HomeSponsoredBancor boom: BNT può raggiungere 1$? E chi sta facendo ancora...

Bancor boom: BNT può raggiungere 1$? E chi sta facendo ancora meglio?

SPONSORED POST*

Bancor è un ecosistema che comprende diversi protocolli open-source decentralizzati per il trading e la liquidità on-chain.

Al momento, il token nativo BNT sta godendo di una crescita notevole sul mercato delle criptovalute. Negli ultimi sette giorni, il BNT ha avuto un aumento del 40% e del 19% nelle ultime 24 ore.

Il token BNT ha un valore attuale di 0,5705 dollari e alcuni trader si stanno chiedendo se possa effettivamente crescere fino ad arrivare a 1 dollaro.

Carbon, il protocollo principale dell’ecosistema, ha fornito una notevole spinta al token, ma potrebbe non bastare. 

Sulla carta, Carbon offre diversi vantaggi, come la creazione di strategie di trading automatizzate, il supporto di token ERC-20 e una buona flessibilità. Inoltre, Carbon consente di pianificare strategie in base ai trend, oppure in base ai movimenti del mercato. 

Nonostante le caratteristiche di Carbon, Bancor deve riuscire a sfruttare pienamente il protocollo e le altre possibili innovazioni dell’ecosistema. 

Inoltre, sebbene Bancor stia crescendo sul mercato, gli investitori si sono interessati anche ad altri progetti emergenti, come ad esempio Bitcoin Minetrix. 

Bitcoin Minetrix: la piattaforma cloud mining sicura e trasparente

Bitcoin Minetrix è una piattaforma per il cloud mining che propone l’innovativa meccanica Stake-To-Mine, grazie alla quale sarà possibile effettuare il mining del Bitcoin tramite lo staking del token BTCMTX. 

Lo sviluppo della piattaforma comincerà al termine della presale, durante la quale sono stati raccolti più di 800.000 dollari

La presale si articolerà in diverse fasi con il valore del token BTMCX che aumenterà progressivamente. Attualmente è possibile acquistare il BTCMTX a 0,011 dollari tramite ETH, USDT, BNB e carta di credito, collegandosi al sito ufficiale della presale. 

Durante la presale è possibile mettere in stake i token, per ottenere un APY del 737%. Una volta completata la piattaforma, il team abiliterà la meccanica Stake-To-Mine. 

Il funzionamento dello Stake-To-Mine è molto semplice: dopo aver comprato il BTCMTX è possibile metterlo in stake per generare dei crediti di mining sotto forma di token ERC-20 non scambiabili

I crediti si possono bruciare per ottenere hash rate, ovvero la potenza di mining necessaria per il mining del Bitcoin. 

Con questa particolare funzione, il team di Bitcoin Minetrix vuole rendere il mining del Bitcoin accessibile a tutti. Infatti, tramite la piattaforma di cloud mining gli utenti potranno risparmiare sui costi elevati di allestimento e gestione dell’hardware necessario. 

Chiaramente, Bitcoin Minetrix deve fare i conti con gli altri servizi di cloud mining presenti sul mercato. Va detto però che i diversi servizi propongono contratti vincolanti ai propri utenti e a volte possono rivelarsi delle vere e proprie truffe. 

Con Bitcoin Minetrix, si potrà ottenere hash rate per il mining in modo più semplice e intuitivo. Inoltre, gli utenti avranno il pieno controllo dei loro token BTCMTX che potranno vendere, mettere in stake e prelevare in qualsiasi momento. 

Per la gestione dei token, Bitcoin Minetrix metterà a disposizione una pratica dashboard, caratterizzata da un design intuitivo. 

La tokenomics del progetto prevede un’offerta totale pari a 4.000.000.000 BTCMTX. Il 70% verrà utilizzato per la presale, mentre il 15% è stato destinato alle ricompense della community.

Sebbene sia troppo presto per fare previsioni sul futuro di BTCMTX, gli analisti ritengono che la criptovaluta potrebbe esplodere al lancio, specialmente se questo coinciderà con l’atteso nuovo rally del Bitcoin. 

Inoltre, se la piattaforma di cloud mining verrà lanciata senza troppi ritardi, Bitcoin Minetrix potrebbe attirare sempre più utenti interessati a ottenere un reddito passivo in BTC.    

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS