HomeCriptovaluteBitcoinPrezzo di Bitcoin in leggera ripresa oggi

Prezzo di Bitcoin in leggera ripresa oggi

Oggi, lunedì 15 maggio 2023, il prezzo di Bitcoin è in leggera ripresa. 

Per capire cosa sta accadendo in questi giorni è possibile confrontare l’andamento del prezzo di Bitcoin con quello del Dollar Index (DXY), ovvero l’indice che misura la forza del dollaro USA nei confronti di un paniere delle altre principali valute fiat al mondo. 

Fino al 7 maggio non sembrava esserci correlazione tra l’andamento delle due curve, ma a partire da lunedì scorso sembra essere tornata una correlazione inversa. 

Va detto che spesso in passato in determinati periodi c’è stata una correlazione inversa tra queste due curve, ma non risulta essere duratura nel corso del tempo. Ad esempio negli ultimi 30 giorni il Dollar Index ha lateralizzato quasi sempre tra quota 101 e quota 102, mentre il prezzo di Bitcoin prima è sceso da 30.000$ a 27.000$, per poi riportarsi a 29.000$ prima di scendere sotto i 27.000$. 

News sul prezzo di Bitcoin: la correlazione inversa recente

Questo periodo di apparente decorrelazione sembra essere terminato lunedì scorso, quando il Dollar Index ha iniziato una risalita, terminata venerdì a 102,7 punti, mentre il prezzo di Bitcoin ha iniziato la discesa da 29.000$ a 25.900$ terminata sempre venerdì. 

In cinque giorni DXY è quasi costantemente salito, mentre il prezzo di BTC è quasi costantemente sceso. Qualcosa di simile era accaduto anche a cavallo tra febbraio e marzo, ma non in maniera così evidentemente correlata. 

Da notare che negli stessi giorni l’indice Nasdaq 100 prima era salito, fino a giovedì, ma durante l’ultima seduta della settimana era sceso. In teoria anche l’andamento di questo indice dovrebbe essere correlato inversamente a quello del Dollar Index, quindi è piuttosto curioso che proprio nella settimana in cui il prezzo Bitcoin torna ad essere correlato inversamente a DXY il Nasdaq invece abbia fatto il contrario. 

Ebbene, a partire da questa notte il Dollar Index ha iniziato a scendere leggermente e lentamente verso quota 102,5 punti, ovvero poco sotto i 102,7 punti con cui aveva chiuso la settimana scorsa. 

Non appena ha iniziato a scendere, il prezzo di Bitcoin ha quasi subito reagito con una leggera risalita, culminata per ora a quota 27.500$. 

La correlazione con l’oro

Qualcosa di molto simile sta facendo il prezzo dell’oro. 

La settimana scorsa chiuse a 2.008$ l’oncia, ma quando stanotte DXY ha iniziato a scendere, il prezzo dell’oro ha iniziato a salire, leggermente e lentamente, fino agli attuali 2.020$ circa. 

L’andamento odierno del prezzo dell’oro non è identico a quello del prezzo di Bitcoin, ma ci assomiglia molto. Forse in questo momento sono semplicemente entrambi correlati in ersamente con il Dollar Index, ma reagiscono in modo leggermente differente. 

Va però specificato che si tratta di correlazioni apparenti, perchè non è affatto detto che la correlazione inversa vada al di là di quello che si può osservare sui grafici. 

L’apparente correlazione del prezzo di Bitcoin con quello dell’oro tuttavia sembra essere in atto fin da inizio mese, ed in questo momento potrebbe anche avere una ragione concreta di fondo. 

Data la crisi del settore bancario USA, ancora di fatto in corso, non c’è da stupirsi se qualche risparmiatore stia preferendo investire dollari in oro, piuttosto che lasciarli in custodia delle banche. Infatti a marzo, non appena la crisi bancaria statunitense è diventata palese, il prezzo dell’oro è iniziato a salire dai 1.810$ dell’8 marzo, fino a toccare un picco superiore ai 2.050$ ad inizio maggio. 

L’andamento del prezzo di Bitcoin è stato solo leggermente diverso da quello del prezzo dell’oro in questo periodo, forse proprio perchè anche BTC da alcuni viene visto come un’alternativa alla custodia bancaria del denaro fiat. 

Il calo dei giorni scorsi

È però possibile che dietro il calo dei giorni scorsi del prezzo di Bitcoin, passato dai 30.000$ del 19 aprile ai 25.900$ di venerdì, vi sia un altro motivo. 

Di sicuro c’entra il fatto che dopo l’aggiornamento Shapella di Ethereum del 12 aprile il prezzo di ETH è salito per qualche giorno, trascinandosi dietro l’intero mercato crypto. Non appena quello slancio si è arrestato, ETH ha iniziato a scendere riportandosi giù anche i prezzi di molte altre criptovalute, tra cui Bitcoin. 

Ma l’8 maggio questa dinamica sembrava essersi finalmente esaurita, con il prezzo di Bitcoin tornato a 27.600$. 

Invece a partire da giovedì 11 è ripresa la discesa, in concomitanza con una nuova netta risalita del Dollar Index. 

Potrebbe aver influito anche il timore per la possibile vendita da parte del Dipartimento di Giustizia degli USA di una parte consistente dei 214.000 BTC sequestrati negli ultimi tre anni. 

Si ipotizza che una parte significativa di quei BTC potrebbe essere venduta entro fine anno, e ciò ha creato un po’ di paura sui mercati crypto. Oltretutto anche la restituzione dei 142.000 BTC di Mt.Gox dovrebbe avvenire da qui fino a fine anno.

Mettendo insieme tutte queste cose, è facile comprendere che il calo della scorsa settimana fosse pienamente giustificato. 

Il rimbalzo di oggi del prezzo di Bitcoin

Va però sottolineato che il calo del Dollar Index non è stato molto. 

In questo momento è sceso solo fino a quota 102,5 punti, ma giovedì era a 101,3. Quindi non è possibile escludere che possa scendere ancora nei prossimi giorni. 

Quello di oggi pertanto potrebbe non essere solamente un rimbalzo del prezzo di Bitcoin dopo il calo di venerdì. 

A tutti gli effetti per ora sembra un rimbalzo, anche perchè è semplicemente tornato sui livelli di giovedì, annullando tutte le perdite del giorno successivo. 

Ma nel caso in cui il calo di DXY continuasse, e l’andamento del prezzo di BTC continuasse ad essere inversamente correlato a quello del Dollar Index, ci si potrebbe attendere un’ulteriore risalita. 

A ciò però bisogna aggiungere che il livello attuale del Dollar Index non è affatto alto, dato che è in linea con quello del 10 aprile, ed è ancora nettamente più basso dei 105,6 punti di marzo, quando scoppiò la crisi bancaria negli USA. Se però tale crisi risultasse ormai alle spalle, potrebbe tornare sui 101,1 punti di inizio febbraio, ovvero un livello nettamente inferiore a quello attuale. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS