HomeCriptovaluteLe conseguenze dello scontro tra SEC, Binance e Coinbase

Le conseguenze dello scontro tra SEC, Binance e Coinbase

Lo scontro in atto tra SEC da una parte, e Binance e Coinbase dall’altra, potrebbe avere conseguenze profonde sull’intero panorama crypto. 

Lo afferma il capo della ricerca di CoinShares, James Butterfill, che ha di recente pubblicato in un post sul blog ufficiale una ricerca di Townsend Lansing, Nick Du Cros e Benoit Pellevoizin intitolata “Two Visions for Crypto”.

Infatti, se la SEC dovesse vincere questo scontro, il panorama normativo riguardo le criptovalute risulterebbe di fatto radicalmente modificato, perchè limiterebbe l’accesso potenzialmente ai soli operatori regolamentati di Wall Street. 

SEC contro Binance e Coinbase: il problema delle security

La questione è sempre la stessa: le criptovalute come security. 

Infatti, non solo per poter essere vendute liberamente e lecitamente le criptovalute eventualmente riconosciute come security dovrebbero ottenere l’approvazione esplicita della SEC, ma anche gli exchange dovrebbero ottenerla. 

Questo potrebbe escludere gli stessi exchange crypto, a favore degli operatori tradizionali già registrati come piattaforme di scambio autorizzate di security. 

Anzi, secondo i ricercatori di CoinShares è possibile che negli USA le eventuali restrizioni normative renderanno l’industria delle criptovalute molto simile a quella del sistema finanziario esistente, con le sue normative ed istituzioni consolidate.

Le due visioni

Questi sviluppi legali stanno però emergendo in un quadro che vede una netta divergenza tra ciò che accade negli USA e quello che invece è già accaduto nell’Unione Europea. 

Infatti gli operatori finanziari nativi del settore crypto sembrano sempre più pronti a promuovere progressi significativi all’interno di un ambiente normativo più permissivo, come quello della UE o di altri paesi che stanno sviluppando un quadro legale specifico dedicato alle criptovalute.

In altre parole la situazione generale negli USA sembra stia davvero sfavorendo l’evoluzione dell’industria crypto statunitense, nonostante i proclami del passato e nonostante alcuni hub crypto già esistenti nel Paese, come ad esempio Miami. 

A dire il vero però sembra che a schierarsi contro il settore crypto siano soprattutto i democratici, mentre i repubblicani sembrano più favorevoli, in primis il candidato alle primarie Ron DeSantis, governatore della Florida

Sta di fatto però che nel frattempo la UE si è armata del quadro MiCA (Markets in Crypto-Assets), che dovrebbe entrare pienamente in vigore a partire da fine 2024 e che riconosce gli asset digitali come una nuova asset class. Questo semplifica molto le cose, e soprattutto ne chiarisce la natura, supportando allo stesso tempo gli innovatori che si battono per ottenere conformità normativa in questo campo. 

Al contrario l’approccio degli USA nei confronti del settore crypto è attualmente privo di una guida politica, ed è guidato non dal parlamento ma dalla SEC e dalle autorità di vigilanza. Questo approccio risulta essere meno indulgente ad esempio nei confronti di eventuali comportamenti precedenti non conformi alle regole, oltre che essere pervaso da una cronica mancanza di chiarezza sul contesto normativo. 

Binance e Coinbase lottano contro la SEC

I due exchange si trovano quindi nel bel mezzo di un guado, senza forse nemmeno sapere ancora bene cosa fare. 

Le gravi accuse contro di loro richiedono infatti un esame approfondito, come evidenziano i ricercatori di CoinShares. 

Fanno però anche notare che il modo con cui la SEC si sta accanendo soprattutto nei confronti dell’americana Coinbase, che solo due anni fa autorizzò a sbarcare in borsa, evidenzia la necessità di definizioni e standard espliciti all’interno del settore crypto. 

Per Binance la situazione è più grave, ma riguarda solo la sua piattaforma per il mercato USA, ovvero quella minoritaria. 

Alla fine negli USA gli exchange crypto potrebbero finire per perdere il controllo dell’industria crypto, che potrebbe passare alle istituzioni finanziarie tradizionali, con profonde implicazioni negative sul potere di innovazione e democratizzazione insito nella tecnologia blockchain.

La certezza normativa 

Tutto ciò in realtà ruota attorno ad un punto centrale specifico: la certezza normativa. 

Nella UE ormai c’è, così come in Svizzera, negli Emirati Arabi Uniti e ad Hong Kong. Negli Stati Uniti invece non c’è ancora. 

I ricercatori di CoinShares sostengono che la conseguenza potrebbe essere un imminente spostamento del volume degli scambi e dell’innovazione in questo campo dagli USA a giurisdizioni con scenari normativi più accomodanti. Un tale cambiamento potrebbe avere “significative ripercussioni economiche e strategiche per gli Stati Uniti all’interno del fiorente settore degli asset digitali”.

Tuttavia, evidenziano anche come le cause in atto contro Binance e Coinbase non segneranno probabilmente il destino per l’intero settore crypto, perchè si limitano a sottolineare la necessità di normative solide per proteggere gli investitori e mantenere l’integrità del mercato. 

Quindi quei Paesi che saranno in grado di dare chiarezza normativa al settore consentiranno lo sviluppo di un sistema finanziario innovativo, mentre quelli che invece si intestardiranno a limitarsi di cercare di integrarlo ed assorbirlo all’interno del sistema esistente perderanno questa opportunità, pagandone le conseguenze. 

Sempre meno operatori crypto saranno disposti ad operare all’interno di un quadro in cui non vi sia certezza normativa, ma al posto che limitarsi a chiudere i battenti invece presumibilmente si sposteranno in altri Paesi in cui questa chiarezza normativa c’è già. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS