HomeCriptovaluteCrypto News: la Securities and Exchange Commission (SEC) contro le società crittografiche

Crypto News: la Securities and Exchange Commission (SEC) contro le società crittografiche

Negli ultimi mesi, non è una news che molte aziende operanti nel settore delle crypto sono state oggetto di regolamentazione e sorveglianza da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. 

In particolare, alcune di queste aziende hanno subito pesanti sanzioni e restrizioni, mentre altre sono state costrette a chiudere temporaneamente o a modificare il loro modello di business per conformarsi alle leggi in vigore.

Crypto news: da Coinbase a Tron, le ultime mosse della SEC 

Coinbase, una delle maggiori piattaforme di trading di criptovalute al mondo, è stata una delle ultime società in questi giorni ad essere colpite dalla SEC. 

Negli ultimi giorni, la SEC ha annunciato che Coinbase sarebbe stata citata in giudizio per presunte violazioni della legge sulle securities per la sua piattaforma di trading di criptovalute. La SEC sostiene che Coinbase ha venduto titoli non registrati e che ha violato altre leggi federali sulla protezione degli investitori.

Più nel dettaglio la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense ha emesso un avviso di Wells a Coinbase, avvertendo la società di aver individuato potenziali violazioni delle leggi statunitensi sui titoli. 

Questo avviso è il secondo emesso dalla SEC nei confronti di un’entità che opera nel settore delle criptovalute, dopo l’avviso emesso a febbraio nei confronti dell’emittente di stablecoin Paxos.

Il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha pubblicamente criticato la decisione della SEC, sostenendo che la società ha sempre operato in buona fede e in stretta collaborazione con le autorità di regolamentazione. 

Tuttavia, la SEC ha continuato a perseguire la sua azione legale contro Coinbase, imponendo sanzioni finanziarie e obbligando la società a modificare alcune delle sue pratiche di business.

Un’altra azienda che ha subito la pressione recentemente della SEC è Tron, la piattaforma di criptovalute con sede in Cina. 

Qualche giorno fa, la SEC ha citato in giudizio Tron per presunte violazioni della legge sulle securities, sostenendo che la società ha venduto titoli non registrati a investitori statunitensi.

Il fondatore, Justin Sun, ha risposto alle accuse della SEC giustificando le proprie azioni e dichiarando l’innocenza propria e della società e che sta lavorando per risolvere la situazione il più rapidamente possibile. 

L’accusa riguarda in particolare alcune società che possiede e controlla, inclusa

Tron Foundation Limited (ovvero la cosiddetta Tron Foundation), la BitTorrent Foundation, e Rainberry. 

Le security non registrate sarebbero proprio la criptovaluta TRX ed il token BTT. 

Tuttavia, la citazione in giudizio della SEC potrebbe avere un impatto negativo sul valore delle criptovalute di Tron, che ha visto una forte caduta dei prezzi più volte nel corso della sua storia.

Infine, una delle più iconiche sfide con una società di crypto, la lotta processuale con Ripple.  

La situazione tra la SEC e Ripple

La vicenda tra Ripple e la SEC (Securities and Exchange Commission) è uno dei casi più rilevanti e discussi nel mondo delle criptovalute, in quanto potrebbe avere importanti ripercussioni sulla regolamentazione di questo mercato.

Tutto ha avuto inizio nel dicembre 2020, quando la SEC ha intentato una causa legale contro Ripple, accusandola di aver venduto titoli non registrati, ovvero la criptovaluta XRP, ai propri investitori.

La SEC ha sostenuto che XRP è una security e come tale doveva essere registrata presso la SEC, ma Ripple ha invece classificato XRP come una valuta digitale.

Una sentenza in tal senso avrebbe potuto creare un precedente importante, poiché molte altre criptovalute avrebbero potuto essere colpite dalle stesse accuse.

La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che Ripple è stata creata con l’obiettivo di diventare una piattaforma per pagamenti transfrontalieri, che avrebbe potuto rivoluzionare il settore bancario. Se Ripple fosse stata costretta a smettere di vendere XRP, il suo modello di business sarebbe stato seriamente compromesso.

La difesa di Ripple si è basata principalmente sulla tesi che XRP non sia una security ma una valuta digitale, e che quindi non dovrebbe essere soggetta alle stesse regole delle security. 

Inoltre, Ripple ha sostenuto che la SEC non avrebbe il potere di regolamentare XRP perché non è stata creata come security.

La causa si è svolta durante l’amministrazione Trump, ma nel gennaio 2021, poco dopo l’insediamento del presidente Biden, la SEC ha chiesto di ritirare la causa, almeno temporaneamente, al fine di poter rivedere la propria posizione. Da allora, la situazione è rimasta incerta, con Ripple che ha continuato a vendere XRP e a lottare contro le accuse della SEC.

Nel frattempo, alcuni importanti sviluppi si sono verificati, che potrebbero influenzare l’esito della vicenda. 

In primo luogo, la Commodity Futures Trading Commission (CFTC), un’altra agenzia governativa degli Stati Uniti, ha stabilito che XRP è una commodity, ovvero un bene scambiato su un mercato regolamentato. Questo potrebbe suggerire che XRP non è una security, ma una valuta digitale come Ripple sostiene.

In secondo luogo, alcuni scambi di criptovalute hanno deciso di smettere di offrire XRP ai propri clienti, a causa della causa legale contro Ripple. Tuttavia, altri scambi hanno continuato a offrire XRP, dimostrando che la valuta digitale gode ancora di una certa popolarità.

Infine, la SEC ha recentemente approvato la nomina di Gary Gensler come nuovo Presidente dell’agenzia. Gensler è noto per essere un esperto di criptovalute e potrebbe portare a una maggiore chiarezza e regolamentazione nel mercato, compresa la situazione di Ripple. 

Tuttavia, al momento non è chiaro come Gensler affronterà la questione di XRP e della sua presunta natura di security.

La situazione complicata della SEC

In generale, la situazione con la SEC e le aziende criptovalute rimane in evoluzione. Mentre alcune aziende sono state in grado di risolvere le loro controversie con la SEC e di tornare alla normalità, altre continuano a lottare contro le accuse e le sanzioni.

La questione fondamentale riguarda se le criptovalute debbano essere considerate titoli finanziari e, quindi, essere soggette alle stesse regole di mercato e di regolamentazione delle azioni e delle obbligazioni tradizionali.

La posizione della SEC sembra essere che alcune criptovalute possono essere considerate titoli finanziari e, quindi, devono essere registrate presso la SEC e rispettare le regole applicabili alle securities. 

Tuttavia, ci sono diverse opinioni in merito a questa questione, con alcuni che sostengono che le criptovalute sono semplicemente beni digitali e non titoli finanziari.

La questione è particolarmente complessa perché le criptovalute sono un’innovazione relativamente recente e le leggi e le normative esistenti non sono state progettate per affrontare i problemi specifici legati alle criptovalute. 

Ci sono anche differenze significative tra le diverse criptovalute, con alcune che funzionano come valute digitali, altre che sono utilizzate per la creazione di applicazioni decentralizzate e altre ancora che sono utilizzate per la raccolta di fondi iniziali (ICO).

Ciò che è certo è che la regolamentazione del settore delle criptovalute è destinata a diventare sempre più importante nel corso del tempo. 

Con un numero crescente di aziende che operano nel settore delle criptovalute e un numero sempre maggiore di investitori che acquistano e vendono criptovalute, è fondamentale garantire che il settore sia regolamentato in modo equo e trasparente per proteggere gli investitori e garantire la stabilità del mercato.

Tuttavia, è anche importante trovare un equilibrio tra la regolamentazione e l’innovazione. Le criptovalute sono state create proprio per offrire un’alternativa decentralizzata e indipendente ai sistemi finanziari tradizionali, eccessivamente regolamentati. 

Se le autorità di regolamentazione diventano troppo rigide e limitano l’innovazione, potrebbero impedire lo sviluppo di tecnologie promettenti e nuovi modelli di business.

In conclusione, la situazione con la SEC e le aziende criptovalute continua ad essere un tema importante e in evoluzione nel settore delle criptovalute. 

Mentre alcune aziende sono riuscite a risolvere i loro problemi legali e a tornare alla normalità, altre continuano a lottare contro le accuse e le sanzioni.

In ogni caso, la regolamentazione del settore delle criptovalute rimane un tema importante e complesso, con la necessità di trovare un equilibrio tra la regolamentazione e l’innovazione per garantire la stabilità del mercato e proteggere gli investitori.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS