HomeCriptovaluteCrollo delle azioni Coinbase

Crollo delle azioni Coinbase

Le azioni dell’exchange crypto Coinbase perdono quasi il 9% in Borsa registrando una delle performance peggiori tra le azioni in perdita.

Inizia in salita la settimana del DowJones dopo una giornata caratterizzata da alta volatilità causata soprattutto dal crollo del Tech. 

Le azioni Coinbase incontrano una battuta di arresto 

Coinbase (COIN) è di certo la piattaforma di scambio più longeva ma mentre un tempo era la prima per volumi oggi è relegata al terzo posto. 

Il lancio della piattaforma a Wall Street avvenne due anni fa. 

La società, valutata 63 miliardi di dollari passò nel suo debutto dai 250 ai 318 dollari per poi tornare presto a perdere terreno.

Dall’inizio dell’anno il titolo ha guadagnato il 73% ma oggi COIN perde il 9,16% ed arriva a 59,30 Euro. 

Il padre degli exchange crypto Coinbase, qualche settimana fa ha annunciato di voler lanciare una propria rete Layer 2 di Ethereum. 

La notizia aveva smosso gli animi degli investitori ma dopo una calda accoglienza iniziale sono rimasti alla finestra in attesa di novità più concrete sul progetto. 

La rete layer 2 di nuova nascita che si chiama Base ha debuttato il 23 febbraio e in contemporanea le azioni della piattaforma hanno guadagnato il 6% nelle 24 ore. 

La nuova rete ha il vantaggio di elaborare le transazioni singolarmente come layer 2 di Ethereum

La rete è un upgrade della blockchain già esistente e consente una velocità di operazioni maggiori che diversamente non sarebbe possibile processare. 

Base velocizza le transazioni, l’elaborazione dei dati e fee sempre più esigue. 

Le transazioni sono dieci volte più veloci che nella blockchain nativa e altrettanto più economiche rispetto a quanto Ethereum permette. 

Nonostante il ritracciamento di Coinbase le notizie nel lungo periodo lasciano pensare che la corsa del titolo non cesserà. 

Grazie all’upgrade raggiunto con la creazione della rete Layer 2 Base, Coinbase è ad oggi l’unica società crypto di Wall Street ad avere questo tipo di rete. 

Le azioni arrancano nel tech in attesa di Powell 

Il settore tecnologico era andato in scia dei pessimi risultati di Apple ma soprattutto iniziava a sentire la pressione per le parole di Jerome Powell. 

Il Presidente della Federal Reserve dovrebbe intervenire tra questa sera e domani dando secondo gli analisti più attenti indicazioni di guida al mercato in attesa del prossimo FOMC. 

Il Nasdaq Composite non naviga in acque migliori e scende dello 0,1% così come lo Standard & Poor 500.

La stessa sorte incorsa ai titoli tecnologici contagia anche quelli Growth che perdono punti e valore a differenza delle azioni Treasury in grande spolvero. 

I Treasury volgono al segno più a fine seduta per l’avvicinarsi dello speech di Powell a Capitol Hill. 

Dal palco di Capitol Hill il presidente della Federal Reserve americana secondo gli analisti darà delle indicazioni che anticiperanno le decisioni del prossimo FOMC. 

La politica monetaria secondo la maggior parte degli investitori potrebbe essere guidata dalle parole di Powell già tra oggi e domani in attesa dei prossimi appuntamenti. 

Scotiabank ha commentato quanto segue:

“La testimonianza è fondamentale perché se Powell vuole influenzare il prezzo di mercato per le decisioni che verranno prese nella riunione del FOMC del 21-22 marzo, questa è la sua ultima e migliore occasione per farlo”. 

La prossima settimana terranno banco due importanti appuntamenti con i dati che fungono da market makers dell’economia Americana e di conseguenza mondiale. 

Il report sui non farm payroll sarà diffuso venerdì mentre il dato sull’inflazione sarà diffuso prossimamente e avrà come è facile desumere un peso importante sulle scelte della Fed.

George Michael Belardinelli
George Michael Belardinelli
Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS