HomeCriptovaluteBitcoinL’incontro tra la SEC e Hashdex: la valutazione della proposta dell’ETF su...

L’incontro tra la SEC e Hashdex: la valutazione della proposta dell’ETF su Bitcoin

Di recente, la SEC ha tenuto una riunione con Hashdex per esaminare la proposta dell’ETF su Bitcoin presentata dall’azienda.  

Nello specifico, Hashdex ha introdotto un modello di ETF unico nel suo genere, caratterizzato dal posizionamento delle risorse in Bitcoin nei mercati del CME, garantendo l’isolamento da eventuali operazioni di trading non regolamentate.

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Hashdex introduce un modello ETF su Bitcoin: la discussione con la SEC

Come anticipato, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha tenuto un recente incontro con Hashdex, il richiedente dell’ETF su Bitcoin, secondo quanto riportato in una nota dell’agenzia datata 29 novembre.

L’incontro, che si è svolto il 27 novembre, ha riguardato una proposta di modifica delle regole per consentire al NYSE Arca di quotare e scambiare azioni dell’ETF Bitcoin proposto da Hashdex.

Conforme alla nota della SEC, due rappresentanti dell’Ufficio del Presidente della SEC si sono riuniti con tre membri di Hashdex e un rappresentante di NYSE Arca, con anche la partecipazione di un membro dello studio legale Wilson Sonsini Goodrich & Rosati.

Un documento precedente rivela che alcune di queste persone si erano già incontrate il 13 ottobre per discutere dell’ETF con la Division of Trading and Markets della SEC. 

Hashdex ha presentato una proposta innovativa, pianificando di strutturare il suo fondo acquistando posizioni spot in Bitcoin esclusivamente all’interno dell’exchange di futures regolamentato del CME. 

Questo approccio mira a isolare l’ETF da eventuali manipolazioni nei mercati spot esterni non regolamentati, interfacciandosi solo con il mercato regolamentato dei futures CME.

Il 15 novembre, la SEC ha emesso un avviso di ritardo riguardante la suddetta proposta, indicando alla stessa di prendere una decisione entro il 1° gennaio 2024. 

Tuttavia, questa scadenza è stata revocata il 28 novembre, quando la SEC ha avviato il processo decisionale e aperto una richiesta di commenti sull’ETF Hashdex Bitcoin Futures, senza specificare una nuova scadenza.

Come sappiamo, fino ad oggi, negli Stati Uniti, non è stato approvato alcun ETF spot riguardante Bitcoin o Ethereum, e Hashdex è uno dei numerosi gestori patrimoniali in attesa di una decisione. 

Altri concorrenti includono colossi finanziari come BlackRock e Fidelity, insieme ad altre aziende quali Ark Invest, Invesco, Grayscale e Bitwise.

Bloomberg sugli ETF Bitcoin: possibili approvazioni della SEC entro gennaio 2024

In una recente dichiarazione, James Seyffart, l’analista di criptovalute di Bloomberg, ha condiviso dettagli significativi riguardo all’ETF spot Bitcoin e alle possibili date di approvazione.

Secondo Seyffart, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti renderà pubblici i ritardi nei documenti federali relativi a Franklin/Hashdex il 1° dicembre. 

L’analista interpreta questa mossa come un segnale della SEC che sta ottimizzando i suoi processi in previsione di potenziali approvazioni.

Il periodo per i commenti su questi ritardi è previsto che si concluda il 5 gennaio 2024, creando una breve finestra di cinque giorni prima della scadenza del 21 gennaio di Ark/10. 

Nonostante sembri un periodo breve per la revisione dei commenti, Seyffart nota che, ad esempio, Global X non ha ricevuto alcun commento durante il periodo di consultazione, indicando la possibilità di un processo di revisione agevolato.

Seyffart suggerisce che, in caso di commenti da esaminare, l’approvazione potrebbe avvenire poco dopo il termine del periodo di commento.

In base a queste considerazioni, Seyffart prevede che la finestra per una potenziale approvazione dell’ETF Bitcoin spot potrebbe situarsi tra il 5 e il 10 gennaio 2024.

Ancora news per gli ETF: BITO supera il record di asset gestiti 

Di recente, il ProShares Bitcoin Strategy ETF (BITO), il primo ETF su Bitcoin lanciato negli Stati Uniti, ha raggiunto un nuovo primato di asset in gestione (AUM), posizionandosi ora con quasi 1.5 miliardi di dollari in contratti futures su Bitcoin.

Questo record evidenzia l’entusiasmo tra le istituzioni nel cercare esposizione a BTC, soprattutto in vista dell’attesa approvazione di un ETF spot su Bitcoin entro gennaio.

Il precedente record di BITO, di 1.44 miliardi di dollari, era stato toccato il 10 novembre 2021, circa tre settimane dopo il lancio iniziale, coincidendo con il massimo storico di BTC a 69,000 dollari.

Il nuovo primato, stabilito martedì, ha superato quella cifra portandola a 1.47 miliardi di dollari, coincidendo con il massimo annuale di BTC a 38,300 dollari.

Il fondo ha mostrato prestazioni notevoli nel corso del mese, passando da 1.1 miliardi di dollari di AUM a 1.42 miliardi nei primi dieci giorni di novembre. 

Sebbene il rialzo del prezzo di BTC abbia contribuito significativamente a questa crescita, l’analista ETF di Bloomberg, Eric Balchunas, ha dichiarato che circa 240 milioni di dollari di aumento da inizio ottobre erano attribuibili a nuovi afflussi effettivi.

Fin dal suo avvio, BITO ha registrato un volume medio di scambi giornalieri di 160 milioni di dollari, posizionandosi tra il 5% più alto di tutti gli ETF statunitensi.

A livello globale, i fondi di investimento Bitcoin hanno attirato ingenti capitali nell’ultimo mese, con un totale di 32 miliardi di dollari di patrimonio gestito. 

Oltre a ProShares, infatti, i prodotti di investimento di Purpose Investments, proprietario del primo ETF spot su bitcoin in Canada, hanno raccolto 246 milioni di dollari questo mese.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS