HomeSponsoredBitcoin: ecco per quali motivi c’è il dump dell’asset dopo l’approvazione degli...

Bitcoin: ecco per quali motivi c’è il dump dell’asset dopo l’approvazione degli ETF spot su BTC

SPONSORED POST*

Nonostante la storica approvazione degli ETF spot su BTC, il valore dell’asset è crollato del 2,85% negli ultimi 7 giorni (oggi è scambiato sopra $42.600). L’esperto Ash Crypto condivide il suo pensiero in merito, mentre le previsioni relative a Bitcoin restano positive per i prossimi anni.

Anche per questa ragione, non si fermano le prevendite collegate a Bitcoin, come quella di Bitcoin Minetrix, ora oltre $8,4 milioni, grazie al nuovo concetto di stake-to-mine che mette insieme due cardini del settore delle criptovalute, lo staking e il mining.

Ecco i motivi del crollo di BTC secondo Ash Crypto

Con un tweet su X, l’esperto Ash Crypto spiega quali siano le ragioni per le quali il valore di Bitcoin è crollato in seguito alla recente approvazione degli ETF spot su BTC. Secondo lui, in primo luogo, tutta la speculazione che ha circondato tale approvazione è terminata con il suo compimento, per cui ora gli utenti non hanno più nulla su cui parlare.

Di conseguenza, non c’è nulla che provochi un pump dell’asset e l’aspettativa che BTC toccasse i $55.000 è stata disattesa, per cui molti vendono i loro possedimenti in Bitcoin, delusi da questa previsione che non si è avverata.

In secondo luogo, secondo Ash Crypto il pump di BTC da $15.400 a $49.000, dovuto alla FOMO per gli ETF spot, ha poi portato a una naturale correzione del prezzo. Inoltre, il denaro sta passando da BTC a ETH, in quanto adesso ci si aspetta anche l’approvazione degli ETF spot su ETH.

Ash Crypto sottolinea inoltre gli aspetti positivi di ciò che sta accadendo e che non bisogna dimenticare: prima di tutto, il volume degli ETF spot su BTC ha raggiunto quota $4,3 miliardi, un risultato storico. Poi, Bitcoin ora è disponibile anche per Wall Street, per cui ci saranno trilioni di dollari a confluire nel mercato in quanto gli ETF portano fiducia alle criptovalute.

Ash Crypto conclude dicendo che, secondo la sua opinione, l’ETF spot porterà grande popolarità a BTC a Wall Street, cosa che quindi porterà il valore dell’asset a raggiungere, nel tempo, il range di $100.000/200.000, per cui vale la pena aspettare e avere fiducia. 

Questo ragionamento va di pari passo con quelli di altri esperti, che ritengono che la crescita di BTC sia solo questione di tempo: anche per questo la presale di Bitcoin Minetrix va velocemente verso il termine, dopo aver superato $8,4 milioni, grazie al nuovo concetto di stake-to-mine che estende a tutti la possibilità di fare mining di BTC.

Bitcoin Minetrix con lo stake-to-mine vola oltre $8,4 milioni in presale

Bitcoin Minetrix non ha perso il suo slancio in prevendita nonostante il recente crollo di BTC: l’opportunità offerta dal progetto di accedere al mining di BTC, infatti, lo rende molto appetibile agli investitori di ogni genere. 

Bitcoin Minetrix concentra infatti la sua attenzione su una pratica molto ambita da tutti: il progetto vuole permettere a tutti di accedere a questa attività, grazie all’introduzione del nuovo concetto di stake-to-mine, un metodo innovativo per fare mining di BTC che si serve di due elementi fondamentali per il settore, ovvero lo staking e il mining.

Tutti possono quindi fare mining di BTC accedendo alla prevendita di BTCMTX, oggi a $0,0128 l’uno, e acquistandone almeno $10. Sarà poi possibile mettere in stake i token comprati,  allo scopo di ottenere hashrate e potere di mining e, alla fine, ricompense in BTC.

Il cloud mining di Bitcoin Minetrix è differente dagli altri, che non solo sono spesso delle truffe, ma che obbligano gli utenti a depositare denaro; quello del progetto è verificato e certificato da Coinsult e permette di ottenere le ricompense senza depositi, ma solo facendo staking con BTCMTX.

Mettendo in staking i token, si otterranno crediti per il mining, ovvero token ERC-20 non negoziabili, che possono essere sottoposti a burning, in modo da ricavare l’hashrate necessario per il mining di Bitcoin. 

La dashboard semplice da usare permette anche agli investitori alle prime armi di accedere facilmente al mining di BTC. Chi lo vuole può fare solo staking di BTCMTX, o aggiungerlo allo stake-to-mine, senza dover inoltre aspettare il termine della prevendita, se si sceglie di comprare i token con ETH, pagando una fee di $0,015. 

L’APY previsto al momento è del 77%, un valore che tende a scendere ma che resta in ogni caso molto interessante per gli utenti del progetto. Inoltre è possibile acquistare BTCMTX anche con USDT, BNB, MATIC o utilizzare una carta di credito/debito bancaria

Secondo gli esperti del settore, BTCMTX potrebbe fare 50x con il listing, se le previsioni per Bitcoin si verificheranno, per cui vale la pena valutare l’investimento in questo progetto prima che la prevendita di BTCMTX giunga al termine.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS