HomeNFTBlur: il co-fondatore Pacman si rivela sul social dei crypto-lovers

Blur: il co-fondatore Pacman si rivela sul social dei crypto-lovers

Il co-fondatore del marketplace NFT del momento Blur, si è rivelato alla community dei crypto-lovers su Twitter, col nome di Pacman. In realtà, il giovane 24enne si chiama Tieshun Roquerre e ha raccontato di aver abbandonato gli studi sia alla scuola superiore che al MIT. 

Blur: il co-fondatore svela la sua identità sul social dei crypto-lovers Twitter

In una carrellata di tweet, visualizzati al momento della scrittura da ben 1,1 milioni di utenti, Tieshun Roquerre, in arte “Pacman”, rivela di essere il co-fondatore del marketplace NFT del momento, Blur. 

“Web2 me vs Web3 me

Quando abbiamo iniziato a lavorare su Blur, 401 giorni fa, ho avuto una conversazione con @_anishagnihotri sull’opportunità di fare doxx o di costruire in modo pseudonimo. Ero indeciso su entrambe le scelte, ma Anish mi ha fatto notare che essere pseudonimi mi dava la possibilità di fare doxx in seguito. È difficile dire di no alle opzioni gratuite!”

Il 24enne racconta di come abbia scelto inizialmente di costruire la piattaforma Blur in versione anonima, godendo della privacy di uno pseudonimo. Ma ai livelli di crescita attuali che hanno superato il leader di settore OpenSea, il ragazzo ha deciso di rivelare la sua identità. 

In questa sua prima descrizione su Twitter, Pacman racconta in quattro punti la sua giovane carriera come segue:

  • Ho abbandonato la scuola superiore per entrare in Y Combinator a 17 anni.
  • Ho studiato matematica e informatica al MIT
  • Ho ricevuto una borsa di studio Thiel per lasciare il MIT e avviare Namebase.
  • Ho Venduto Namebase a Namecheap

Blur: il co-fondatore sceglie di seguire con la sua identità avatar di Pacman

Sempre nei suoi tweet, il co-fondatore di Blur ha poi specificato di voler continuare ad essere riconosciuto come la sua versione avatar “Pacman”. 

Secondo quanto riportato, Roquerre è un ventiquattrenne che ha lavorato come ingegnere informatico presso il sito di e-commerce Teespring e ha poi abbandonato la scuola superiore. Ha poi co-fondato StrongIntro e l’ha portata avanti attraverso l’acceleratore di startup Y Combinator. 

Il giovane ha poi trascorso un periodo di due anni al Massachusetts Institute of Technology (MIT) prima di abbandonare gli studi per fondare la startup di domini crypto Namebase, per la quale ha raccolto $5 milioni e che ha poi venduto a Namecheap nel giro di tre anni. 

Blur è stato lanciato lo scorso ottobre con in previsione il lancio del token BLUR all’inizio del 2023 per i trader NFT. 

Il boom immediato del token BLUR

BLUR, il token di Blur, è stato lanciato sul crypto-exchange di Huobi esattamente il 14 febbraio, con la coppia di scambio BLU/USDT. 

Il prezzo iniziale di BLUR è stato di 0,01$, ma in quello stesso giorno BLUR è arrivato a toccare il prezzo di 9,90$ che sarebbe ad oggi il suo massimo storico (o ATH – All Time High). 

Ovviamente si è trattato di un pump di prezzo da esordio di quasi +10.000% in qualche ora, che subito dopo è finito per assestarsi intorno a 1$, il prezzo attuale al momento della scrittura. 

E infatti, il prezzo di BLUR dal suo esordio ad oggi ha oscillato da minimi di 0,60$ a massimi da 1,3$. 

Oltre Huobi, è possibile già ora tradare BLUR su altri crypto-exchange come OKX, Deepcoin, BTCEX, ByBit e Bitget.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS