Deposito dell’ETF sul Bitcoin: Fidelity prende posizione nel mercato
Deposito dell’ETF sul Bitcoin: Fidelity prende posizione nel mercato
Bitcoin

Deposito dell’ETF sul Bitcoin: Fidelity prende posizione nel mercato

By Andrea Porcelli - 30 Giu 2023

Chevron down

Fidelity Investments, un rinomato gestore patrimoniale con 4.200 miliardi di dollari di asset in gestione, ha ufficialmente depositato un fondo negoziato in borsa (ETF) sul Bitcoin, dopo le precedenti notizie sul processo di richiesta. 

Questa mossa arriva sulla scia di un’azione simile intrapresa da BlackRock, un altro gigante della gestione patrimoniale, evidenziando il crescente interesse delle entità finanziarie tradizionali per il settore degli asset digitali. 

La risposta della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense al deposito di Fidelity sarà tenuta sotto stretta osservazione nelle prossime settimane.

Fidelity segue l’onda sui depositi degli ETF sul Bitcoin

La recente ondata di interesse da parte di entità finanziarie tradizionali che cercano di entrare nel settore degli asset digitali ha attirato l’attenzione del settore. 

BlackRock ha sorpreso molti quando ha annunciato l’intenzione di depositare un ETF sul Bitcoin, segnalando un cambiamento significativo nella percezione delle criptovalute. 

Ora Fidelity si è unita alla corsa depositando ufficialmente il proprio ETF Spot Bitcoin. Le prime notizie sul deposito sono emerse all’inizio della settimana e ora la presentazione ufficiale è stata confermata.

L’impatto della presentazione di Fidelity dovrebbe avere un effetto positivo sul prezzo del Bitcoin nei prossimi giorni. Fidelity non è estranea al settore degli asset digitali, essendo coinvolta dal 2018. 

Questo sarà il secondo tentativo dell’azienda di lanciare un ETF sul Bitcoin, dopo che il precedente tentativo del 2022 non ha ottenuto l’approvazione della SEC. 

Tuttavia, recenti analisti hanno suggerito che BlackRock ha una probabilità relativamente alta di approvazione, forse intorno al 50%. Se questa valutazione è vera, potrebbe implicare una probabilità simile per Fidelity, data la sua reputazione ed esperienza nel settore.

Quanto pesa la presenza di Fidelity Investment

L’ampia presenza di Fidelity nel mondo finanziario, con oltre 11 trilioni di dollari amministrati, aggiunge peso alla sua candidatura.

Il coinvolgimento della società nello spazio degli asset digitali per diversi anni ha fornito preziose intuizioni e competenze che potrebbero aumentare le sue possibilità di approvazione. 

Con la presentazione ufficiale della domanda, il settore attende con ansia la decisione della SEC in merito alla sua approvazione.

L’introduzione di un ETF sul Bitcoin segnerebbe una tappa significativa per il settore delle criptovalute

Un ETF fornirebbe agli investitori istituzionali una via regolamentata e accessibile per investire in Bitcoin, attirando potenzialmente ingenti capitali e legittimando ulteriormente la classe di asset. 

Inoltre, potrebbe aprire la strada a una maggiore adozione mainstream delle criptovalute e contribuire alla crescita e alla maturità complessiva del mercato degli asset digitali.

Nell’esaminare la richiesta di Fidelity, la SEC considererà attentamente diversi fattori, tra cui la protezione degli investitori, i problemi di manipolazione del mercato e l’impatto complessivo sul sistema finanziario. 

La decisione della SEC avrà implicazioni di vasta portata per il futuro degli ETF Bitcoin e del più ampio settore delle criptovalute. 

Questa mossa convaliderebbe il Bitcoin come classe di attività legittima e potrebbe aprire la strada all’introduzione di altri ETF basati sulle criptovalute, offrendo agli investitori un’esposizione a una gamma diversificata di asset digitali. 

Questo, a sua volta, favorirebbe una maggiore liquidità, trasparenza del mercato e protezione degli investitori all’interno del mercato delle criptovalute.

Conclusioni

Tuttavia, è importante notare che il processo decisionale della SEC è meticoloso, in quanto l’agenzia considera attentamente diversi fattori prima di concedere l’approvazione per un ETF sul Bitcoin. 

La preoccupazione principale della SEC riguarda la protezione degli investitori e la garanzia che l’ETF proposto soddisfi i requisiti normativi, come le soluzioni di custodia adeguate, i meccanismi di determinazione dei prezzi e le misure per prevenire la manipolazione del mercato.

Mentre il settore attende la decisione della SEC sulla presentazione dell’ETF Bitcoin da parte di Fidelity, gli operatori di mercato monitoreranno attentamente tutti gli aggiornamenti e gli annunci che potrebbero fornire indicazioni sulla posizione dell’agenzia in merito ai prodotti di investimento legati alle criptovalute. 

La decisione avrà probabilmente un impatto significativo non solo su Fidelity e i suoi clienti, ma anche sulla traiettoria complessiva del mercato delle criptovalute.

In conclusione, il deposito ufficiale di Fidelity per un ETF sul Bitcoin dimostra il crescente interesse dei gestori patrimoniali tradizionali per le criptovalute e la loro crescente fiducia nel futuro degli asset digitali. 

La potenziale approvazione di un ETF Bitcoin fornirebbe agli investitori una via regolamentata e accessibile per partecipare al mercato delle criptovalute, attirando potenzialmente ingenti capitali istituzionali. 

L’esito dell’esame della domanda di Fidelity da parte della SEC è atteso con impazienza, in quanto ha il potenziale di plasmare il panorama futuro sia del mercato delle criptovalute sia del più ampio mercato degli asset digitali.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.