HomeCriptovaluteCTO del crypto wallet Ledger: nuovo ciclo rialzista in arrivo

CTO del crypto wallet Ledger: nuovo ciclo rialzista in arrivo

Ledger è un’azienda francese leader a livello mondiale per gli hardware wallet crypto. 

Il suo CTO (Chief Technology Officer), Charles Guillemet, di recente ha rilasciato un’intervista ad un giornale online francese in cui ha sostenuto che il mercato crypto sta entrando in un nuovo ciclo rialzista grazie a blockchain che offrono maggiori capacità. 

Il ciclo rialzista secondo il CTO del crypto wallet Ledger

Secondo Guillemet, il mercato crypto nel 2024 andrà avanti, dopo il lungo ciclo ribassista che ha colpito anche le aziende del settore come Ledger.

Il fatto è che di recente il prezzo di Bitcoin è tornato sopra i 40.000$ per la prima volta da maggio 2022, ovvero da quando iniziarono i grossi problemi dovuti all’implosione dell’ecosistema Terra/Luna. 

Quindi ad oggi sembra che l’orizzonte si stia schiarendo per l’ecosistema crypto, dopo un lungo inverno crypto al quale alcuni progetti fragili non sono sopravvissuti. La stessa Ledger ad esempio è stata costretta ad annunciare importanti licenziamenti.

La svolta è avvenuta in questa fine di 2023, con l’aumento delle probabilità dell’approvazione degli ETF su Bitcoin spot negli USA, e la fine degli aumenti dei tassi di interesse delle banche centrali.

Inoltre si avvicina sempre di più l’halving di Bitcoin di aprile, e questo potrebbe davvero segnare la fine dell’inverno crypto e l’inizio di un nuovo ciclo rialzista. Sebbene non vi siano certezze a riguardo, tale prospettiva è ritenuta possibile da molti. 

La previsione del CTO del crypto wallet Ledger

Il CTO di Ledger ha anche affermato che in questo momento siamo all’inizio di un nuovo ciclo ascendente dei mercati crypto. 

Questo ciclo, secondo Guillemet, sarà accompagnato da investimenti importanti, anche grazie alla futura presenza sulle borse tradizionali di ETF su Bitcoin spot anche negli USA. 

Il fatto è che stavolta gli operatori del settore dovrebbero poter beneficiare di una capacità infrastrutturale e di una scalabilità molto maggiori delle blockchain, perchè nel frattempo l’ecosistema è evoluto ed ha prodotto nuove soluzioni in grado di consentire molte più transazioni, molto più veloci ed economiche rispetto ai passati cicli rialzisti. 

Quindi secondo Guillemet in questo nuovo possibile ciclo rialzista non ci saranno le limitazioni del ciclo precedente, tipo i problemi di congestione ed i costi elevati. Cita in particolare i layer 2 di Ethereum, ma anche Cosmos e Solana.

In altre parole il nuovo ciclo potrebbe essere differente da quelli passati, perchè dal 2021 ad oggi è stato fatto un vero e proprio passaggio di livello, sia tecnologico che finanziario. 

La crisi di Ledger

Guillemet ammette che la società ha dovuto licenziare il 10% della sua forza lavoro, ma ricorda anche che quando entrò in Ledger nel 2017 erano solo in 40, mentre oggi sono in 700. 

Inoltre sottolinea che l’attività dell’azienda non dipende solamente dal mercato delle criptovalute, dato che producono dispositivi fisici. 

Il fatto è che hanno passato una fase di ipercrescita tra il 2021 e l’inizio del 2022, mentre in seguito il contesto è diventato difficile. 

La decisione di licenziare il 10% del personale è stata presa per alleggerire un po’ il team per evitare che l’azienda restasse in difficoltà per un lungo periodo, però afferma che ora l’azienda sta andando bene, e sta assistendo in questo fine 2023 ad un rinnovato interesse da parte degli investitori.

Il nuovo Ledger

Guillemet ha anche parlato del nuovo prodotto dell’azienda, il Ledger Stax annunciato a dicembre 2022 e che avrebbe dovuto essere messo sul mercato nel primo trimestre del 2023. 

Afferma che ci stanno ancora lavorando, ma che sono già nella fase di industrializzazione. 

Il fatto è che progettare hardware come quello non è facile, ed è ancora più difficile proteggerlo. Un’ulteriore difficoltà è produrlo su larga scala. 

Ammette che non c’è ancora una data precisa di rilascio sul mercato, e si limita a dire che sarà commercializzato non appena sarà pronto. 

La società

Guillemet rivela che Ledger ha tre fonti di reddito. 

La maggior parte del fatturato proviene dai privati, ovvero la vendita degli hardware wallet e le commissioni patate sull’applicazione Ledger Live, ma la terza fonte sono prodotti offerti alle aziende. 

In particolare cita Ledger Vault, ovvero una soluzione di custodia SaaS (Software-as-a-Service) lanciata nel 2019 e che consente di gestire le criptovalute definendo anche regole di governance.

Fino ad oggi Ledger Vault ha raccolto solo un centinaio di clienti, ma tra questi ci sono nomi importanti come Crypto.com e Uphold. In realtà questo è un mercato ancora relativamente piccolo, ma secondo Guillemet è destinato a crescere.

Cita anche Tradelink, ovvero una soluzione di trading per le istituzioni che consente di effettuare ordini contemporaneamente su diverse piattaforme di scambio. Tradelink però non è ancora stato messo sul mercato, e le prime transazioni ufficiali dovrebbero avvenire all’inizio del 2024.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS