HomeCriptovaluteAGIX traina le crypto basate sull'intelligenza artificiale (AI)

AGIX traina le crypto basate sull’intelligenza artificiale (AI)

All’uscita di nuove notizie da parte di Google sull’intelligenza artificiale (AI), AGIX è volato e con esso anche le altre crypto riconducibili a questa tecnologia. 

Quando esce una nuova notizia su un comparto specifico ad esempio l’AI (artificial intelligence) tutte le crypto legate ad esso come ad esempio AGIX subiscono forti variazioni. 

AGIX: la crypto dell’intelligenza artificiale (AI)

Ad ogni nuova notizia sul fantastico mondo dell’intelligenza artificiale le società crittografiche che hanno a che fare a vario titolo con questa tecnologia subiscono variazioni significative. 

Il trend dell’AI cavalcato da ChatGPT è uno dei trend in assoluto più performanti dell’ultimo trimestre 2022 e di questo 2023.

Nonostante dal punto di vista tecnico sempre più esperti ritengono complesso e forse non proficuo unire blockchain, crittografia e intelligenza artificiale, molti speculatori cavalcano l’onda. 

ChatGPT 4 è stato recentemente annunciato e questo è bastato per smuovere le società legate a l’ AI. 

L’upgrade di ChatGPT non è l’unica notizia positiva del comparto. Infatti, anche Google ha annunciato di volere unire la tecnologia AI ad alcuni suoi sistemi. 

Gmail e Google Docs, saranno i primi che in casa Google godranno dell’aiuto della tecnologia dell’artificial intelligence. 

Nel frattempo AGIX ha vissuto una vera e propria impennata nel valore e con esso anche tutti quei token che hanno a che fare con la tecnologia di cui sopra.

In due giorni si sono accavallate una serie di notizie importanti per gli amanti dell’AI e chi investe in essa. 

Google punterà ad implementare la tecnologia nei servizi Gmail e Docs e ChatGPT ha presentato il suo quarto upgrade. 

Il comparto delle crypto che subisce l’influenza delle notizie esterne non ha tardato a reagire ed è così che AGIX ed altri si sono apprezzati chi più chi meno. 

AI: tra speculazione e scenari futuri 

La speculazione c’è sempre stata e questo caso non fa eccezione. 

La speculazione è spinta dall’appeal che questi token hanno sugli investitori poiché l’AI è spesso identificata in un vantaggio tecnico superiore a tutto. 

Nonostante ciò è importante ricordare che le società crittografiche che sfruttano questa tecnologia si stanno rendendo progressivamente conto della complessità di unire l’AI alla blockchain

Da un punto di vista tecnico se l’unione di queste due tecnologie è quanto di più innovativo il mondo della finanza possa offrire è altrettanto vero che l’una limita l’altra. 

Appurato questo va da sé che ogni notizia a maggior ragione positiva su questi argomenti fa da volano al valore dei Token che schizzano alle stelle ogni volta. 

Per merito di questi annunci nell’ultima settimana AGIX si è apprezzato del 30% salvo poi tornare a più miti temperature. 

Oggi il token perde il 6,73% ma è comprensibile dopo uno slancio del genere in pochi giorni. 

Le previsioni degli analisti per il token sono tutte Grow e si basano sul fatto che il trend dell’ AI non si fermerà ma anzi crescerà negli anni a venire. 

George Michael Belardinelli
George Michael Belardinelli
Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS