HomeCriptovaluteL’ottimismo di Ripple: le previsioni in merito a ulteriori ETF sulle crypto

L’ottimismo di Ripple: le previsioni in merito a ulteriori ETF sulle crypto

Le previsioni del CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, sono speranzose in merito al fatto che la Securities and Exchange Commission (SEC) concederà ulteriori approvazioni per fondi negoziati in borsa (ETF) legati alle crypto. 

Ciò soprattutto considerando il successo già ottenuto con gli ETF su Bitcoin. Tale attesa è stata espressa durante il Forum Economico Mondiale di Davos nel 2024. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Le previsioni del CEO di Ripple per le crypto: la SEC approverà altri ETF

Come anticipato, il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, prevede che l’approvazione di diversi exchange-traded fund (ETF) di Bitcoin negli Stati Uniti aprirà la strada al lancio di prodotti di investimento simili nel settore delle crypto nel corso del 2024.

Durante un’intervista con Arjun Kharpal della CNBC a Davos il 16 gennaio, Garlinghouse si è astenuto dal fare una previsione esplicita sull’approvazione di un ETF XRP da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. 

Tuttavia, egli si aspetta che un ETF su Ethereum ottenga il via libera nel prossimo futuro. Non a caso, Garlinghouse durante l’intervista alla CNBC presso il Filecoin Sanctuary ha dichiarato quanto segue: 

“Penso che sia una certezza. Non voglio stabilire un orizzonte temporale, ma credo che ci saranno sicuramente altri ETF.” 

Le sue dichiarazioni sono state rese in risposta a domande incentrate sull’approvazione degli ETF su Bitcoin da parte della SEC, nonostante nessuna approvazione definitiva da parte del presidente dell’autorità di regolamentazione, Gary Gensler.

Alcune dichiarazioni del CEO di Ripple 

Garlinghouse ha criticato l’approccio normativo di Gensler, utilizzando un’espressione la quale suggerisce che “la definizione di follia è fare la stessa cosa più e più volte e aspettarsi un risultato diverso.” 

Ha inoltre sottolineato che Gensler potrebbe essere diventato una responsabilità politica negli Stati Uniti e non sta agendo nell’interesse della crescita a lungo termine dell’economia.

Il CEO di Ripple ha anche notato che la SEC è sotto pressione dal sistema giudiziario statunitense per il suo approccio normativo alle criptovalute e ha sottolineato la necessità di chiarezza normativa nel mercato delle stablecoin.

Garlinghouse ha concluso affermando che, sebbene l’approvazione degli ETF su Bitcoin abbia portato una significativa attività di trading, sarebbe triste se ogni ETF dovesse affrontare gli stessi ostacoli e Gensler venisse nuovamente criticato dal sistema giudiziario. 

Infine, ha evidenziato il notevole contrasto nel volume di scambi tra gli ETF di Bitcoin e gli altri 500 ETF lanciati negli Stati Uniti nel 2023.

Ripple risponde alle preoccupazioni sull’assenza del blocco Genesis su XRPL

David Schwartz, CTO di Ripple, ha recentemente affrontato le preoccupazioni relative alla mancanza del blocco Genesis sull’XRP Ledger (XRPL), citando un caso simile con Ethereum. 

Le sue dichiarazioni sono state una risposta alle domande sollevate dal membro della comunità MetaMan riguardo all’inizio apparentemente insolito al blocco 32,569 su XRP Ledger.

MetaMan ha espresso scetticismo e ha sottolineato l’importanza della trasparenza per i possessori di XRP, chiedendo se ci siano precedenti di blockchain che abbiano perso il loro blocco Genesis. 

In risposta, Schwartz ha fatto un parallelismo con l’ambiguità del blocco Genesis di Ethereum, evidenziando che, nonostante transazioni antecedenti al suo inizio ufficiale, Ethereum non le documenta pubblicamente.

Questa non è la prima volta che la peculiarità del blocco Genesis viene messa in discussione, con critiche passate sullo schema di distribuzione di XRP. 

Schwartz ha costantemente respinto tali nozioni. Nel 2013, ad esempio, un possessore di XRP aveva già sollevato una domanda simile su Bitcoin Stack Exchange, chiedendo il motivo dell’avvio della rete al blocco 32,570. 

Schwartz aveva allora risposto spiegando un bug che aveva colpito i server Ripple, causando la perdita delle intestazioni del registro.

Nonostante sforzi per raccogliere dati, informazioni insufficienti hanno ostacolato la ricostruzione del registro. Schwartz ha rassicurato gli utenti affermando che i registri mancanti non avevano alcun significato per gli utenti medi di XRPL. 

Inoltre, in un post di dicembre 2019, Schwartz ha fornito una prospettiva storica più ampia, sottolineando l’evoluzione dell’XRP Ledger dal suo debutto live nel giugno 2012. 

Ha confermato che, a causa di bug e esercizi di ripristino, i dati della prima settimana di XRP Ledger sono andati persi, ma ha assicurato che non è stata ricreata la fornitura iniziale di 100 miliardi di XRP al momento del ripristino.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS