Ripple: l’avvocato John E. Deaton ribadisce che la SEC è in errore
Ripple: l’avvocato John E. Deaton ribadisce che la SEC è in errore
Criptovalute

Ripple: l’avvocato John E. Deaton ribadisce che la SEC è in errore

By Stefania Stimolo - 18 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

A un passo dalla sentenza finale, l’avvocato di Ripple, John E. Deaton, ha ribadito che la SEC è in errore e che si sta sopravvalutando la sua vincita del caso. L’esperto legale sostiene ancora che XRP non soddisfa i requisiti del test di Howey e che pertanto non è una security. 

Ripple: le possibilità di vincita della SEC sono sopravvalutate

Mentre l’infinita causa “Ripple vs. Sec” è quasi arrivata al suo round finale, l’avvocato di Ripple, John E. Deaton, ha rilasciato dei suoi pensieri in merito attraverso una carrellata di tweet. 

“La SEC sostiene letteralmente che lo stesso #XRP era, è e sarà sempre un security. Leggete questa sezione della memoria amicus che ho depositato e come la dimostro: 

“La portata dell’argomentazione Howey della SEC è diventata così estesa da essere davvero indefinibile, sia nello spazio che nel tempo.

Non è così che funziona un’analisi di Howey e di certo non rende un token di per sé sempre un titolo, indipendentemente dalle circostanze. Le persone che prevedono che la SEC vincerà sicuramente e che #XRP è condannato stanno sopravvalutando le possibilità della SEC. Le accuse della SEC sono troppo distese.”

Deaton ribadisce che le possibilità di vincita della SEC sono sopravvalutate e che, ancora una volta, le affermazioni sul fatto che il token XRP sia una security seguendo l’analisi di Howey rimane un argomento problematico e difficile da realizzare.

Non solo, l’avvocato difensore e famoso commentatore del caso, Deaton, ha sottolineato i 3.000 affidavit che dimostrano che i primi acquirenti di XRP non erano a conoscenza di Ripple. 

In pratica, queste 3000 memorie amicus presentate alla corte hanno rivelato che gli utenti lo avrebbero acquistato per motivi non di investimento, ricevendo benefici da XRP completamente indipendenti da Ripple. 

Ripple e le ultime speranze di vittorie nel caso contro la SEC 

Nei suoi tweet, Deaton tocca un altro argomento che mette dubbi sulla presunta vincita della Securities and Exchange Commission degli USA, e sarebbe la testimonianza contro XRP da parte di un esperto. 

In pratica, tale esperto avrebbe tentato di definire l’intera comunità di XRP come una “impresa comune”, secondo le disposizioni del test di Howey. In questo senso, l’esperto della SEC avrebbe inteso per impresa comune, quando i profitti dell’investitore sono combinati e dipendono dal successo di terzi o di coloro che vendono l’investimento.

A tal proposito, Deaton definisce tali affermazioni infondate in quanto l’esperto non avrebbe intervistato alcun possessore di XRP e la SEC non ha incluso la posizione dell’esperto nel suo giudizio sommario.

In questo senso, l’avvocato dell’azienda blockchain sta riportando in hype le ultime speranze di vittoria per Ripple, senza dare per scontato che la SEC abbia ragione sul caso. 

La causa è nata dopo che la SEC ha citato Ripple per aver raccolto oltre 1,3 miliardi di dollari con la vendita di titoli non registrati in token XRP. Il verdetto di tale causa interesserà tutto il mercato crypto, soprattutto per intendere se un token con le caratteristiche di XRP possa essere definito come security. 

Le oscillazioni del prezzo di XRP

Nell’ultima settimana, è possibile notare come gli holders e traders di XRP siano in fibrillazione, anche senza fare manovre di grosse dimensioni. 

E infatti, il prezzo di XRP, tra acquisti e vendite del token, oscilla in continuazione, seppur rimanendo sopra gli 0,38$. 

Al momento della scrittura, XRP vale 0,3878$, mentre negli ultimi 4 giorni, il prezzo aveva toccato anche 0,406$. Certo, ancora ben lontani dai 0,75$ dell’anno scorso, ma ben in linea col trend generale delle crypto, capitanato da Bitcoin (BTC) che ora vale 21.313$. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.