Tether lancia lo yuan cinese (CNHT) sulla rete Tron: tutto quello che c’è da sapere
Tether lancia lo yuan cinese (CNHT) sulla rete Tron: tutto quello che c’è da sapere
Stable Coin

Tether lancia lo yuan cinese (CNHT) sulla rete Tron: tutto quello che c’è da sapere

By Alessia Pannone - 7 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Tether, il più grande emittente di stablecoin per capitalizzazione di mercato, cioè di quelle crypto ancorate ad un’attività di riserva stabile, ha aggiunto il suo yuan cinese offshore (CNHT) alla rete Tron.

La notizia è di poche ore fa e, quindi, presto CNHT sarà disponibile sulla blockchain di Tron. Inoltre, utilizzando proprio il livello di trasporto della blockchain di Tron, Bitfinex sarà il primo exchange a consentire agli utenti di depositare e prelevare il nuovo Chinese Yuan Stablecoin (CNHT) durante il lancio.

Il CNHT di Tether debutta su Tron: all’inizio solo ERC-20

CNHT è stata fondata nel 2019 ed è collegata allo yuan cinese offshore (CNH). Oggi, con il debutto di CNHT su Tron, la blockchain diventerà la seconda su cui sarà possibile acquistare, scambiare e detenere CNHT. Tuttavia, inizialmente sarà disponibile solo come token ERC-20 sulla rete Ethereum.

Commentando il nuovo annuncio, il CTO di Tether, Paolo Ardoino, ha espresso il suo entusiasmo per l’introduzione di CNHT nell’ecosistema Tron affermando: 

“In un momento in cui il mercato delle criptovalute sta vivendo un enorme tumulto, crediamo che il modo migliore per andare avanti sia continuare a costruire. Le cose vanno come al solito in Tether e speriamo che la nostra continua crescita ed espansione ispirino anche gli altri a continuare ad andare avanti”.

Con CNHT ora sia su Ethereum che su Tron, questa si unisce alla crescente famiglia di stablecoin di Tether. Come anticipato, le stablecoin sono particolari tipi di criptovalute ancorate ad un’attività di riserva stabile. Quindi, tendenzialmente sono caratterizzate dal fatto di avere bassa volatilità. 

Tra le stablecoin di Tether, prima dell’unione di CNHT, ne troviamo altre ancorate al dollaro USA: USDT, Euro (EURT) e Peso (MXNT)

Problemi per le riserve di Tether: vediamo perché 

Nonostante il continuo impegno di Tether in fatto di espansione e sicurezza, purtroppo la famosa crypto è stata sempre più oggetto di severe critiche ormai da diversi anni. La società, infatti, è stata spesso accusata di aver coniato token di stablecoin dal nulla per influenzare i mercati delle criptovalute.

Recentemente, il cofondatore di Tether, Reeve Collins, ha confutato le affermazioni incriminanti affermando che Tether mantiene le sue riserve, come si può vedere dalla prova delle riserve pubblicata sul loro sito ufficiale.

Inoltre, ha dichiarato: 

“Ho venduto l’azienda alla fine del 2015 e i principi continuano a farla funzionare e, a mio avviso, al meglio delle loro capacità, insieme alle migliori tattiche di mitigazione del rischio del settore. Tether ha resistito alla prova del tempo.”

Proof of Reserve: un’altra conseguenza del fallimento di FTX 

La frase “Proof of Reserve” è nata a seguito del fallimento dell’exchange di criptovalute FTX. Secondo le dichiarazioni rilasciate il 9 novembre da Changpeng Zhao, il CEO di Binance, tutti gli exchange di criptovalute dovrebbero eseguire la prova di riserva Merkle-tree. 

Infatti, sostiene CZ, le banche funzionano con riserve frazionarie, mentre gli exchange di criptovalute no. Motivo per cui Binance è stata la prima a dichiarare che avrebbe iniziato presto a fare la prova delle riserve per mantenere una piena trasparenza in favore dei suoi utenti. 

La prova di riserva, nota anche come PoR, è un processo di verifica confutabile che contribuisce a una maggiore trasparenza per le riserve di criptovaluta gestite centralmente. Infatti, PoR verifica le riserve di fondi di una piattaforma centralizzata utilizzando prove crittografiche e verifica la legittimità delle voci del portafoglio pubblico e audit di routine di terze parti. 

Così, i clienti possono utilizzare queste informazioni per determinare se la piattaforma si trova in una solida posizione finanziaria e se i loro depositi possono essere abbinati. Tuttavia, nonostante il fatto che PoR utilizzi la tecnologia blockchain, si basa ancora sull’accuratezza dei processi contabili e sulla valutazione degli asset off-chain.

Come funziona la PoR e perché è così importante nel mondo crypto 

Ad ogni modo, la prova delle riserve (PoR) è un audit indipendente effettuato da una terza parte per confermare che un depositario detenga effettivamente le attività che rappresenta per i propri clienti come in possesso. Questo revisore compila tutti i saldi detenuti in un albero Merkle utilizzando un’istantanea anonima degli stessi. 

In particolare, un Merkle è uno schema di impegno crittografico in cui viene identificato l’hash crittografico di ogni “foglia” o nodo. Questi vengono utilizzati principalmente per controllare i dati che sono stati gestiti, inviati o archiviati tra computer. Nonostante sia stata creata nel 1979, l’idea è ancora ampiamente utilizzata nelle reti blockchain peer-to-peer.

Il revisore ottiene quindi una radice Merkle, che è un’impronta digitale crittografica utilizzata per identificare la particolare combinazione dei saldi al momento in cui è stata scattata l’istantanea.
A quel punto, il revisore raccoglie le firme digitali create dall’exchange di criptovalute che attestano chi ha il controllo degli indirizzi on-chain con saldi accessibili al pubblico. Infine, il revisore fa un confronto e controlla se questi saldi sono maggiori o uguali ai saldi dei clienti mostrati nell’albero Merkle.

Il metodo PoR aveva senso ed è stato elogiato da molti nella comunità crittografica perché sembrava essere un passo verso un ecosistema crittografico più trasparente. Utilizzando i registri delle transazioni e le attività specifiche detenute, gli exchange centralizzati possono registrare le passività di ciascun conto.

In generale, gli effetti della scomparsa di FTX hanno spinto a richiedere un controllo normativo più rigoroso sul mercato delle criptovalute. Mentre i principali partecipanti al mercato continuano a fornire una certa trasparenza nel tentativo di riconquistare la fiducia del pubblico, gli esperti ritengono che non si possa fare affidamento solo sulla prova delle riserve.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.