HomeBlockchainLa partnership tra Web3 Wicrypt e Microsoft per la crescita tecnologica in...

La partnership tra Web3 Wicrypt e Microsoft per la crescita tecnologica in Nigeria

Il 6 dicembre, Web3 Wicrypt, una startup con sede in Nigeria, ha dichiarato di aver ottenuto un finanziamento di 150.000 dollari da Microsoft. 

La società intende impiegare questa sovvenzione per potenziare l’efficienza della sua catena di sviluppo per la rete di infrastrutture fisiche decentralizzate. 

Inoltre, nel corso del mese di novembre, Wicrypt ha ricevuto un finanziamento aggiuntivo di 200.000 dollari da Google Cloud. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Nigeria: la startup Web3 Wicrypt riceve sostegno da Microsoft per potenziare la sua rete infrastrutturale

Come anticipato, la startup nigeriana Web3 Wicrypt ha recentemente divulgato l’acquisizione di una sovvenzione di 150.000 dollari da Microsoft per potenziare il suo impegno nello sviluppo di Depin, una rete di infrastrutture fisiche decentralizzate. 

Depin rappresenta un innovativo approccio alla costruzione e alla gestione delle infrastrutture nel mondo fisico, sviluppate in modo decentralizzato da individui e aziende globali per essere accessibili a chiunque. 

Si sostiene che i Depin siano scalabili e più convenienti rispetto alle tradizionali reti infrastrutturali, con piattaforme come Filecoin, Helium e Iotex che operano in questo settore dinamico.

In un post condiviso su X (ex Twitter), la startup ha esaltato Microsoft e l’acceleratore Web3 Outlier Ventures per l’opportunità e il sostegno forniti: 

“Abbiamo ottenuto una sovvenzione di 150.000 dollari da Microsoft, la quale avrà un impatto significativo nell’espansione della collaborazione e nell’incremento della produttività della nostra catena di sviluppo [Depin]. Siamo grati a Microsoft Azure per l’opportunità eccezionale e a Outlier Ventures per il costante supporto che ha reso tutto ciò possibile. Lo apprezziamo sinceramente.” 

Inoltre, in un precedente post su X, Wicrypt aveva annunciato la sua espansione alla blockchain di Arbitrum, descrivendo la scelta di sfruttare la base di utenti della catena come una “mossa strategica”.

Infine, va sottolineato che Wicrypt ha inoltre ottenuto un finanziamento di $200.000 da Google Cloud pochi giorni prima di annunciare la sovvenzione di Microsoft.

L’indagine della CMA del Regno Unito sulla collaborazione tra Microsoft e OpenAI

Di recente, purtroppo, Microsoft ha anche dovuto affrontare dei problemi legati ad alcune regolamentazioni nel Regno Unito, problemi che potrebbero avere un forte impatto sulle dinamiche competitive nel settore tecnologico. 

Nello specifico, l’autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) del Regno Unito sta attualmente esaminando la partnership tra Microsoft e OpenAI, un’organizzazione leader nella ricerca sull’intelligenza artificiale. 

L’obiettivo di questa valutazione è determinare se tale collaborazione costituisca una fusione significativa con potenziali impatti sulle dinamiche competitive del settore tecnologico. 

Recentemente, Microsoft ha annunciato il suo ruolo di osservatore senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI, suscitando interrogativi sulla natura e sulle implicazioni di questa collaborazione.

L’indagine della CMA è stata avviata dopo che Microsoft ha rivelato l’acquisizione di una posizione senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI. 

Sebbene il rappresentante di Microsoft possa partecipare alle riunioni e accedere a informazioni riservate, non ha il diritto di voto su decisioni cruciali come l’elezione degli amministratori. 

In risposta alle preoccupazioni sollevate, Brad Smith, vicepresidente e presidente di Microsoft, ha chiarito che il coinvolgimento dell’azienda rimane limitato allo status di osservatore. 

Inoltre, ha evidenziato la differenza rispetto a acquisizioni più dirette, citando l’esempio dell’acquisto di DeepMind da parte di Google. Ha anche dichiarato la disponibilità di Microsoft a collaborare con la CMA per una revisione approfondita.

Con questa indagine, è la seconda volta quest’anno che le operazioni di Microsoft vengono esaminate, sottolineando l’attenzione crescente degli organismi di regolamentazione sulla crescente influenza dei giganti della tecnologia nel settore dell’intelligenza artificiale.

Ancora news nel Web3: MetaMask espande le alleanze per potenziarne l’ecosistema 

Così come Microsoft, anche MetaMask, il noto wallet per criptovalute, ha recentemente consolidato nuove partnership in sei paesi, tra cui Vietnam, Filippine, Indonesia, Tailandia, Egitto e Cile. 

L’obiettivo principale di queste collaborazioni è promuovere l’ecosistema Web3, segnalando una strategia orientata al rafforzamento della presenza di MetaMask in mercati diversificati.

L’ampliamento della portata di MetaMask è stato reso possibile grazie a collaborazioni strategiche con Unlimit, una soluzione di pagamento senza confini, e TransFi. 

Queste partnership mirano a integrare opzioni di pagamento e trasferimento di criptovalute locali direttamente all’interno del portafoglio MetaMask, rendendo l’esperienza Web3 più accessibile e user-friendly per individui in diverse posizioni geografiche.

Non a caso, l’approccio di espansione e integrazione di MetaMask rappresenta un passo significativo nell’evoluzione dell’ecosistema Web3. 

Attraverso queste partnership locali e l’ottimizzazione delle transazioni locali, MetaMask non solo amplia la sua base di utenti, ma contribuisce anche all’adozione globale e alla normalizzazione delle tecnologie legate a criptovalute e blockchain.

Questa strategia è allineata con la visione più ampia del Web3 e, mediante queste iniziative, MetaMask assume un ruolo cruciale nella definizione del futuro della finanza digitale, garantendo che rimanga accessibile e rilevante per utenti di tutto il mondo.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS