HomeSponsoredeTukTuk e veicoli elettrici – Come questi taxi a tre ruote trasformano...

eTukTuk e veicoli elettrici – Come questi taxi a tre ruote trasformano il settore dei trasporti pubblici

SPONSORED POST* 

Le vetture elettriche (EV) rappresentano una delle tecnologie più trasformative entrate sul mercato da un po’ di tempo. Il settore dei trasporti ha a lungo compromesso la qualità dell’aria e di vita, anche se rimane il fatto che non possiamo farne a meno.

Ciò che possiamo fare è passare a modalità di trasporto più sostenibile. Le vetture elettriche rendono possibile questa transizione: sono efficienti dal punto di vista energetico e rispettose dell’ambiente. eTukTuk è un nuovo progetto di veicoli elettrici che mette a disposizione mezzi di trasporto a prezzi accessibili nelle economie in via di sviluppo.

Pensare oltre le economie sviluppate 

Le scelte sostenibili sono incredibilmente costose. Non è che le persone vogliano continuare a danneggiare il pianeta: molte volte ci sono poche alternative. Specialmente quando si ha una limitata libertà finanziaria, è inevitabile optare per alternative più economiche e non necessariamente più sostenibili.

Questo è un fattore chiave che la maggior parte degli attivisti ambientali e dei governi trascura. Per rendere la sostenibilità popolare e salvare il pianeta dai rapidi cambiamenti climatici, dobbiamo rendere le scelte ecologiche convenienti e accessibili.

Questo spiega perché eTukTuk ha guadagnato la fiducia delle comunità sostenibili. Il progetto blockchain è progettato specificamente per le economie in via di sviluppo, poiché sono state a lungo escluse dall’ambito delle soluzioni EV. Come suggerisce il nome, il progetto si concentra sui tassisti elettrici a tre ruote.

I Tuk-Tuk, noti per la loro impronta al carbonio, continuano a rappresentare una sfida nelle economie urbane. Allo stesso tempo, sono essenziali per queste ultime grazie alla convenienza e all’efficienza economica senza pari che offrono.

Transitando il settore dei Tuk-Tuk verso un sistema verde basato su blockchain e intelligenza artificiale, eTukTuk fornisce una soluzione eccellente a questo grave problema.

Tassisti elettrici a tre ruote, stazioni di ricarica e un sistema di pagamento Peer-to-Peer

Nel cuore dell’ecosistema Web3 di eTukTuk c’è il tuk-tuk a tre ruote omonimo che affronta la sfida di una pubblica infrastruttura EV insufficiente nei paesi sottosviluppati.

Infatti nella maggior parte delle economie in via di sviluppo manca dell’infrastruttura pubblica per sostenere la crescente presenza di EV sulle strade.

Per colmare questa lacuna, eTukTuk ha istituito una rete di stazioni di ricarica e un sistema di pagamento peer-to-peer. Tutte le transazioni all’interno di questo ecosistema sono pagate con la criptovaluta chiamata token $TUK. Questi fungono da valuta principale per tutte le transazioni all’interno del sistema di pagamento peer-to-peer alimentato dalla blockchain.

Il sistema peer-to-peer consente a più partecipanti di interagire senza problemi tra loro e di gestire la rete senza intoppi.

Un elemento vitale dell’ecosistema sono i Territory Partners, che supervisionano la creazione e il funzionamento delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici (EV). Le stazioni di ricarica sono destinate non solo ai conducenti di eTukTuk, ma a tutti i conducenti di veicoli elettrici. I Territory Partners accettano i token $TUK come pagamento per i servizi di ricarica che forniscono, mettendo in funzione un ecosistema coeso.

Il successivo elemento integrante dell’ecosistema sono i Power Stakers, responsabili della sicurezza della rete di pagamento. In cambio delle loro contribuzioni, ricevono ricompense per mettere in staking in token $TUK.

È interessante notare che un gioco play-to-earn presto diventerà anch’esso parte dell’ecosistema. Con il gioco, il progetto mira a diversificare il suo pubblico e la sua base di utenti, generando così domanda per i token $TUK da parte di una fascia demografica online, oltre a quella degli investitori strategici.

Incentivi coinvolgenti per i conducenti di Tuk-Tuk 

L’accessibilità degli eTukTuk fornisce un incoraggiamento convincente per i conducenti di Tuk-Tuk. Con la produzione locale che coinvolge circa 200 componenti, il progetto riduce la barriera iniziale di investimenti per i conducenti.

Li motiva ad abbracciare le alternative ecologiche per molte ragioni. La prima di queste è il basso costo operativo e di manutenzione, che può aumentare il loro reddito fino al 400%. 

Realizzando che il mercato delle vetture elettriche ha un disperato bisogno di soluzioni inclusive che superino i confini geografici, eTukTuk mira a democratizzarne l’adozione.

Invece di ridurre il divario sulla proprietà privata di vetture elettriche, si concentra sul settore dei trasporti pubblici. Ciò consente a eTukTuk di creare un ecosistema di vetture elettriche su misura per i bilanci della maggioranza.

L’integrazione dell’intelligenza artificiale, d’altro canto, permette al progetto di far avanzare l’industria dei Tuk-Tuk, ottimizzando percorsi, mitigando la congestione del traffico e riducendo il consumo di carburante. La manutenzione predittiva basata su intelligenza artificiale, ad esempio, garantisce interventi tempestivi, aumenta la durata dei veicoli e riduce gli sprechi.

Inoltre, gli eTukTuk vantano robusti design di roll-cage, batterie LFP e un’infrastruttura di ricarica e pagamento intelligente.

Dopo cinque anni di sviluppo la prevendita è attiva

eTukTuk sta lanciando il proprio prodotto dopo un percorso quinquennale di rigorose ricerche e sviluppo. Il progetto ha attirato l’attenzione significativa da parte di investitori strategici in cerca di opportunità promettenti a bassa capitalizzazione.

Gli investitori precoci possono beneficiare di potenziali rendimenti che vanno da 10X a 20X in meno di un anno.

Con il rendimento annuo attuale (APY) che si attesta al 507%, le ricompense per lo staking che accompagnano gli acquisti sono altrettanto vantaggiose.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS