HomeBlockchainSicurezzaAnalisi degli hack e degli exploit che hanno colpito l’ecosistema crypto nel...

Analisi degli hack e degli exploit che hanno colpito l’ecosistema crypto nel 2022

Sebbene nell’ultimo periodo siano decisamente in calo, il 2022 è stato uno dei peggiori anni per il mondo crypto riguardo gli hack e gli exploit di criptovalute. 

Il settore ha registrato perdite di circa 2,8 miliardi di dollari, un dato che non si vedeva dal lontano 2013. 

Il 47% di questi fondi è stato rubato utilizzando varie metodologie di hacking ed exploit. 

Le criptovalute sono state una delle innovazioni tecnologiche più significative degli ultimi tempi. 

Ha il potenziale per cambiare il modo in cui il mondo opera, offrendo transazioni finanziarie decentralizzate, sicure e veloci.

Tuttavia, le stesse caratteristiche che rendono le criptovalute così attraenti le rendono anche un obiettivo primario per gli attacchi informatici. In questo articolo esamineremo i metodi più dannosi di hack ed exploit di criptovalute avvenuti nel 2022.

Gli hack e gli exploit più frequenti del settore crypto nel 2022

Truffe di phishing

Le truffe di phishing rimangono uno dei metodi più popolari utilizzati dagli hacker per rubare criptovalute. Si tratta di un tipo di attacco di ingegneria sociale in cui l’hacker si spaccia per un’entità affidabile e induce la vittima a fornire le proprie informazioni private, comprese le credenziali del portafoglio di criptovalute. 

Nel 2022, le truffe di phishing erano particolarmente diffuse sulle piattaforme di social media, dove gli hacker si spacciavano per note borse di criptovalute e offrivano monete gratuite per indurre gli utenti a fornire le proprie informazioni.

Attacchi malware

Gli attacchi malware sono un altro metodo comune di furto di criptovalute. In questi attacchi, l’hacker infetta il dispositivo della vittima con un malware progettato appositamente per rubare criptovalute.

Il malware può rubare le informazioni private della vittima, monitorare la sua attività online e persino manipolare le sue transazioni per rubare i suoi fondi. Nel 2022 sono stati segnalati diversi casi di attacchi malware che hanno causato ingenti perdite agli utenti di criptovalute.

Hackeraggio degli exchange

Gli exchange di criptovalute sono la spina dorsale dell’industria delle criptovalute.

Forniscono agli utenti una piattaforma per acquistare, vendere e conservare le loro criptovalute. 

Tuttavia, questi exchange sono anche obiettivi primari per gli hacker a causa delle grandi quantità di criptovalute che vengono memorizzate sui loro server.

Nel 2022, diversi noti exchange di criptovalute sono stati violati, con il conseguente furto di milioni di dollari in criptovalute. Questo non solo ha causato significative perdite finanziarie per gli utenti, ma ha anche provocato una perdita di fiducia nella sicurezza delle borse di criptovalute.

Attacchi del 51%

L’attacco del 51% è un tipo di attacco che si verifica su una rete decentralizzata come una blockchain. In questo attacco, un gruppo di minatori ottiene il controllo del 51% della potenza di calcolo della rete e la utilizza per manipolare le transazioni della rete. 

Questo può portare al furto di criptovaluta e all’annullamento di transazioni legittime.

Nel 2022, diverse criptovalute su piccola scala sono state colpite da attacchi al 51%, con conseguenti perdite significative per i loro utenti.

Sfruttamenti degli smart contract

Gli smart contract sono contratti auto-esecutivi costruiti sulla blockchain. Sono progettati per essere a prova di manomissione e sicuri, ma come ogni codice, possono contenere vulnerabilità che possono essere sfruttate dagli hacker. 

Nel 2022 sono stati segnalati diversi exploit di smart contract di alto profilo, che hanno portato al furto di milioni di dollari in criptovalute.

Crypto: come si possono prevenire hack e attacchi informatici?

Resta ancora difficile giungere a un metodo di protezione finale, che metterà fine ai ransomware e renderà più sicura la navigazione. Esistono però delle pratiche che sono consigliate per evitare di cadere in determinati attacchi. 

Innanzitutto, bisogna avere un rigoroso controllo di ciò che entra nei dispositivi, grazie a questo si può evitare o meglio, controllare un ingresso di malware. 

I possibili ingressi sono tramite qualsiasi mezzo di condivisione della rete, quindi email, messaggistica istantanea, torrent uploading/downloading, condivisioni di file, cloud. Ma anche memorie esterne spesso connesse tramite porte USB o dischi portatili.

Si consiglia quindi di rifiutare ogni allegato ricevuto, eccetto quelli attesi, in modo da non trovarsi sorprese una volta aperti. Questo processo viene chiamato whitelisting ed aiuta molto, riducendo il numero di minacce, ma chiaramente non risolve totalmente il problema. 

Un altro consiglio è quello di evitare siti di qualità discutibili, principalmente i siti di download illegali. Evitare inoltre il dark web o i file torrent, non si ha nessuna certezza su ciò che si sta scaricando o cercando. 

I processi di prevenzione, sono un insieme che crea il cosiddetto igiene digitale. L’igiene digitale aiuta molto contro i ransomware ed è lo strumento di punta strategico della digitalizzazione e dell’innovazione. 

Purtroppo, però, pur essendo davvero importante, non è ancora completamente sufficiente a prevenire. Adottando una buona igiene digitale, si riduce il rischio, ma non si annulla.

La buona notizia è che gli attacchi stanno diminuendo molto nel corso del tempo, se si continua con questo trend, cadranno ancora di più nel 2023. Sperando che aumentino ancora di più le tecniche di igiene digitale. 

In conclusione, il settore delle criptovalute ha fatto molta strada dalla sua nascita, ma è ancora vulnerabile agli attacchi informatici. 

Poiché il settore continua a crescere, è fondamentale che gli utenti siano consapevoli dei metodi utilizzati dagli hacker e che prendano le misure necessarie per proteggere i propri fondi.

Tra queste, l’utilizzo di password forti, l’attivazione dell’autenticazione a due fattori e l’evitare link o e-mail sospetti. Adottando queste precauzioni, gli utenti possono ridurre il rischio di cadere vittime di hacker ed exploit di criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS