HomeBlockchainRegolamentazioneGoogle aggiorna la sua politica sugli annunci crypto negli USA

Google aggiorna la sua politica sugli annunci crypto negli USA

Il colosso dei motori di ricerca, Google, ha annunciato l’aggiornamento della sua politica sugli annunci crypto per gli USA, attiva dal 29 gennaio 2024. 

Google e la nuova politica sugli annunci crypto negli USA 

Google, il gigante di internet, ha annunciato l’aggiornamento della sua politica sugli annunci crypto e prodotti correlati negli USA. L’obiettivo è consentire la pubblicità agli inserzionisti che offrono Cryptocurrency Coin Trust rivolti agli Stati Uniti.

La nuova politica sarà attiva a partire dal 29 gennaio 2024. Non solo, Google ha voluto fare un esempio (non esaustivo) di quello che intende con Cryptocurrency Coin Trust, e cioè quei prodotti finanziari che consentono agli investitori di negoziare quote di trust che detengono ampi pool di valuta digitale”. 

In aggiunta, Google ha specificato che i potenziali inserzionisti dovranno ottenere la certificazione per poter pubblicare annunci crypto. 

Nello specifico, tale certificazione sarebbe la licenza appropriata dall’autorità locale competente nelle mani dell’inserzionista, oltre che i suoi prodotti, le sue pagine di destinazione e i suoi annunci soddisfino tutti i requisiti legali locali del Paese o della regione per cui desidera ottenere la certificazione

Infine, il comunicato di Google termina con i provvedimenti che intende attuare, qualora tale politica sarà violata. A tal proposito, il colosso dei motori di ricerca emetterà un avviso, almeno sette giorni prima di qualsiasi sospensione dell’account. 

Google: l’aggiornamento degli annunci crypto negli USA nello stesso periodo degli ETF su Bitcoin spot

Con Cryptocurrency Coin Trust, Google potrebbe coinvolgere anche i prodotti finanziari come gli Exchange Traded Fund (ETF) collegati al mondo crypto. 

In questo caso, il gigante di internet potrebbe dunque prepararsi a quello che potrebbe verificarsi nello stesso mese di gennaio 2024, e cioè l’approvazione da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) dell’ETF su Bitcoin spot. 

E infatti, di recente, il colosso degli investimenti BlackRock avrebbe depositato presso la SEC degli USA, l’ultima versione aggiornata della sua richiesta di emissione di un ETF su Bitcoin spot negli Stati Uniti. 

Tale documento di 112 pagine ha seguito per filo e per segno le modifiche richieste dalla stessa SEC, così da diventare “approvabile”. 

Proprio per questo motivo, si ritiene che l’approvazione per l’ETF su Bitcoin di BlackRock arriverà durante il mese di gennaio. 

Il motore di ricerca e gli annunci pubblicitari su NFT games

A settembre, Google aveva aggiornato la sua politica sugli annunci crypto, relativi però ai giochi NFT. 

E infatti, da quel mese, il motore di ricerca ha reso possibile agli inserzionisti che offrono giochi blockchain-based e NFT di poter pubblicare i loro annunci pubblicitari

Nello specifico, Google aveva ammesso tutti i giochi NFT che consentono ai giocatori di acquistare oggetti di gioco, consumati o utilizzati nel gioco, per migliorare l’esperienza utente o per aiutarlo a progredire nel gioco. 

Al contrario, però, Google aveva anche escluso tutti i giochi blockchain-based e NFT che sono collegati con i giochi d’azzardo e scommesse. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS