HomeDeFiAlgorand: il crollo della crypto porta AlgoFi a chiudere la piattaforma

Algorand: il crollo della crypto porta AlgoFi a chiudere la piattaforma

Il protocollo DeFi di Algorand, AlgoFi, ha annunciato che a breve inizierà a chiudere la piattaforma e a lasciarla solo nella modalità di prelievo. La motivazione è una “confluenza di eventi”, tra cui il crollo della crypto ALGO. 

Algorand: AlgoFi basato sul progetto crypto chiude la piattaforma

AlgoFi, il protocollo DeFi basato sulla blockchain layer1 di Algorand, ha annunciato che a breve chiuderà la piattaforma, lasciandola in modalità di solo prelievo. 

“Ciao a tutti, abbiamo alcune spiacevoli notizie da condividere riguardo al protocollo Algofi. Dopo molte riflessioni, il team è recentemente giunto alla sfortunata decisione di iniziare a chiudere il protocollo.”

In una carrellata di tweet e nel suo blog post, AlgoFi spiega alla sua community, la dura decisione di disattivare la piattaforma proprio perché, andando avanti, non saranna più in grado di fornire il supporto necessario per mantenere il protocollo agli standard elevati. 

La causa di tutto questo è “una confluenza di eventi” che si sono verificati negli anni, come il forte calo dell’attività sulla blockchain di Algorand. AlgoFi è il protocollo DeFi che detiene il 55% del valore di Algorand. 

Algorand e l’andamento della crypto ALGO

Guardando il grafico del prezzo di Algorand (ALGO), effettivamente la crypto non sembra passarsela molto bene. 

E infatti, rispetto all’anno scorso, ALGO ha registrato un dump di prezzo del -64% e cioè è passata dal 0,29$ agli attuali 0,11$. 

Facendo il paragone con le principali crypto per capitalizzazione di mercato come Bitcoin (BTC) e Ethereum (ETH), ALGO è in controtendenza. Infatti, BTC e ETH hanno registrato un bullish di prezzo da luglio 2022, rispettivamente del +47% e +62%

Se poi si considera che di recente la US Securities and Exchange Commission (SEC) ha etichettato la crypto ALGO come una security non registrata, la questione non è più solo di prezzo. 

E infatti, tali affermazioni dell’ente regolatore statunitense, possono aver influenzato lo sviluppo e la crescita dei progetti DeFi su Algorand. 

E parlando quindi di DeFi, allora è interessante anche guardare il valore totale bloccato (TVL) su Algorand, che attualmente è di $ 59 milioni. Anche qui, si tratta di un forte calo rispetto agli oltre $ 200 milioni di febbraio, secondo i dati di DefiLlama.

Il cyber attacco agli utenti di MyAlgo

Lo scorso marzo, la blockchain layer 1 di Algorand aveva subito un cyber attacco che aveva colpito gli utenti di MyAlgo, il wallet di terze parti creato da Rand Labs.

A diffondere la notizia era stata proprio la Fondazione che, mentre da un lato invitava gli utenti del wallet di ritirare le crypto, dall’altro affermava anche che la blockchain non era stata compromessa. 

Per rintracciare i trasferimenti dei portafogli attaccati, Algorand aveva coinvolto anche Chainalysis, così che una volta trovati avrebbe potuto provvedere a congelare i fondi di almeno quelli depositati negli exchange che utilizzano Chainalysis. 

E infatti, Changenow, Kucoin e Circle sono riusciti a collaborare, dato che erano a conoscenza degli indirizzi dei portafogli degli aggressori.  

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick