HomeCriptovaluteAfrica: una società di investimenti crypto sparisce con 1,6 milioni di dollari

Africa: una società di investimenti crypto sparisce con 1,6 milioni di dollari

In Africa, gli operatori dietro la società di investimenti crypto Clé du Succès, sembrano essere spariti con 1,6 milioni di dollari. Tra i centinaia di residenti della Repubblica Centrafricana (RCA) truffati, figurano anche legislatori e alti funzionari governativi.

Africa: lo scam della società di investimenti crypto che prometteva il 20% di guadagni

In Africa, o meglio, nella Repubblica Centrafricana o RCA, sta facendo scalpore il caso dello scam di una società di investimenti crypto, Clé du Succès, dove gli operatori sembrano essere spariti col bottino di 1,6 milioni di dollari. 

Tale società avrebbe iniziato la sua attività solo il mese scorso di settembre, attraendo i potenziali investitori con la promessa di un ritorno del 20% sull’investimento in criptovalute. 

Non solo, la fiducia riposta dalle attuali vittime deriva dal fatto che Clé du Succès è una società regolarmente registrata e dotata di codice fiscale. 

In realtà, una volta collezionati i fondi, la società ha rivelato di essere un progetto scam (o truffa), chiudendo bruscamente i battenti l’8 ottobre, con gli operatori scomparsi nel nulla col bottino. 

Tra le centinaia di residenti della RCA vittime dell’apparente truffa, figurano personalità di alto profilo, tra cui legislatori e alti funzionari governativi.

Africa: il Bitcoin come valuta legale in RCA 

La Repubblica Centrafricana è il primo Paese in Africa ad aver adottato Bitcoin come valuta legale, a partire dallo scorso Aprile 2022. 

Il disegno di legge è stato firmato direttamente dal Presidente Faustin Archange Touadera, anche se già a quell’epoca non sembrava essere così trasparente riguardo ai piani e prospettive future del Paese. 

A quanto pare però, pare che una sentenza del tribunale abbia poi provveduto ad una successiva abrogazione della legge sul bitcoin. 

E così, tutti gli sforzi di Touadera sono stati vanificati. Tale abrogazione della legge, infatti,  significa che gli investitori in criptovalute vittime di truffe simili a quella messa in atto da Clé du Succès, non hanno diritto ad aver alcun ricorso legale.

Questo esempio è ben diverso dalla piega che Bitcoin come valuta legale ha preso invece in El Salvador

L’impennata di Bitcoin fino a 35.000$ 

Dall’inizio di questa settimana, Bitcoin ha raggiunto quota 35.000$, e stando ai dati provenienti da sedi come il CME e il CSOP Bitcoin Futures ETF di Hong Kong, pare proprio che siano gli investitori istituzionali a guidare tale ascesa di prezzo. 

Nello specifico, l’open interest per il prodotto Bitcoin del CME ha recentemente raggiunto una pietra miliare significativa, toccando i 100.000 BTC, l’equivalente di 3,4 miliardi di dollari. Questo significa che l’interesse degli investitori istituzionali per Bitcoin è in forte crescita.

Non solo, anche il CSOP Bitcoin Futures ETF di Hong Kong non è stato da meno. In una sola sessione di trading, infatti, pare che abbia raggiunto volumi di scambio di 22,37 milioni di dollari, sostenuti da afflussi di capitale pari a 17,64 milioni di dollari. 

Anche qui si tratta di una performance da record che riflette il crescente interesse degli investitori istituzionali. 

In aggiunta a tali dati, c’è poi il sentiment positivo verso gli ETF su Bitcoin Spot che ha alimentato l’impennata di BTC, attualmente del valore di 34.182$

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS