HomeBlockchainL’autorità statale che regola i titoli dice la sua sul caso crypto...

L’autorità statale che regola i titoli dice la sua sul caso crypto Coinbase vs SEC

Crypto news: in una cruciale prova di forza legale, la North American Securities Administrators Association (NASAA), che rappresenta le autorità statali di regolamentazione dei titoli, ha espresso la sua ferma opposizione alla richiesta di trattamento speciale avanzata da Coinbase nei confronti della United States Securities and Exchange Commission (SEC). 

La posizione della NASAA sottolinea la questione cruciale se gli asset digitali debbano essere soggetti a normative uniformi sui titoli. 

Un’autorità statale che regola titoli si oppone al trattamento speciale delle crypto nel caso Coinbase contro SEC

Nella battaglia legale in corso tra la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti e Coinbase, la North American Securities Administrators Association (NASAA) ha preso fermamente posizione contro l’idea che gli asset digitali debbano ricevere un trattamento speciale nell’ambito delle leggi sui titoli. 

La NASAA, che rappresenta le autorità statali di regolamentazione dei titoli in tutto il Nord America, sostiene che le azioni della SEC contro Coinbase non sono né nuove né straordinarie e che le leggi sui titoli dovrebbero essere applicate uniformemente agli asset digitali. 

Questo articolo esplora le argomentazioni della NASAA e le implicazioni per il settore delle criptovalute.

Applicazione uniforme delle leggi sui titoli

In un deposito del 10 ottobre presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, la NASAA ha espresso il proprio sostegno alla causa della SEC contro Coinbase, confutando le affermazioni dell’exchange secondo cui gli asset digitali dovrebbero essere esenti dalla regolamentazione sui titoli. 

Il consigliere generale della NASAA, Vincente Martinez, ha affermato che la posizione della SEC è in linea con la posizione pubblica di lunga data dell’agenzia e rimane entro i confini della legge consolidata.

Inoltre, la NASAA ha sottolineato che la SEC non ha bisogno di un’esplicita autorizzazione del Congresso per applicare le leggi sui titoli agli asset digitali. Questa argomentazione è particolarmente pertinente alla luce della causa in corso, che si basa sull’interpretazione del test di Howey.

Un aspetto centrale della controversia tra la SEC e Coinbase è l’applicazione del test di Howey, un quadro giuridico utilizzato per determinare l’esistenza di un contratto di investimento. 

Coinbase sostiene che gli asset digitali non soddisfano tutti i criteri di questo test, cercando di stabilire il loro status di non sicurezza.

Tuttavia, Martinez della NASAA sostiene che il test di Howey è sufficientemente adattabile per includere i progressi tecnologici nei mercati dei titoli, compresi gli asset acquistati e venduti sulle reti blockchain. Questa prospettiva è in linea con le precedenti affermazioni della SEC.

Martinez raccomanda fermamente che il tribunale respinga il tentativo di Coinbase di limitare l’applicazione di quadri giuridici consolidati, affermando che gli asset digitali non dovrebbero essere trattati come entità speciali esenti dagli obblighi normativi condivisi da tutti i partecipanti ai mercati mobiliari nazionali.

Contestazione della “dottrina delle grandi questioni”

Coinbase ha invocato la “dottrina delle questioni importanti” per sostenere che le agenzie esecutive, come la SEC, dovrebbero ottenere l’approvazione del Congresso quando affrontano questioni di notevole impatto politico o economico. 

La NASAA risponde criticamente a questa argomentazione, sottolineando che l’importanza economica del settore degli asset digitali è sopravvalutata.

Martinez osserva che la maggior parte degli asset digitali non ha un’utilità economica pratica o un’adozione diffusa al di là degli scopi speculativi. Questi asset sono raramente accettati come pagamento per beni e servizi e non possono essere utilizzati per adempiere a obblighi governativi, come tasse o imposte. 

Come classe di beni, gli asset digitali non presentano un’utilità economica significativa, rendendo dubbia l’affermazione del “settore degli asset digitali” come componente sostanziale dell’economia americana.

In linea con la posizione della SEC, la NASAA ha presentato la propria posizione al tribunale, chiedendo di respingere la richiesta di Coinbase di archiviare la causa. 

La NASAA è composta da 68 membri, tra cui le autorità di regolamentazione dei titoli di tutti i 50 stati americani, oltre a quelle di Canada, Messico e diversi territori statunitensi.

Conclusione

L’opposizione della NASAA, che rappresenta le autorità statali di regolamentazione dei titoli in tutto il Nord America, alla pretesa di Coinbase di conferire agli asset digitali uno status speciale agli occhi delle leggi sui titoli ha un peso significativo. 

L’argomentazione della NASAA sottolinea l’importanza di un’applicazione uniforme delle normative sui titoli, evidenziando l’adattabilità di quadri giuridici come il test di Howey ai progressi tecnologici. 

La battaglia legale in corso tra la SEC e Coinbase finirà per plasmare il panorama normativo degli asset digitali, con un impatto sull’intero settore delle criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS