HomeBlockchainAlgorand tra i migliori Layer 1 delle blockchain

Algorand tra i migliori Layer 1 delle blockchain

Algorand si pone come uno tra i Layer 1 più funzionali del mondo crypto. 

L’analisi del Layer 1 Algorand e il confronto con i principali competitor

I Layer 1 nel fantastico mondo delle crypto hanno un posto speciale e sono tutte quelle chain molto simili ad Ethereum.

Ci sono molti competitor che si vorrebbero fregiare del titolo “Ethereum killer”, ma ad oggi nessuna è riuscita nell’intento. 

È un segmento pieno di competitor che prova ad offrire velocità ed efficienza sempre migliori. 

Ethereum è la chain più usata e blasonata, ma Vitalik Buterin stesso sa che è un network lento e più costoso di altri. 

La società di ricerca CoinCodex ha provato ad analizzare sei Layer 1 tra cui Ethereum, Cardano, Solana, Avalanche, Algorand e Internet Computer per capirne differenze e pregi. 

Algorand si è ben piazzato, al terzo posto nella speciale classifica e uno dei punti di forza è stata di certo la velocità. 

Algorand riesce a processare ben 20 TPS ogni 4,5 secondi e un’elaborazione di 1.200 TPS con finalità istantanea che vuole aumentare a 3.000 TPS. 

Per quanto riguarda la velocità la società si è piazzata terza subito dietro ad Avalanche 4500 TPS in 2,5 secondi e Internet Computer, 11500 TPS al secondo. 

Algorand si basa sulla Pure Proof-of-Stake, chi propone i blocchi e chi li verifica sono selezionati dall’algoritmo VRF (Verifiable Random Function). 

Contrariamente ai protocolli Proof-of-Stake classici così facendo sì velocizza il processo di calcolo ed Algorand risulta nei fatti più scalabile.

Algorand vanta più o meno 2.000 nodi su un server centrale e si affida ad AWS per scalare la propria rete.

On chain, invece, la società usa l’InterPlanetary File System (IPFS) come data storage. 

Lo stesso problema di Avalanche è Cardano si presenta per Algorand che è costretto a gestire le proprie chiavi portando a problemi con i wallet. 

Nella classifica totale come dicevo sopra, Algorand si piazza terzo a pari merito con  Avalanche.

Uno dei punti di forza di Algorand è la certificazione delle sue componenti così da attirare gli investitori istituzionali, la cosa è curata nello specifico dal ricercatore Silvio Micali.

Investors Observer dà alla società crypto un grado di volatilità abbastanza basso (32) tra quel 30% delle crypto meno volatili. 

ALGO è ritenuto poco volatile è frutto dell’analisi del rischio e del rendimento che ha rivelato basse oscillazioni e difficilmente attaccabile da speculazioni.

L’andamento della crypto ALGO

Algorand (ALGO) inizia a frenare la sua crescita giovedì ma secondo gli analisti è solo una battuta d’arresto momentanea. 

Nel novembre del 2021, il prezzo di ALGO toccò il suo All Time High (ATH) di 2,990 dollari. 

Dal giorno del picco massimo due anni fa ad oggi il token ha subito una parabola inesorabilmente discendente. 

Una volta toccati gli 0,16 dollari, Algorand ha iniziato a risalire la china.

Il valore scende ma se la resistenza a 0,410 sarà bucata, il token andrà a testare la successiva resistenza a 0,170 dollari. 

Il valore del token è sceso da una parabola negativa per poi convalidarla come resistenza. 

La perdita di valore era stato in un certo qual modo prevedibile dalla differenza ribassista dell’RSI. 

Se dovessimo basarci sul calcolo delle probabilità il movimento ribassista è dato 3 a 1. 

A quel punto le resistenze poste come obiettivo sarebbero quelle a 0,5-0,618 Fib. 

In buona sostanza la maggior parte degli analisti ritiene che Algorand in questo fine mese continuerà la sua discesa proprio verso le aree sopra indicate. 

Se il token riuscisse a far sua la linea di supporto ascendente nel breve periodo allora la correzione potrebbe essersi esaurita ed ALGO potrebbe puntare a 0,410 dollari.

George Michael Belardinelli
George Michael Belardinelli
Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS