HomeSponsoredBTC, ETH e XRP: ecco perché il valore delle crypto è crollato...

BTC, ETH e XRP: ecco perché il valore delle crypto è crollato nelle ultime ore

SPONSORED POST*

Nelle ultime ore si è assistito a un massiccio sell-off relativo al mercato delle criptovalute, con la conseguenza che il market cap globale è crollato del 5%, raggiungendo $1,57 trilioni. BTC ha perso più del 3,50% e a seguire anche le altre crypto di rilievo, come ETH, XRP e SOL, mentre il Fear & Greed Index passa a 80.

Mentre cerchiamo di capire perché sta accadendo tutto questo, appare sempre più interessante investire nelle prevendite, che sono in grado di dare, in potenza, ritorni sin dal momento del listing: in particolare Bitcoin Minetrix e Bitcoin ETF Token stanno riscuotendo grande successo grazie al collegamento a BTC.

Il mercato crypto crolla: cosa sta succedendo?

Il settore crypto ha affrontato una salita davvero impressionante nelle ultime settimane, con BTC che ha superato $44.000: per questa ragione ci si aspettava una correzione da un momento all’altro, un evento più che naturale.

In particolare le correzioni e i pullback sono importanti per confermare l’avvicinarsi di ulteriori rally, quando il Fear & Greed Index è nel settore di “Extreme Greed”, come in questo momento.

C’è stato CoinGape a prevedere questa correzione e, inoltre, si pensa che BTC andrà a diminuire ancora di più il suo valore, perché il CME gap di Bitcoin a $39.700 deve essere colmato proprio da un potenziale rally.

Secondo CoinGlass, c’è stata una massiccia liquidazione, pari a oltre $400 milioni: nelle ultime 24 ore sono stati liquidati oltre $119.000 e, per questa ragione, oggi il mercato appare in rosso.

Tra i fattori che hanno comportato questa situazione, ci sono la pubblicazione dei dati sull’inflazione CME e PPI e l’annuncio della Federal Reserve relativo ai tassi di interesse per fine anno.

BTC ed ETH continueranno a scendere?

Secondo gli esperti, BTC ed ETH sono pronti a scendere di valore nelle prossime settimane: secondo l’analista Credible Crypto, per esempio, non si è riusciti a superare i $40.000 con Bitcoin, come invece era stato previsto.

L’esperto continua dicendo che BTC è sempre pronto a un rally oltre i $50.000 e che può anche raggiungere $60.000 nelle prossime settimane, mentre ETH può toccare $3500. Oggi Bitcoin è scambiato a $42.300, con un -3,28% circa nelle ultime 24 ore.

ETH invece è scambiato a $2.244, con un calo del 4,15% nelle 24 ore. Davanti a questa situazione, appare sempre più interessante investire nelle prevendite, in particolare quelle che stanno dando i migliori risultati: Bitcoin Minetrix ha superato $5 milioni con lo stake-to-mine, mentre Bitcoin ETF i $3,4 milioni grazie all’attesa per l’approvazione degli ETF spot su BTC.

Bitcoin ETF Token: l’accesso indiretto agli ETF spot su BTC

Tra i fattori che hanno portato BTC a salire c’è stata l’attesa per gli ETF spot su Bitcoin, che ha portato l’asset a superare $44.000. Nonostante il sell-off massiccio delle ultime ore, questo prodotto continua a captare l’interesse di molti investitori, che ne conoscono le potenzialità.

Anche per questo motivo la presale di Bitcoin ETF Token prosegue velocemente e, in questo momento, ha superato $3,4 milioni, con un BTCETF a $0,0066. Il token nativo del progetto è di tipo ERC-20 e costruito su Ethereum, e ha un costo che andrà a salire nel corso della prevendita, in quanto questa segue il meccanismo di prezzo crescente.

Chi è interessato al progetto, quindi, può acquistare prima che il token salga ulteriormente di prezzo, in modo da ottenere potenziali ritorni più alti. La roadmap di Bitcoin ETF prevede il raggiungimento di cinque traguardi, per determinare l’andamento del suo token: per ogni tappa è previsto il burning del 5% di un quarto dell’offerta totale di BTCETF.

Inoltre, anche le fee per le vendite del token si ridurranno, dal 5% e fino allo 0%, quindi l’azzeramento totale nel momento del raggiungimento dell’ultimo traguardo. La tokenomica prevede invece che la fornitura totale di 2.100.000.000 di BTCETF, veda il 40% destinato alla prevendita in corso, il 25% ai premi per la comunità, un altro 25% per il burning e il restante 10% per la liquidità sugli exchange.

Come altri prima di lui, anche questo progetto è incentrato sulla community, che costituisce la base di ogni successo per le meme coin e i token che vogliono avere una lunga vita. Il sostegno della comunità, infatti, aiuta ogni progetto a diventare virale.

Allo scopo di fidelizzare gli utenti, inoltre, il team mette a disposizione anche il meccanismo di staking, che ha un APY corrente del 79%. Chi vuole partecipare alla prevendita di BTCETF dovrà visitare il sito ufficiale del progetto, collegare il proprio crypto wallet e pagare con ETH, USDT, BNB o MATIC o ancora usare una carta di credito/debito bancaria. 

Viste le caratteristiche del progetto, appare una buona opportunità di investimento per chi vuole tentare un ritorno sin dal momento del listing.

Bitcoin Minetrix: un nuovo modo per fare mining di BTC 

Nonostante il ritracciamento, il sentiment nei confronti di Bitcoin resta positivo e, anche per questo motivo, i progetti a lui collegati, anche se indirettamente, suscitano sempre più l’interesse dei trader.

Bitcoin Minetrix, con il cloud mining verificato da Coinsult, permette a tutti di accedere al mining di BTC, attraverso il nuovo modello di stake-to-mine, mettendo insieme due elementi cardine del settore, ovvero lo staking e il mining.

Per fare stake-to-mine basterà partecipare alla presale di BTCMTX, token nativo del progetto, di tipo ERC-20, acquistare un minimo di $10 di token, ora in vendita a $0,0121 e metterli in stake, così da generare potere di cloud mining e hashrate, e ottenere premi in BTC.

Con il blocco dei token BTCMTX si otterranno crediti per il mining, token ERC-20 non negoziabili, che potranno essere sottoposti a burning in cambio di tempo di mining. Un altro modo per guadagnare, tramite Bitcoin Minetrix, è quello di sfruttare lo staking: in questo momento l’APY è del 117%.

La presale ha superato $5 milioni, dimostrando quanto sia alto l’interesse degli investitori: acquistando i token BTCMTX con ETH (le altre modalità sono USDT, BNB, MATIC o una carta di credito/debito bancaria), è possibile inoltre fare da subito stake-to-mine, senza quindi dover aspettare il termine della prevendita, e pagando una minima tassa di $0,015.

Se Bitcoin si muove come previsto, BTCMTX può fare grandi cose con il listing e diventare un progetto di lunga durata e quindi che offre guadagni costanti.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS