HomeBlockchainCardano: ADA può seriamente raggiungere $0,5? Ma queste presale faranno molto meglio

Cardano: ADA può seriamente raggiungere $0,5? Ma queste presale faranno molto meglio

SPONSORED POST*

Negli ultimi mesi Cardano (ADA) ha registrato una notevole volatilità, ma se analizziamo i suoi indicatori tecnici e il suo TVL (valore totale bloccato), possiamo individuare una rotta verso la soglia di prezzo di $0,5.

Analizziamo gli scenari possibili per ADA, tenendo in considerazione due prevendite che possono fare molto di più: quella di Bitcoin Minetrix sta per raggiungere $3 milioni, mentre quella di Meme Kombat ha toccato l’ambito traguardo di $1 milione.

Cardano (ADA): è realisticamente possibile la soglia di $0,5?

Il grafico creato da TradingView mostra che Cardano, molto di recente, ha sperimentato una divergenza rialzista: l’RSI punta al rialzo e si avvicina alla zona di ipercomprato. Questo fattore, di solito, segnala un ritiro del prezzo in arrivo ma in questo caso, considerando la recente azione dei prezzi e altri fattori esterni, starebbe a segnalare invece un rialzo maggiore.

Cardano

Fonte: TradingView

Se analizziamo le medie mobili, anche queste danno segnali positivi: dopo un periodo di movimento laterale, il valore di ADA sembra voler tentare una rottura al di sopra della linea di tendenza di resistenza a lungo termine. Questo fattore, combinato con i minimi più alti sul grafico, prefigura uno scenario potenzialmente rialzista.

Analizzando invece le metriche DeFi di Cardano, possiamo notare che c’è una grande corrispondenza tra il prezzo di ADA e il TVL, che mostra un costante aumento, fino a raggiungere $204,73 milioni. Questa crescita sta a significare che c’è grande fiducia nell’ecosistema DeFi di Cardano e che quindi l’utenza lo utilizza con costanza.

Quindi, più asset vengono bloccati nella piattaforma e più il valore di ADA potrebbe ricevere una spinta; inoltre, la proliferazione di più progetti DEFI sull’ecosistema, in relazione all’aumento del TVL, sta a indicare che sempre più utenti potrebbero adottare la piattaforma, fungendo quindi da catalizzatore per un raise dei prezzi. 

Quali scenari possibili per ADA?

In sostanza ci sono tre possibili scenari per ADA: quello rialzista, quello neutro e quello ribassista.

Nel primo, ADA potrebbe continuare la salita, sostenuta dalla crescita del TVL e dalla costante adozione dei progetti DeFi in crescita. Se il token proseguisse su questa strada, potrebbe con ogni probabilità superare la resistenza a $0,5.

Lo scenario neutro vede invece ADA oscillare all’interno dell’attuale range, con la necessità di trovare un catalizzatore esterno che le permetta di superare la soglia di $0,5. Infine, quello ribassista, vede ADA arretrare a causa di notizie negative su Cardano, anche se pare sia quello meno probabile.

Oggi ADA è scambiato a $0,2877, in aumento del 3,77% negli ultimi 7 giorni.

Shiba Inu si trova in una posizione problematica

Shiba Inu è posizionato tra due indicatori molto importanti, ovvero la media mobile esponenziale (EMA) a 50 giorni e l’EMA a 200 giorni, un posizionamento che purtroppo pone SHIB in una posizione problematica. 

In primo luogo, infatti, quando una criptovaluta è al di sopra dell’EMA a 50 giorni, ma al di sotto dell’EMA a 200 giorni, può essere vista come in un territorio in conflitto. Lo slancio a breve termine, rappresentato dall’EMA a 50 giorni, indica un sentiment rialzista, ma il posizionamento al di sotto dell’EMA a 200 giorni suggerisce una prospettiva ribassista a lungo termine. 

Di conseguenza, SHIB si trova tra due indicatori in una posizione che può influire sull’incertezza del suo valore e portare a maggiore volatilità. Inoltre c’è da considerare che il token non ha casi d’uso tangibili, in quanto pura e semplice meme coin, per cui non ha quella che si definisce “utilità”, per cui non ha la giusta spinta per salire. 

Chi, invece, sta vivendo un momento molto positivo sono due nuovi token in prevendita: BTCMTX ha superato $2,9 milioni, mentre MK ha raggiunto l’ambito traguardo di $1 milione.

Bitcoin Minetrix sulla strada dei $3 milioni in presale

La prevendita di BTCMTX continua imperterrita la sua corsa, superando i $2,9 milioni e a un passo dai $3 milioni: in questo momento il token ha un costo di $0,0113, una cifra che aumenterà nelle prossime fasi, fino a raggiungere $0,0119.

Il successo del progetto è dovuto soprattutto all’introduzione dello stake-to-mine, ovvero fare mining di BTC tramite lo staking dei token nativi di Bitcoin Minetrix, BTCMTX. Per iniziare è necessario acquistare un minimo di $10 di BTCMTX, metterli in stake e generare così potere di cloud mining e hashrate, per ottenere alla fine le ricompense in Bitcoin.

Nonostante il progetto usi il cloud mining, un settore non sempre sicuro, la verifica di Coinsult permette agli investitori di stare tranquilli sulla trasparenza delle operazioni e basta solo mettere in stake i token per ottenere crediti per il mining, quindi non è necessario effettuare depositi in denaro. 

In più, i detentori di BTCMTX possono ottenere delle entrate passive mettendo anche solo in stake i token. Se si acquistano i token BTCMTX con ETH (le altre opzioni sono USDT, BNB e MATIC), si può iniziare da subito a fare stake-to-mine, senza dover aspettare il termine della presale.

Gli esperti sostengono che il token possa fare anche più di 10x con il listing, se Bitcoin continua con le notizie positive e si ottengono i risultati sperati dall’halving del 2024.

Meme Kombat raggiunge $1 milione in prevendita

Meme Kombat è riuscito nell’impresa di raggiungere il traguardo di $1 milione in prevendita, grazie a fattori come l’appartenenza al settore del GameFi, in crescita, e all’introduzione dello stake-to-earn.

La piattaforma si serve dell’unione di blockchain e intelligenza artificiale per creare scontri virtuali tra i personaggi che sono diventati famosi grazie alle meme coin: è possibile scommettere su queste battaglie e ottenere un guadagno se il risultato è positivo.

Con lo stake-to-earn, invece, è necessario bloccare, per almeno 14 giorni, i token MK, nativi del progetto: l’APY attuale per lo staking è del 112%, inoltre il progetto mette in staking i token dei primi investitori in maniera automatica, per cui questi iniziano a maturare dei guadagni prima del termine della prevendita.

Meme Kombat è forte anche di una roadmap ben strutturata e volta a fidelizzare gli utenti, con un continuo aggiornamento del gameplay, che coinvolge sempre di più il giocatore, ma anche di una tokenomica vincente, che vede il 50% dell’offerta totale destinato in prevendita, il 30% allo staking e alle ricompense  per le battaglie, il 10% alla liquidità sui DEX e l’ultimo 10% ai premi per la comunità.

Le prospettive future per il token sono molto buone, anche se questo, come altri token, resta legato alle dinamiche generali del mercato delle criptovalute.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchiohttps://cryptonomist.ch
Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist, oltre che Italian PR manager per l'exchange Bitget. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e ha pubblicato un libro "NFT: la guida completa'" edito Mondadori. Inoltre è co-founder del progetto NFT chiamati The NFT Magazine, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore. Come advisor, Amelia è anche coinvolta in progetti sul metaverso come The Nemesis e OVER.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS