Le migliori crypto su cui investire in questa fase ribassista
Le migliori crypto su cui investire in questa fase ribassista
Criptovalute

Le migliori crypto su cui investire in questa fase ribassista

By Marco Cavicchioli - 24 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

È estremamente difficile individuare quali potrebbero essere delle crypto su cui conviene investire in questo momento.

Tuttavia, è possibile individuare dei trend che potrebbero generare incrementi di valore o vere e proprie bolle speculative. 

A dire il vero durante i bear market è un po’ difficile che tutto ciò avvenga, ma allo stesso tempo in teoria i bear market potrebbero essere i momenti migliori per investire su criptovalute sottovalutate. 

Il trend per capire su quali crypto investire

In questo momento specifico ad esempio la finanza decentralizzata, o DeFi, potrebbe sembrare un trend in calo, dato quello che è accaduto a maggio con l’implosione dell’ecosistema DeFi di Terra. 

C’è, invece, chi non la pensa così. Infatti, il co-fondatore e CEO di Binance, Changpeng CZ Zhao, proprio ieri ha scritto un tweet in cui fa pensare che possa innescarsi un nuovo trend positivo proprio nel settore DeFi. 

Il fatto che, come rivela CZ, Binance sia investendo pesantemente in DeFi sembra proprio significare che abbiano rilevato una sorta di risveglio di questo trend. 

I rischi delle crypto e della DeFi

Tuttavia non bisogna dimenticare che la DeFi non è affatto tutta uguale. 

Ad esempio il progetto Avalanche è nato nel 2020, è cresciuto molto nel 2021, e nel 2022 ha subito un drastico calo di interesse. Dopo il picco di novembre 2021 il prezzo della sua criptovaluta nativa AVAX è sceso dell’89%. Nonostante ciò è un progetto ancora vivo ed attivo. 

Invece, il progetto Terra è nato nel 2019, è cresciuto molto nel 2021, ma nel 2022 è letteralmente imploso. 

Sono due progetti per molti versi simili, ma con una storia che quest’anno ha preso due direzioni completamente diverse. Fino a maggio erano evoluti quasi in parallelo, ma a maggio Terra è imploso, mentre Avalanche ha solo subito una forte contrazione. 

Basti dire che il prezzo attuale di AVAX è di più di cinque volte superiore a quello precedente la bullrun del 2021, mentre quello di Luna Classic (la criptovaluta del progetto Terra) è di più di duemila volte inferiore. 

Come investire sul mercato crypto evitando i rischi

In realtà i rischi non si possono evitare quando si investe in DeFi, ma si può perlomeno cercare di ridurli. 

Ad esempio, studiando bene il progetto Terra prima dell’implosione era possibile rendersi conto che c’era un problema di fondo. Infatti, era tutto basato sulla stablecoin algoritmica UST che tuttavia non aveva sufficienti coperture. Inoltre, aveva un sistema di gestione basato sul valore volatile di LUNC (Luna Classic), e quindi non appena questo ha iniziato a scendere velocemente UST ha perso il peg con il dollaro ed ha fatto implodere l’intero ecosistema. 

Studiando il progetto Avalanche, invece, si poteva notare che questo problema non c’era. Quindi sebbene i rischi di un investimento in AVAX fossero comunque elevati, lo erano decisamente di meno di un investimento in LUNC (che allora si chiamava solamente Luna). 

Le scommesse sulle crypto

Di fatto investire in questi progetti equivale a scommettere sul loro futuro successo, senza, però, avere informazioni sufficienti a maturare la ragionevole certezza che lo avranno. 

Come sempre, quando si scommette converrebbe investire solo somme che si è disposti a perdere, perché il rischio di perderci è effettivamente elevato. Nel momento in cui ci si rende conto che sono fondamentalmente scommesse, con relativamente poche probabilità di successo, è possibile adottare un approccio più ragionevole e magari prudente. 

Detto questo, a volte tali scommesse pagano, come, ad esempio, chi ha comprato AVAX nel 2020. 

Qualcosa di vagamente simile accadde anche nel 2019, quando iniziò a diffondersi la notizia che la DeFi stava prendendo piede. Chi allora avesse acquistato ETH, dato che Ethereum è alla base della finanza decentralizzata, lo avrebbe potuto pagare meno di 400$, e se lo avesse tenuto fino ad ora sarebbe in guadagno di più del 250%. 

Sicuramente ETH è un investimento a rischio inferiore rispetto ad AVAX, o a LUNC, ma rimane comunque un investimento a rischio relativamente elevato. 

Il panorama DeFi

In questo momento, dopo Ethereum e BNB Chain, le uniche altre blockchain ad avere più di un miliardo di dollari di token immobilizzati in protocolli DeFi sono Tron, Avalanche e Polygon. Seguono Arbitrum, Optimism, Solana e Cronos

Da notare che Polygon, Arbitrum e Optimism sono layer 2 di Ethereum. 

Un dato interessante riguardo queste blockchain è il rapporto tra la capitalizzazione delle loro criptovalute native (Mcap) ed il TVL. 

Solana ha Mcap/TVL molto elevato, superiore ad 11. Questo fa presupporre che la capitalizzazione di mercato di SOL potrebbe essere un po’ elevata. 

Quello che ha il ratio più basso è Optimism, con un incredibile 0,19 che suggerisce una capitalizzazione di mercato molto bassa. Anche Tron ha un rapporto Mcap/TVL decisamente basso, di poco superiore ad 1. 

Tanto per intenderci, Ethereum lo ha di poco superiore a 5, ovvero non a caso più o meno in mezzo tra gli 11 di Solana e l’1 di Tron. Ethereum è in assoluto il punto di riferimento principale del settore DeFi. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.