HomeCriptovaluteBitcoinCBOE rivoluziona il mercato: trading di futures su Bitcoin con leva da...

CBOE rivoluziona il mercato: trading di futures su Bitcoin con leva da gennaio

News: CBOE introdurrà il trading di futures su Bitcoin con leva finanziaria a partire da gennaio. 

Questa mossa consolida la posizione di CBOE Digital come primo exchange crypto regolamentato negli Stati Uniti, offrendo una piattaforma unificata per agevolare il trading di derivati spot e con leva finanziaria. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

CBOE ridefinisce il panorama dei futures su Bitcoin

Come anticipato, CBOE Digital ha annunciato di recente i suoi piani per introdurre il trading e la compensazione dei futures a margine su Bitcoin, con inizio dall’undici gennaio 2024. 

Questa iniziativa posiziona CBOE Digital come il primo exchange regolamentato negli Stati Uniti, focalizzato sul facilitare il trading di derivati spot e con leva finanziaria su una piattaforma unificata.

L’offerta iniziale includerà contratti con margine finanziariamente regolati su Bitcoin, con l’obiettivo di diversificare la gamma di prodotti includendo, in futuro, anche prodotti consegnati fisicamente, soggetti alle necessarie approvazioni normative. 

Questo modello a margine è progettato per migliorare l’efficienza del capitale, consentendo ai clienti di partecipare al trading di futures senza l’obbligo di impegnare l’intero collaterale in anticipo.

Inoltre, la piattaforma unificata di trading spot e derivati fornita da CBOE Digital mira a semplificare l’accesso dei clienti a entrambi i mercati, aprendo opportunità per aumentare il capitale e migliorare l’efficienza operativa.

Tutte le aziende a sostegno di CBOE Digital 

Il prossimo lancio dei futures a margine sarà supportato da diverse aziende nel settore delle criptovalute e della finanza tradizionale, tra cui B2C2, BlockFills, CQG, Cumberland DRW, Jump Trading Group, Marex, StoneX Financial, Talos, tastytrade, Trading Technologies e Wedbush.

Il presidente di CBOE Digital, John Palmer, ha espresso gratitudine per il sostegno dei partner del settore, dichiarando che l’imminente lancio rappresenta una pietra miliare significativa per CBOE Digital. 

Egli ha inoltre sottolineato il supporto di un notevole gruppo di partner che condividono l’impegno a costruire mercati crypto affidabili e trasparenti. Palmer ha indicato che l’offerta di futures a margine è un passo fondamentale per espandere l’accesso agli strumenti di copertura nei mercati degli asset digitali.

Il piano di lancio è in sintonia con le attuali offerte di CBOE Digital, che comprendono Bitcoin, altre criptovalute e trading di stablecoin sul suo mercato spot delle criptovalute. 

I requisiti di margine contrattuale per i nuovi futures saranno resi pubblici quotidianamente sul sito web di CBOE Digital, accompagnati da file di parametri di rischio compatibili con l’analisi di portafoglio standardizzata del rischio (SPAN) per calcoli di margine replicabili.

Record dell’Open Interest nei futures Bitcoin: tutte le tendenze di crescita

Negli ultimi giorni, l’Open Interest nei futures di Bitcoin ha registrato un notevole aumento, seguendo l’andamento positivo del prezzo di BTC. 

Il 10 novembre, secondo i dati di Glassnode, l’Open Interest per i futures Bitcoin sulla CME ha toccato un nuovo record, raggiungendo i 4 miliardi di dollari, corrispondenti al 27% dell’Open Interest totale.

Inoltre, i dati di Coinglass riportano che il 10 novembre il volume complessivo degli Open Interest nei futures Bitcoin ha superato i 16 miliardi di dollari su tutte le piattaforme di exchange. 

Esaminando gli Open Interest Futures sulla CME, si nota che il 10 novembre aveva raggiunto circa 4.06 miliardi di dollari, salendo successivamente a circa 4.19 miliardi di dollari. 

Binance ha seguito da vicino, registrando un Open Interest di 3.84 miliardi di dollari il 10 novembre, garantendo la sua posizione di exchange con il secondo Open Interest più elevato.

Ricordiamo che, nel contesto dei futures Bitcoin, l’Open Interest rappresenta il totale dei contratti non ancora regolati nel mercato. Indica dunque il numero cumulativo di contratti aperti ma ancora da chiudere tramite una transazione opposta.

Un aumento dell’Open Interest suggerisce un afflusso di capitale nel mercato, con la creazione di nuove posizioni, indicando spesso un crescente interesse o fiducia nella tendenza attuale. 

Al contrario, una diminuzione dell’Open Interest potrebbe indicare che i trader stanno chiudendo le loro posizioni, suggerendo una potenziale inversione o un indebolimento della tendenza attuale.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS