portati avanti dall’iniziativa, ci sarà anche un tavolo dedicato a Julian Assange.

Jacopo Sesana dichiara:

“Considerando lo scenario geopolitico in cui ci troviamo, mi sembrava doveroso che ci fosse un incontro dedicato al ruolo della stampa. La storia di Julian Assange, oltre ad essere un simbolo di libertà, deve essere un monito nel continuare a combattere un sistema di informazione, parziale e mistificatore. Tra l’altro, noi che siamo nel mondo cripto e Bitcoin da tanto, non ci sorprende pensare che la stampa tradizionale, anche su Bitcoin, abbia sempre portato informazioni de-contestualizzate e molte volte errate”. 

Gli eventi della Privacy Week saranno di scena alla Cariplo Factory di Milano, all’American School of Milan, ma anche in streaming online.

Il programma distingue gli eventi in basic, divulgativi e in pro (panel per esperti del settore ai fini del confronto e dell’approfondimento): non sono panel quindi ma anche tavole rotonde, webinar, forum, interviste. Per partecipare agli eventi in presenza, bisogna registrarsi (sono gratuiti, ndr).

Anche sui social la Privacy Week sarà presente all’insegna dell’hashtag #privacyweek2022 e #HackThePresentToShapeTheFuture.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.