HomeSponsoredBitcoin: El Salvador ottiene l’ok dalle autorità di vigilanza per i Volcano...

Bitcoin: El Salvador ottiene l’ok dalle autorità di vigilanza per i Volcano Bonds

Bitcoin è attorniato da elementi interessanti, come gli ETF spot per i quali c’è grande attesa. Ma questo non è l’unico prodotto di investimento, legato a BTC, che suscita interesse: dopo tanto peregrinare, infatti, sembra che stiano finalmente per arrivare i cosiddetti Volcano Bonds, previsti per il primo trimestre del 2024.

Questi titoli di debito saranno gestiti da Bitfinex Securities: è arrivato infatti l’ok da parte della commissione di vigilanza di El Salvador. Continua quindi a essere grande l’interesse per l’asset più longevo e importante di tutti, anche grazie a nuovi progetti che lo riguardano, come Bitcoin Minetrix e Bitcoin ETF Token, entrambi in prevendita.

La commissione di vigilanza salvadoregna dà l’ok ai Volcano Bonds

Il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha da poco rilasciato una notizia in un tweet, nel quale sostiene che, durante il primo trimestre del 2024, saranno rilasciati i cosiddetti Volcano Bonds, ovvero titoli di debito che saranno gestiti da Bitfinex Securities, la divisione dedicata a questo settore creata proprio dal popolare exchange Bitfinex.

La CNAD, ovvero la commissione salvadoregna preposta agli asset digitali, avrebbe infatti dato il via libera a questo prodotto, che permetterebbe al paese di incrementare i tentativi di legare la propria economia a Bitcoin.

I Volcano Bonds, infatti, puntano a raccogliere circa $1 miliardo in controvalore, allo scopo di creare delle farm di mining che opereranno tramite fonti di energia rinnovabile, da cui il nome stesso del prodotto.

A questo proposito sono sorte però delle polemiche: prima di tutto c’è chi sostiene che, nonostante la denominazione, che sarebbe frutto solo di un’operazione di marketing, l’energia utilizzata non deriverà solo dai vulcani ma sarà anche di altro tipo. 

Inoltre c’è chi, nell’opposizione, sostiene che in realtà si voglia far approvare un framework legale, che sia applicabile anche ad altri asset digitali, quindi un’operazione più ampia. Intanto Bukele potrebbe ottenere un ulteriore mandato, probabilmente anche grazie alla popolarità raggiunta dai suoi sforzi pro Bitcoin.

L’asset è al centro dell’attenzione anche per due nuovi progetti: Bitcoin ETF collega il suo token direttamente agli ETF spot su BTC e raggiunge $3,9 milioni in prevendita, mentre Bitcoin Minetrix rende popolare il mining di BTC e supera $5,2 milioni in presale.

Bitcoin ETF Token segue le tappe degli ETF spot su BTC

Bitcoin è considerato sempre più un asset tesoretto, che per molti costituisce un investimento sicuro in tempi bui. Va da sé che le presale legate a lui vadano bene, nonostante il recente sell-off del mercato crypto si prevede che questo token possa rientrare tra le criptovalute che esploderanno nel 2024.

Bitcoin ETF Token è un nuovo progetto che sfrutta l’attesa per l’approvazione degli ETF spot su BTC per far crescere di valore il suo token nativo, BTCETF, ora in prevendita al prezzo di $0,0068 e che è sempre più vicino al termine della prevendita.

Il progetto ha stabilito cinque traguardi collegati ad altrettanti eventi di burning del suo token  BTCETF, per ognuno dei quali sarà eliminato il 5% della parte di token destinata all’evento, ovvero il 25% dell’offerta totale.

Insieme a questo, si procederà a ridurre le fee sulla vendita dei token dal 5% e fino allo 0%, con il perseguimento dell’ultimo traguardo. Inoltre Bitcoin ETF mette al centro dell’attenzione la community, che è la base di ogni progetto che si rispetti e che voglia avere una lunga vita.

Per farla crescere, oltre alle partnership, che hanno lo scopo di rendere virale il progetto, il team ha introdotto il meccanismo di staking, al quale si può accedere sin da subito e che in questo momento ha un APY del 70%

Per partecipare alla presale, che ha superato $3,9 milioni, può collegare il proprio crypto wallet alla pagina ufficiale di Bitcoin ETF, sulla quale sono disponibili anche aggiornamenti sugli ETF spot su BTC, e acquistare un minimo di $5 di token.

Nel crypto wallet dovranno essere disponibili ETH, USDT, BNB o MATIC o ancora si potrà usare una carta di credito/debito bancaria per comprare la quantità di token desiderata. BTCETF, secondo gli esperti del settore, può fare più di 10x nel momento del listing.

Bitcoin Minetrix, con lo stake-to-mine, rende possibile per tutti il mining di BTC

Bitcoin Minetrix tocca un punto molto importante: il mining di BTC non è possibile per tutti ma solo per coloro che hanno abbastanza denaro per poter acquistare macchinari appositi e affrontare spese di energia elettrica consistenti.

Grazie a questo progetto, invece, è possibile usare il cloud mining verificato da Coinsult, quindi trasparente, così da accedere al mining di BTC attraverso il nuovo concetto di stake-to-mine, che unisce lo staking di BTCMTX, token nativo del progetto, con il mining di BTC.

Per partecipare al progetto e iniziare a fare stake-to-mine, basta acquistare BTCMTX, per un minimo di $10, metterli in stake e generare in questo modo potere di cloud mining e hashrate e, alla fine, ottenere ricompense in Bitcoin.

Si tratta di un piccolo investimento, visto che, in questo momento, un BTCMTX costa $0,0122; inoltre è possibile guadagnare introiti passivi con lo stake-to-earn, che in questo momento ha un APY del 115%

Chi acquista inoltre i token BTCMTX in prevendita con ETH può fare da subito stale-to-mine e quindi ottenere delle entrate passive prima del termine della stessa, pagando solo una piccola fee di $0,015. 

Bitcoin Minetrix sta riscuotendo grande successo in prevendita, infatti ha superato il traguardo di $5,2 milioni: per partecipare, basta collegare il proprio crypto wallet alla pagina ufficiale di Bitcoin Minetrix e acquistare i token, oltre che con ETH, anche con USDT, BNB, MATIC o con una carta di credito/debito bancaria.

Secondo gli analisti del settore, l’argomento trattato dal progetto è di grande interesse, per cui Bitcoin Minetrix può riservare grandi sorprese con il listing.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS