HomeCriptovaluteLa Corea del Nord protagonista dei furti e delle truffe crypto avvenuti...

La Corea del Nord protagonista dei furti e delle truffe crypto avvenuti nel 2023

Nel campo della sicurezza informatica, la Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) continua ad affermare il proprio dominio, con gli hacker affiliati alla Corea del Nord coinvolti in un impressionante terzo di tutti gli exploit e i furti di crypto dello scorso anno. 

Il rapporto di TMR Labs fa luce sui furti degli hacker della Corea del Nord nel mondo crypto

Secondo un rapporto completo di TRM Labs, questi attori malintenzionati sono riusciti a sottrarre oltre 600 milioni di dollari di fondi. Contribuendo a un bottino cumulativo di quasi 3 miliardi di dollari negli ultimi sei anni.

Il responsabile degli affari legali e governativi di TRM Labs, Ari Redbord, ha sottolineato la gravità della situazione, evidenziando che le attività nefaste della RPDC vanno oltre il guadagno finanziario. 

I fondi estratti attraverso questi exploit di criptovaluta hanno uno scopo più inquietante: finanziare lo sviluppo di armi di distruzione di massa. 

Questa allarmante rivelazione ha spinto i funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti ad aumentare le preoccupazioni.

Tutto gira intorno al legame diretto tra le attività crittografiche illecite della Corea del Nord e le sue ambizioni nucleari.

Redbord ha spiegato che l’anno 2023 ha visto un notevole calo del bottino di criptovalute della RPDC, con una riduzione del 30% rispetto all’anno precedente. 

Nel 2022, gli attori affiliati alla RPDC, in particolare coinvolti nell’exploit Ronin Bridge, hanno sequestrato circa 850 milioni di dollari. 

Il calo nel 2023 può essere attribuito a una confluenza di fattori, tra cui una diminuzione dei grandi hack come il furto Ronin, interventi più efficaci delle forze dell’ordine, misure di sicurezza informatica migliorate e, in misura limitata, fluttuazioni dei prezzi delle criptovalute.

Il modus operandi degli hacker nordcoreani rimane coerente, basandosi in larga misura su tattiche di ingegneria sociale per acquisire chiavi private per progetti mirati. 

Redbord ha evidenziato la velocità e la scala senza precedenti con cui questi attacchi vengono eseguiti, sfruttando le vulnerabilità dell’ecosistema crittografico.

Oltre le ripercussioni finanziarie: attacchi politici e giochi di potere

L’importanza degli attacchi e i furti della Corea del Nord alle crypto va oltre le ripercussioni finanziarie. 

A differenza degli hacker convenzionali spinti dall’avidità, gli attori affiliati alla RPDC impiegano i loro guadagni illeciti per alimentare la proliferazione delle armi e altre attività destabilizzanti, rappresentando una minaccia globale. 

Redbord ha sottolineato che questa motivazione distintiva ha indotto un cambiamento di prospettiva. Trasformando la conversazione da una preoccupazione finanziaria a un imperativo di sicurezza nazionale.

L’impatto dell’exploit Ronin Bridge nel 2022 ha segnato un punto di svolta, portando il Tesoro degli Stati Uniti a designare per la prima volta gli indirizzi legati alla Corea del Nord. 

Questo ha dato il via a un approccio globale, che coinvolge l’intero governo. Per affrontare il problema e che ha portato alle successive sanzioni nei confronti di Tornado Cash, Blender.io e Sinbad.

Il panorama delle criptovalute è innegabilmente intrecciato con la sicurezza geopolitica.

A dimostrarlo è l’incessante ricerca di fondi da parte della Corea del Nord per portare avanti la sua pericolosa agenda. 

Mentre la comunità internazionale è alle prese con l’evoluzione delle minacce informatiche, una risposta ferma e coordinata diventa imperativa per salvaguardare la convergenza tra criptovalute e minacce alla sicurezza globale.

Gli sforzi dell’occidente per placare la Corea del Nord: furti crypto e minacce hacker

L’intensificarsi delle preoccupazioni per la sicurezza nazionale legate alle attività cripto-guidate della Corea del Nord ha indotto un cambiamento di paradigma negli sforzi di cybersicurezza globale. 

La singolare motivazione alla base di questi attacchi, è diretta non al guadagno economico ma all’avanzamento della proliferazione delle armi. Perciò richiede una risposta multiforme da parte della comunità internazionale.

L’incontro tra Stati Uniti, Repubblica di Corea e Giappone riflette l’urgenza di affrontare gli sforzi della Corea del Nord in materia di armi.

L’identificazione e la successiva designazione di indirizzi legati alla Corea del Nord da parte del Tesoro degli Stati Uniti in seguito all’exploit Ronin Bridge sottolineano la gravità della situazione. 

Segnano una mossa strategica per interrompere i flussi finanziari illeciti che sostengono le attività destabilizzanti della Corea del Nord.

Ari Redbord, responsabile degli affari legali e governativi di TRM Labs, ha sottolineato che l’incidente Ronin è servito da catalizzatore. 

Le successive sanzioni a piattaforme come Tornado Cash, Blender.io e Sinbad indicano uno sforzo concertato per limitare l’impatto delle operazioni di criptovaluta nordcoreane.

La comunità internazionale deve ora affrontare la sfida di rafforzare le misure di sicurezza informatica per mitigare le vulnerabilità sfruttate dagli hacker nordcoreani. 

Il successo delle azioni di contrasto e il potenziamento dei controlli di cybersicurezza hanno svolto un ruolo fondamentale nella riduzione dei furti di criptovalute nel 2023. 

Ciò sottolinea l’importanza di una collaborazione continua tra agenzie governative, enti normativi e settore privato per rafforzare le difese dell’ecosistema crittografico globale.

La diminuzione degli hack più importanti nel 2023, compresa la notevole assenza di incidenti della portata del furto Ronin, ha contribuito alla riduzione complessiva dei fondi rubati.

Tuttavia, l’uso persistente di tattiche di social engineering da parte degli hacker nordcoreani evidenzia la necessità di una vigilanza continua. 

Conclusioni

Con l’evolversi del panorama crittografico, devono evolversi anche le strategie impiegate per contrastare gli attori sofisticati delle minacce.

L’impatto della volatilità dei prezzi sulla riduzione dei fondi rubati non può essere trascurato. 

Con l’evoluzione dei quadri normativi e il continuo cambiamento delle dinamiche di mercato, il mantenimento di una solida postura di cybersecurity diventa imperativo per affrontare le minacce emergenti.

Il furto di criptovalute per 600 milioni di dollari attribuito alla Corea del Nord nel 2023 sottolinea la persistente minaccia rappresentata da attori sponsorizzati dallo Stato. Inoltre evidenzia anche l’intersezione tra sicurezza informatica e sicurezza globale.

La comunità internazionale deve adattare le proprie strategie per contrastare le minacce in evoluzione, enfatizzando la collaborazione, i progressi tecnologici e i quadri normativi che affrontano le sfide uniche poste dagli avversari degli Stati nazionali nel regno digitale.

Mentre la Corea del Nord continua a sfruttare le criptovalute per le sue ambizioni belliche, un fronte unito è essenziale per salvaguardare l’integrità del sistema finanziario globale.

Inoltre per prevenire l’ulteriore escalation dei rischi geopolitici associati alle attività illecite guidate dalle criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS