HomeNFTGamingFight Out: il progetto crypto move-to-earn per gli amanti del fitness

Fight Out: il progetto crypto move-to-earn per gli amanti del fitness

Fight Out è il nuovo progetto crypto move-to-earn (M2E) che sta conquistando gli amanti del fitness con lo scopo di realizzare vere palestre con funzioni associate al Web3.

Al momento, è possibile acquistare il token FGHT con un bonus fino al 50%, ed è in corso un giveaway da 250.000$ in FGTH.

Fight Out: cos’è il nuovo progetto crypto move-to-earn

Il nuovo progetto crypto di Fight Out è basato sulla formula del move-to-earn che ricompensa gli utenti per i loro allenamenti ginnici nella vita reale. Infatti, l’utente potrà migliorare le statistiche del suo avatar man mano che farà progressi atletici con i suoi allenamenti fisici. 

Per accedere all’app di fitness Fight Out, bisogna partecipare ad un abbonamento che permette di creare un profilo digitale così da ricevere consigli di allenamento personalizzati. 

Nello specifico, l’app monitorerà i movimenti, sforzi, ma anche nutrizione e qualità del sonno dell’utente per proiettarli sul suo personale avatar che non può essere né venduto né scambiato.

L’obiettivo di tale progetto ibrido tra mondo fisico e digitale è quello di avanzare poi nel raccogliere fondi per creare vere e proprie palestre fisiche del Web3, e cioè con sensori che tracciano gli allenamenti o “specchi” che riflettono l’immagine del proprio avatar usato nell’app. 

Fight Out, i due token FGHT e REPS e i bonus in corso

Il progetto crypto per gli amanti del fitness utilizza due token: FGHT e REPS. FGHT sarà utilizzato per realizzare e sviluppare palestre del mondo reale, mentre REPS è il token con cui gli utenti saranno premiati. 

In pratica, col token REPS, gli utenti possono chiedere sconti per gli abbonamenti all’app o in palestra, o può essere utilizzato per pagare sessioni speciali con personal trainer, o ancora, per acquistare attrezzi o integratori o altro. 

https://twitter.com/FightOut_/status/1612856956766621712

“Non perdete l’occasione di far parte di qualcosa di speciale! Unisciti a questa rivoluzionaria piattaforma di fitness #MoveToEarn e aiutaci a plasmare il futuro del fitness! Acquista subito $FGHT per ottenere un bonus del 50% prima che la fase 1 si esaurisca!”

Al momento, Fight Out sta offrendo ai nuovi investitori un bonus fino al 50% per l’acquisto di FGHT, così da partecipare al progetto move-to-earn. 

Non solo, per incentivare l’acquisto di FGHT, il progetto ha messo in palio un giveaway da 250.000$ in token FGTH 

https://twitter.com/FightOut_/status/1608463000687484929

“Partecipa al concorso FightOut e vinci 250.000 dollari! Ti abbiamo dato 10 modi diversi per partecipare, quindi approfittane! Ricorda, devi possedere $FGHT per richiedere il premio!”

In generale, la presale di Fight Out è ancora al primo stage, e i token FGHT sono disponibili a 0,0166$. Al momento, il progetto crypto ha già raccolto 2,8 milioni di dollari. 

La formula del move-to-earn

La formula del move-to-earn non è del tutto nuova, anzi, esistono già progetti crypto che la utilizzano. 

Tra i più famosi c’è STEPN, l’app Web3 che permette a chi ha gli NFT (che rappresentano delle sneakers) della sua collezione, di guadagnare token GMT camminando. 

Nel secondo trimestre 2022, STEPN ha ottenuto ben 122.5 milioni di dollari di profitti che, secondo le affermazioni del progetto, sono stati spesi per migliorare la piattaforma in termini di sicurezza, per ampliare il personale e per creare nuovo merchandising. 

Un’altra app della formula move-to-earn è Sweatcoin (SWEAT) che registra i passi fatti dall’utente nella giornata, remunerandolo in SWEAT.  L’app è utilizzabile tramite Android, iPhone e smartwatch. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS