HomeTradingCrypto news: il prezzo di Dogecoin (DOGE) è ribassista?

Crypto news: il prezzo di Dogecoin (DOGE) è ribassista?

Crypto news per quanto riguarda Dogecoin (DOGE), la famosa memecoin resa famosa anche grazie al supporto di Elon Musk: come sta performando il suo prezzo? Inoltre, uno sguardo alle previsioni future. 

Ricordiamo che Dogecoin è la crypto il cui logo si rifà graficamente ad un meme di internet rappresentante un cane Shiba. 

Focus in merito al prezzo della crypto Dogecoin

I grafici dei prezzi più elevati di Dogecoin (DOGE) hanno mostrato una forte pressione ribassista su una delle monete meme più popolari. Infatti, vediamo che la regione di $0,08 ha posto una forte resistenza dall’inizio di marzo, e questo fattore non sembra destinato a cambiare presto.

Inoltre, Bitcoin (BTC) potrebbe registrare una certa volatilità dopo essere sceso a $26,5k il 27 marzo. In questo scenario, un rimbalzo per DOGE offrirebbe ai venditori allo scoperto una migliore regione di rischio-rendimento per vendere Dogecoin.

Si presentano dunque due scenari a cui gli orsi a breve termine possono prestare attenzione. Uno è un calo sotto la regione di $0,071, evidenziato in ciano. 

Questo sarebbe uno scenario fortemente ribassista e gli orsi possono guardare allo short sul retest di questa regione come resistenza. Possono scegliere come target le zone di supporto a $0,068 e $0,065 per ottenere profitti. 

Uno stop-loss estremamente ampio può essere utilizzato al di sopra del recente massimo oscillante di lunedì. 

graifco prezzo crypto dogecoin

La linea blu a $0,0713 ha segnato una forte zona temporale inferiore di supporto per DOGE. Il secondo scenario che potrebbe realizzarsi è stato un rimbalzo da questa regione che ha raggiunto l’area $0,075-$0,078.

Anche una mossa in questa zona può essere abbreviata, con uno stop loss sopra la soglia di $0,0805. Ciò potrebbe offrire un migliore scambio R: R e i venditori possono ottenere profitti parziali nelle zone di supporto se lo desiderano.

L’RSI sul grafico a due ore non è emerso al di sopra di 50 neutrali dal 24 marzo, il che ha evidenziato una tendenza al ribasso a breve termine. Anche il CMF era a -0,10 per indicare un significativo flusso di capitali fuori dal mercato Dogecoin.

L’Open Interest diminuisce dopo la volatilità di lunedì

open interest

Dogecoin ha raggiunto un massimo oscillante di $0,0764 lunedì ed è sceso per testare il livello di supporto di $0,0713 solo un paio d’ore dopo. Ciò ha rappresentato un calo del 6,7% e i trader di future sono rimasti messi da parte o hanno perso denaro.

L’Open Interest è passato da $261 milioni a $243 milioni dopo questa mossa, e i dati di Coinalyze hanno mostrato che $1,6 milioni di posizioni lunghe sono state liquidate in quelle due ore. 

Tuttavia, il tasso di finanziamento previsto era positivo, il che lasciava intravedere un lieve rialzo. Nel complesso, l’inferenza era un sentimento ribassista nei confronti di DOGE.

Il prezzo della crypto Dogecoin renderà di più nel 2023?

Come sappiamo, DOGE ha avuto una storia volatile, con un aumento del prezzo all’inizio del 2021 prima di subire un calo significativo del valore. Tuttavia, alcuni esperti ritengono che DOGE abbia il potenziale per ottenere guadagni significativi nel 2023, con alcuni che prevedono un rendimento di 50 volte.

Questa possibilità è dovuta a diversi fattori. Prima di tutto alla crescente popolarità che Dogecoin ha acquistato tra gli investitori, con la sua dedicata comunità di sostenitori. 

In secondo luogo, grazie al fatto che ha il potenziale per essere utilizzata in applicazioni del mondo reale. Infatti, DOGE è stato accettato come forma di pagamento da alcuni commercianti. 

Infine, DOGE potrebbe trarre vantaggio dagli investimenti istituzionali, che potrebbero contribuire a far salire i loro prezzi e fornire rendimenti significativi per gli investitori.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS