La lettera del co-fondatore Winklevoss di Gemini: la truffa ai danni del programma Earn
La lettera del co-fondatore Winklevoss di Gemini: la truffa ai danni del programma Earn
Criptovalute

La lettera del co-fondatore Winklevoss di Gemini: la truffa ai danni del programma Earn

By Alessia Pannone - 11 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Nelle ultime ore, Cameron Winklevoss, co-fondatore dell’exchange di crypto Gemini, si è scagliato apertamente contro Barry Silbert, CEO di DGC

Infatti, Winklevoss ha scritto una lettera aperta al consiglio di amministrazione di Digital Currency Group (DCG) affermando che il CEO Barry Silbert non era adatto a dirigere l’azienda.

In particolare, Winklevoss sostiene che nessuna strada sarà percorribile finchè Silbert rimarrà CEO di DCG. Inoltre, secondo la lettera del co-fondatore di Gemini, gli scambi ricorsivi tra il Grayscale Bitcoin Trust e l’hedge fund Three Arrows Capital avrebbero gonfiato gli asset. 

Winklevoss di Gemini si scaglia contro DCG: Genesis gli deve $900 milioni

Come anticipato, in una lettera del 10 gennaio, Winklevoss ha affermato che Silbert e Genesis Global Capital, una sussidiaria di DCG, avevano truffato più di 340.000 utenti che facevano parte del programma Earn di Gemini. 

La lettera ha fatto seguito a un appello del 2 gennaio su Twitter rivolto direttamente a Silbert, in cui il co-fondatore di Gemini ha affermato che Genesis doveva all’exchange $900 milioni, accusando l’amministratore delegato di nascondersi dietro avvocati, banchieri di investimento e processi. 

Gemini, in seguito, ha informato i suoi utenti di aver terminato il suo programma Earn a partire dall’8 gennaio.

Secondo Winklevoss, Genesis ha prestato più di 2,3 miliardi di dollari a Three Arrows Capital, una mossa che alla fine ha lasciato la società di criptovalute con una perdita di 1,2 miliardi di dollari, una volta che l’hedge fund è fallito nel giugno 2022. 

Il co-fondatore di Gemini ha inoltre affermato che Silbert, DCG e Genesis hanno orchestrato “un attenta campagna artigianale di bugie” a partire dal luglio 2022 nel tentativo di dimostrare che DCG aveva iniettato i fondi in Genesis, includendo una cambiale di dieci anni come parte delle sue attività.

Winklevoss ha affermato che il CEO di Genesis, Michael Moro, è stato complice di questa doppiezza, rilasciando dichiarazioni false e fuorvianti sui social media riguardanti il fatto che DCG fornisse capitale a Genesis.
Inoltre, ha dichiarato che alcuni membri del personale DCG avevano lavorato dietro le quinte per coprire la mancanza di capitalizzazione adeguata alla Genesis. La lettera di Winklevoss è stata postata sul profilo Twitter ufficiale del co-fondatore di Gemini, in cui si legge: 

“Aggiornamento Earn: una lettera aperta al consiglio di DGC”. 

Nella lettera, invece, si legge: 

“Queste false dichiarazioni erano un gioco di prestigio progettato per far sembrare che Genesis fosse solvibile e in grado di adempiere ai propri obblighi nei confronti dei finanziatori, senza che DCG si impegnasse effettivamente per il sostegno finanziario necessario per renderlo vero. DCG voleva avere la sua torta e mangiarla anche lei.” 

La risposta di Silbert alla lettera del co-fondatore di Gemini Winklevoss 

Secondo alcune fonti, voci interne del DCG definiscono la lettera di Winklevoss una “trovata pubblicitaria disperata e poco costruttiva”, affermando che Winklevoss e Gemini erano gli unici responsabili del funzionamento di Gemini Earn e del marketing del programma per i propri clienti. 

L’azienda ha suggerito che potrebbe intraprendere un’azione legale, se necessario.

In particolare, Silbert ha affrontato alcune delle affermazioni di Winklevoss in una lettera del 10 gennaio agli azionisti, in cui ha affermato che Genesis aveva un rapporto commerciale e di prestito sia con Three Arrows Capital che con Alameda Research

Inoltre, ha aggiunto che DCG non ha ricevuto alcun contante, criptovaluta o altra forma di pagamento per una cambiale da $ 1,1 miliardi per le passività di Genesis.

In più, il CEO di DGC ha chiarito la sua posizione anche in merito alla questione monetaria, affermando: 

“DCG attualmente deve a Genesis Capital 447,5 milioni di dollari in USD e  4.550 BTC (78 milioni di dollari), con scadenza a maggio 2023. DCG ha preso in prestito $ 500 milioni in USD tra gennaio e maggio 2022 a tassi di interesse del 10%-12%.”

A differenza di quanto espresso nella sua lettera del 2 gennaio, Winklevoss ha chiamato direttamente il consiglio di DCG per rimuovere Silbert nel tentativo di fornire una soluzione per gli utenti di Earn. In risposta a quella lettera, Silbert ha affermato che DCG non ha preso in prestito $ 1,675 miliardi da Genesis e non ha mai perso un pagamento di interessi a Genesis, essendo aggiornato su tutti i prestiti in essere. 

Ad ogni modo, Winklevoss rimane nella sua posizione. Infatti, possiamo leggere il duro attacco da lui sferrato ai danni di Silbert: 

“Non c’è strada da percorrere finché Barry Silbert rimane CEO di DCG. Si è dimostrato inadatto a gestire DCG e riluttante e incapace di trovare una risoluzione con i creditori che sia equa e ragionevole. Di conseguenza, Gemini, agendo per conto di 340.000 utenti di Earn, chiede al Consiglio di rimuovere Barry Silbert dalla carica di CEO.”

I fondi bloccati di Gemini: la citazione in giudizio per il programma Earn 

Nonostante le parti sopra citate stiano entrambe affrontando difficoltà finanziarie notevoli, è stata Gemini ad essere citata in giudizio la scorsa settimana per il denaro bloccato nel suo programma Earn.

Così, già il 2 gennaio, 47 giorni dopo l’interruzione dei prelievi da parte di Genesis, Winklevoss aveva già scritto a Silbert facendo una valutazione schietta in merito alle pratiche commerciali di DCG. 

Come anticipato, Winklevoss accusa Genesis in quanto, secondo il co-fondatore, deve a Gemini $900 milioni per i fondi che Gemini gli ha prestato come parte del programma Gemini Earn. 

Winklevoss, infatti, aveva scritto: 

“Nelle ultime sei settimane abbiamo fatto tutto il possibile per impegnarci con voi in buona fede e in modo collaborativo al fine di raggiungere una risoluzione consensuale per farvi rimborsare i 900 milioni di dollari che dovete. Ogni volta che ti chiediamo un impegno tangibile ti nascondi dietro avvocati, banchieri d’investimento e processi.” 

Nello specifico, Gemini è stato citato in giudizio dagli investitori il 27 dicembre. La causa sostiene che Gemini abbia commesso frodi e violazioni delle leggi sui titoli perché il programma Earn non era registrato e gli investitori non erano in grado di valutare appieno i suoi rischi. Infatti, Earn ha smesso di pagare gli investitori a novembre.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.