Disponibili le partite private di Apex Legends game: la nuova funzionalità per i giocatori. Tutto ciò che c’è da sapere
Disponibili le partite private di Apex Legends game: la nuova funzionalità per i giocatori. Tutto ciò che c’è da sapere
Gaming

Disponibili le partite private di Apex Legends game: la nuova funzionalità per i giocatori. Tutto ciò che c’è da sapere

By Alessia Pannone - 16 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Il nuovo evento “Spellbound Collection” di Apex Legends game è stato lanciato martedì, ma il suo incantevole e innovativo set cosmetico non è l’unica nuova aggiunta fatta al gioco. Infatti, l’aggiornamento dell’evento ha introdotto anche una funzionalità tanto attesa: le partite private. 

La nuova funzionalità consente ai giocatori di organizzare i propri giochi privati ​​tra amici e organizzare tornei, fattore che rafforzerà sicuramente la scena competitiva del gioco al di fuori delle competizioni ufficiali di eSport come ALGS. 

Tuttavia, la nuova funzionalità ha lasciato perplessi alcuni fan, soprattutto per quanto riguarda i trenta giocatori necessari per iniziare una partita privata. Inoltre, vi sono novità anche dal punto di vista della compatibilità LTM alle impostazioni di personalizzazione. Vediamole passo per passo. 

Apex Legends game: modalità e mappe 

Apex Legends game apre la possibilità per i giocatori alle partite private e tante sono le novità in merito, così come, purtroppo, alcuni problemi riscontrati dai giocatori. Prima tra tutte, la funzione di corrispondenza privata che è disponibile su tutte le piattaforme. 

Anche se, al momento Respawn ha dichiarato che le funzionalità di chat sono attualmente limitate su console a causa di un bug che, però, è stato esaminato. A parte questo problema temporaneo, tutte le piattaforme sono uguali in termini di accesso alle partite private.

Non c’è limite al numero di partite che possono essere giocate in una partita privata e i giocatori possono competere in esse sia nella classica modalità battle royale che nella modalità 3v3 Arenas. Al momento, non sono accessibili modalità a tempo limitato, sebbene Respawn abbia lasciato intendere che le LTM potrebbero presto unirsi ad altre modalità. 

Per quanto riguarda le mappe, invece, queste sono tutte in palio, con l’eccezione di quelle che mancano dalla rotazione delle mappe della stagione in corso. Ad esempio, Kings Canyon non è attualmente disponibile in modalità battle royale e non lo sarà fino a quando non sarà nuovamente disponibile, cioè quanto entrarà nella rotazione della mappa della partita pubblica. Lo stesso concetto vale anche per le mappe Arenas.

Inoltre, sebbene le partite Apex standard siano composte da 60 giocatori, per iniziare una partita Battle Royale privata è necessario solo un minimo di 30 giocatori. Ad ogni modo, se non si hanno questi ultimi, per una partita privata nelle arene occorrono solo sei giocatori.

Come funziona il nuovo Apex Legends Game: tutti i dettagli 

Per iniziare, basta aprire il menu della modalità di gioco in basso a sinistra nella schermata principale della lobby. Nella parte superiore del menu, vi sono due schede con la dicitura “corrispondenza pubblica” e “corrispondenza privata”. La scheda della corrispondenza pubblica è selezionata come impostazione predefinita, quindi si dovrà selezionare l’opzione di corrispondenza privata.

In seguito, vengono offerte due opzioni: creare una partita privata o unirsi a una partita in corso. Per partecipare a una partita, bisogna semplicemente selezionarla e inserire il Codice partecipante al torneo (TPC) della partita. Se, invece, si sta iniziando una propria partita privata, si verrà indirizzati a una schermata che mostra un elenco di 20 squadre da tre membri che si possono assegnare agli utenti partecipanti alla partita. 

Man mano che i giocatori si uniscono alla partita tramite TPC, i loro nomi utente appariranno in un elenco verticale sul lato sinistro dello schermo. Per assegnare i giocatori alle loro squadre, si deve trascinare il nome utente di ogni giocatore in uno degli slot vuoti nell’elenco delle squadre. 

Una volta che almeno 30 giocatori si sono uniti alla partita, bisogna controllare che siano stati caricati nella mappa. Se, ad esempio, un giocatore ha un’icona gialla rotante accanto al suo nome utente, non ha ancora finito di caricare la mappa e si dovrà aspettare per iniziare la partita. 

Una volta che tutti sono stati ordinati nelle loro squadre e pronti, bisogna selezionare  il pulsante “Inizia partita” sul lato sinistro dello schermo (appena sotto l’elenco verticale dei nomi utente dei partecipanti). 

Il problema dei trenta giocatori: le critiche degli utenti 

Come anticipato, se si vuole giocare una partita privata con Apex Legends Game è necessario trovare altre 29 persone che si uniscono. Questo requisito in particolare pare sia stato escluso dalle note sulla patch e condiviso solo in una FAQ pubblicata poco prima dell’aggiornamento stesso. 

Respawn ha twittato le informazioni come promemoria per le persone che stavano pianificando di prepararsi per una partita privata, ma dato che questo dettaglio è stato omesso dalle note sulla patch, questa è stata la prima volta che le persone hanno sentito parlare della clausola in questione. 

Di seguito, il tweet in cui si parla della clausola dei trenta giocatori: 

“Prima che le partite private diventino live più tardi oggi, volevamo ricordare alla gente che per iniziare sono necessari 30 giocatori. Per maggiori informazioni, consulta le nostre FAQ.” 

Dunque, in risposta al tweet di Respawn in cui voleva “ricordare” ai giocatori questo requisito, le persone hanno giustamente affermato che questo ha reso le partite private più uno strumento di creazione piuttosto che qualcosa utilizzabile dal giocatore medio di Apex. 

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.