HomeBlockchainCrypto news: l'Istituto di ricerca cardiaca Victor Chang sceglie Filecoin per l'archiviazione...

Crypto news: l’Istituto di ricerca cardiaca Victor Chang sceglie Filecoin per l’archiviazione dei suoi dati

La comunità scientifica e le entità non Web3 o crypto stanno riconoscendo sempre più i meriti delle soluzioni di archiviazione decentralizzate, un esempio significativo è Filecoin e il Victor Chang Cardiac Research Institute, una rinomata organizzazione medica australiana che comprende oltre 230 scienziati e 23 laboratori. 

Questo istituto, fondato nel 1994 e inaugurato dalla compianta principessa Diana, ha recentemente adottato Filecoin come metodo preferito per archiviare il suo vasto serbatoio di dati sulla ricerca cardiaca.

Soluzioni decentralizzate entrano a far parte del mondo esterno alle crypto: il passo avanti di Filecoin

Con una mossa strategica iniziata nel settembre 2022, l’istituto è passato a Filecoin e la migrazione dei dati pubblici pubblicati è iniziata nel novembre dello stesso anno. 

Il motivo principale di questo passaggio è stato il notevole risparmio economico offerto da Filecoin, che ha reso di fatto obsoleti i tradizionali “sistemi di archiviazione on-premise” e le soluzioni basate su cloud.

Un vantaggio fondamentale ottenuto dall’istituto è stato l’eliminazione delle spese eccessive imposte dai fornitori di cloud tradizionali per il ripristino dei dati. 

Dato il notevole volume di dati generato dalla macchina SyncroPatch dell’istituto, uno strumento medico dedicato all’analisi delle cellule cardiovascolari, la decisione di adottare Filecoin si è rivelata finanziariamente prudente. 

Questa macchina genera ben 20.000 punti dati al giorno, che si traducono in terabyte di dati ogni settimana.

L’architettura decentralizzata di Filecoin, insieme al suo impegno costante per l’integrità dei dati, si allinea perfettamente con i requisiti dell’istituto. 

Questo modello decentralizzato migliora la ridondanza e la durata dei dati, attenuando in modo sostanziale il rischio di perdita dei dati a causa di guasti hardware o incidenti localizzati. 

L’incorporazione della tecnologia blockchain da parte di Filecoin garantisce l’integrità inattaccabile dei dati, rendendola la soluzione ideale per salvaguardare gli inestimabili risultati della ricerca, come ha spiegato Todd Ryman, direttore informatico dell’istituto.

La rete di Filecoin

La rete di Filecoin, sotto la supervisione di Protocol Labs, vanta ben 3.500 nodi fornitori di storage, comunemente chiamati validatori. 

Questi nodi eseguono quotidianamente la verifica crittografica dei dati della catena. È importante notare che i dati, compresi quelli del Victor Chang Cardiac Research Institute, non sono memorizzati sulla catena, ma sono rappresentati da un hash unico memorizzato sulla catena. 

Questo approccio elimina la dipendenza dai metodi di identificazione tradizionali, come gli indirizzi IP, i nomi o i tipi di file. 

L’hash serve come identificatore distinto dell’utente per accedere ai contenuti desiderati, che risiedono sui fornitori di storage di Filecoin, tra cui Distributed Storage Solutions (DSS).

Facilitare la condivisione dei dati tra i ricercatori è un aspetto fondamentale dell’utilità di Filecoin, in particolare nel campo della scienza medica. 

Ryman sottolinea l’importanza di questa caratteristica, affermando che:

“con i meccanismi di archiviazione e recupero distribuiti di Filecoin, possiamo facilmente fornire a qualsiasi ricercatore l’accesso a specifici set di dati senza la necessità di trasferimenti di dati su larga scala”. 

Questo approccio favorisce la collaborazione e accelera i risultati della ricerca, salvaguardando al contempo la privacy e la sicurezza dei set di dati, un aspetto cruciale nel settore.

Anche altre istituzioni non legate al mondo crypto si sono affidate a Filecoin per l’archiviazione dei dati

Il Victor Chang Cardiac Research Institute non è l’unico a riconoscere i vantaggi di Filecoin. Anche altre stimate istituzioni, come l’Università della California, Berkeley, l’Università dello Utah e importanti entità Web3 come Solana e OpenSea, hanno adottato Filecoin come soluzione di archiviazione preferita.

In sintesi, la rapida adozione di Filecoin e la sua storia di successo sono sottolineate dai suoi circa 1.700 clienti e dall’onboarding di ben 1,5 exbibyte (EiB) di dati. 

Per fornire una prospettiva, 1,5 EiB equivalgono a ben 1,7 miliardi di gigabyte, una capacità di archiviazione che rivaleggia con 13,5 milioni di iPhone modello base. 

Questa adozione monumentale sottolinea il ruolo fondamentale di Filecoin nel ridisegnare i paradigmi di archiviazione dei dati in vari settori, compreso lo stimato regno della ricerca medica.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS