HomeCriptovaluteUna nuova carta Visa crypto in Australia

Una nuova carta Visa crypto in Australia

Wirex ha annunciato l’emissione di una nuova carta Visa crypto in Australia grazie ad una collaborazione con Novatti. 

Wirex è stata la prima società ad emettere una carta Visa alimentata con criptovalute, ed ora i suoi servizi sono utilizzati da più di 5 milioni di clienti in tutto il mondo. La carta supporta 12 valute fiat ed oltre 130 criptovalute, spendibili in 80 milioni di località nel mondo grazie alla rete Visa. 

Di recente tra le stablecoin supportate hanno aggiunto True AUD (TAUD), ovvero una stablecoin ancorata al valore del dollaro australiano, e questo ha fatto da apripista per il mercato locale. 

Wirex in Australia con una nuova carta crypto Visa 

Grazie ad una partnership stretta con l’emittente di carte Novatti, Wirex ora potrà emettere anche carte crypto dedicate agli australiani, potenzialmente utilizzabili da oltre 20 milioni di persone. A tutti gli utenti sarà comunque richiesto di superare i controlli KYC ed i requisiti AML.

La regione APAC (Asia-Pacifico) è attualmente la regione in più rapida crescita per Wirex, grazie ad uno dei più alti livelli di adozione crypto al mondo, e così l’Australia è diventata un mercato importante per Wirex.

Wirex è una piattaforma di pagamento digitale mondiale nata già nel 2015, mentre Novatti è una delle principali fintech australiane dotata anche di una licenza di istituto di deposito autorizzato limitato.

L’Amministratore Delegato per l’APAC di Wirex, Svyatoslav Garal, ha dichiarato: 

“Man mano che espandiamo le nostre operazioni in Australia, abbiamo scelto strategicamente di collaborare con una fidata società australiana, Novatti, per l’emissione di carte. Essere in grado di espandere la nostra offerta di prodotti consentirà a più utenti di continuare a sfruttare i vantaggi di pagamenti lungimiranti”.

L’Executive General Manager Payments di Novatti, Mark Healy, ha aggiunto: 

“Lavorare con un fornitore leader di pagamenti come Wirex mette in mostra l’esperienza di Novatti nell’emissione di carte e offre l’opportunità di co-creare insieme soluzioni innovative. Con l’aumento dell’interesse per i pagamenti alternativi in Australia, siamo entusiasti di collaborare con Wirex per trasformare le loro ambizioni in realtà”.

Le carte Visa per le criptovalute

Le carte di debito crypto Visa sono normalissime carte di pagamento che operano sulla vasta rete mondiale Visa, ma hanno la particolarità di poter essere alimentate anche in criptovalute

Non sono pertanto classiche carte di debito alimentabili in valute fiat, ma sono carte speciali emesse da operatori che consentono anche di alimentarle in crypto. 

Girando su rete Visa consentono pagamenti in tradizionale valuta fiat, ma avendo alle spalle un emittente crypto, non è necessario alimentarle solo ed esclusivamente in valute fiat. 

Va detto che si tratta di carte di debito, e non di credito, ovvero per poter effettuare dei pagamenti vanno prima caricate con la valuta fiat con cui si desidera pagare. 

Solitamente in questi casi è l’utente stesso a caricarle con valuta fiat, mentre nel caso specifico delle carte crypto l’utente può caricarle utilizzando criptovalute. 

Il processo è molto semplice: al posto che inviare valuta fiat al conto su cui è appoggiata la carta di debito, l’utente invia le proprie criptovalute all’emittente della carta che le converte in valuta fiat ai tassi di cambio di mercato in quel momento e procede così alla ricarica della carta di debito con la valuta fiat così ottenuta. 

In altre parole si tratta di normale carte di debito che però alle spalle hanno un emittente di servizi crypto che si prende l’incarico di convertire le criptovalute dell’utente in valuta fiat con cui ricaricare il conto su cui si basano. 

In alcuni casi tale conversione è immediata ed automatica, ma questo spesso implica tassi di cambio sconvenienti o spread non contenutissimi. 

Se, invece, è l’utente stesso a convertire in anticipo le criptovalute in fiat la conversione può avvenire a tassi di cambio più convenienti, e magari anche con spread più limitati. In tal caso però tocca poi all’utente inviare la valuta fiat al conto della carta. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS