HomeAIIl gioco della liquidità

Il gioco della liquidità

In tecnologia confidiamo

Questo non è un altro pezzo agiografico sull’intelligenza artificiale (AI) e le famigerate blockchain. Tuttavia, queste tecnologie esponenziali cambieranno il modo in cui commerciamo, interagiamo, amiamo e viviamo la nostra vita, più di quanto osiamo immaginare. Cambieranno soprattutto tre pilastri del nostro essere insieme come cittadini nazionali e globali, rendendoli più ‘liquidi’, ovvero più ampi nella loro portata, più veloci nella loro esecuzione e capaci di esplodere, per il meglio o per il peggio, i nostri diritti e responsabilità. Questi sono identità, proprietà e lavoro. Tutti loro sono diritti fondamentali nostri, almeno nel mondo occidentale. 

Facciamo un passo indietro per un attimo. Chi siamo, cosa possediamo e cosa facciamo per vivere sono tutti definiti da un’infrastruttura giuridica che è stata pesantemente perfezionata durante l’era del dopoguerra. Da allora abbiamo continuamente aggiornato i diritti pubblici e privati. Votiamo per i nostri rappresentanti, in nome del popolo e non di Dio, e ci aspettiamo sempre giustizia e applicazione della legge da parte dello Stato, mentre utilizziamo quadri legali condivisi per diventare dipendenti pubblici, manager o imprenditori, per cogliere ogni opportunità là fuori per trasformare il lavoro in profitto. Finora tutto bene. 

Come cambierebbe così tanto il nostro mondo con l’adozione, nelle arene pubbliche e private, di registri decentralizzati e di calcolo intelligente, in grado di tracciare, apprendere, riprodurre e fornire una raccomandazione, se non un’azione, da una quantità di dati, il tutto in una frazione di secondo?

La tecnologia ha sempre ridefinito noi stessi, ampliando i nostri poteri. I notevoli guadagni di produttività realizzati con l’industrializzazione e poi con l’informatica sono stati il principale motore di crescita, aumento della natalità, alfabetizzazione e ricchezza. Ci fidiamo e amiamo il nostro essere tech sapiens.  

Chi sei tu?

Quando sono nato, qualcuno, armato del proprio documento di identità e di una serie di documenti ospedalieri, si è recato all’ufficio comunale locale per annunciare che un nuovo ‘corpo’ era spuntato nel mondo. Mi è stata data un’identità, o – se preferite – l’approvazione formale del fatto che faccio parte di una comunità. Non molto è cambiato da allora. Qualcuno deve sempre verificare chi sono, affinché io possa ottenere il mio documento di identità o il passaporto, e poi, ad esempio, frequentare l’università, essere assunto e beneficiare di una pensione quando andrò in pensione. Lo Stato nazionale è l’arbitro nel caso in cui sorga una controversia. Giustamente, poiché le istituzioni internazionali non sono sviluppate come le immaginavamo negli anni ’50. Abbiamo perso l’opportunità di concordare, come comunità globale, un nucleo duro di diritti inalienabili per ognuno di noi, con pochissime eccezioni (una di queste è l’Unione europea, con la Corte europea dei diritti dell’uomo e la Carta dei diritti fondamentali). L’autrice Hannah Arendt sottolinea questa opportunità mancata nel suo libro ‘Eichmann a Gerusalemme: rapporto sulla banalità del male’ (1963). L’identità futura è come una pièce teatrale, che si sviluppa in due atti.

  • Atto I: una chiave per tutti

I controlli di identità sono finalizzati a verificare l’identità fisica, ovvero che il corpo di fronte a qualcuno sia effettivamente chi afferma di essere. Grazie alle tecnologie esponenziali, la mia identità fisica può o sarà verificata facilmente e rapidamente, grazie a una chiave unica (un portafoglio), protetta sulla catena. È come avere un “accesso” per tutti i prodotti e servizi pubblici e privati disponibili. L’intelligenza artificiale analizzerà i miei dati e le app a cui ho dato il permesso di utilizzare per mio conto, e certificherà che sono chi dico di essere, più velocemente di qualsiasi autorità, le cui molteplici banche dati sono isolate e richiedono molto lavoro per essere utilizzate. Lo stesso si applicherà a tutte le attività private (o interfacce, nel mondo digitale), in cui devo effettuare l’accesso ripetutamente, poiché non comunicano tra loro, essendo, appunto, territori privati.

Quindi, cosa diresti? Prima di tutto, saremo in grado di accelerare in modo sproporzionato la procedura tradizionale per identificare una persona (in carne e ossa). Senza prendere in considerazione casi d’uso complessi, pensiamo al rinnovo del passaporto. In Occidente, ci vogliono settimane per ottenerne uno nuovo e poche decine di dollari di spese amministrative. Cosa sta rallentando il processo? Il lavoro umano e i controlli su più database, soprattutto per consultare i dati del richiedente. La tecnologia può ridurre l’attesa e il costo di questo processo a zero. Potremmo finalmente dare un’identità, grazie all’eliminazione di barriere di tempo e costo, alle circa un miliardo di persone che oggi non hanno alcuna identità, secondo il World Economic Forum (WEF). In secondo luogo, le identità digitali delle persone saranno create tramite un protocollo KYC (Know Your Customer) e di anti-riciclaggio (AML), come già avviene per alcuni scambi di criptovalute o applicazioni basate su blockchain. Un’unica “accesso” o chiave per tutto apre nuove possibilità per la nostra agenzia digitale, ampliando la velocità e la liquidità delle nostre attività commerciali insieme e contribuendo alle nostre comunità. Domanda: chi possiede quella chiave?

  • Atto II: un ID digitale per agenti digitali 

Ora, facciamo doppio clic sul concetto di agenzia digitale. Se un compagno indipendente, copilota o avatar – qualunque nome gli daremo in futuro, ovviamente alimentato da AI, agisce online, avrà bisogno di essere identificato e le sue azioni tracciate e disciplinate. Ora abbiamo la potenza di calcolo per farlo. Per essere chiari, se sto parlando con una macchina, voglio saperlo.  

Abbiamo già attori nelle nostre vite, che non esistono fisicamente. Pensate allo Stato, che è completamente intangibile. Le società sono anche un’invenzione umana. Non esistono, eppure hanno responsabilità e valore, catturati nel loro statuto e nei rapporti finanziari. La tecnologia libererà nuovi esseri digitali – totalmente indipendenti dal mondo fisico – che possono aiutarci e sostenerci. Cosa succede se mi dicono ‘no’, dall’approvazione del mio passaporto a un colloquio di lavoro, dal superare i confini nazionali all’allocazione di risorse scarse? Chi stabilisce i criteri e le liste di priorità per l’assegnazione di un rene o l’accesso alle cure intensive durante la prossima era del Covid? Le regole devono essere lì per definire cosa la macchina dovrebbe fare e chi sono in primo luogo. Dove sono basate? Quali principi e leggi saranno giudicati?

Dobbiamo concordare nuove identità, con diritti e obblighi, degli agenti digitali, a livello nazionale, regionale e internazionale. Abbiamo bisogno di trasparenza su tutto ciò che fanno. La decentralizzazione dei registri e l’etica nello sviluppo dell’IA sono caratteristiche essenziali di qualsiasi prototipo di una nuova identità digitale. Stessa domanda per quella identità digitale: chi ne è il proprietario?

Res digital

Nel mondo di oggi è essenziale tenere traccia di ciò che possediamo, perché le nostre proprietà devono essere protette e, allo stesso tempo, tassate in modo proporzionale, in linea con la legge. Questo non cambierà in futuro. Quello che cambia è la portata e la velocità, o liquidità, di questo sistema urgente di mappatura. Secondo il WEF, circa due miliardi di persone sono completamente distaccate da qualsiasi rete finanziaria (ad esempio, conti bancari): non possiedono nulla, dal punto di vista ufficiale. Inoltre, la registrazione delle terre non è la norma per una grande parte del globo (la stima della Banca Mondiale è che due terzi della superficie del pianeta non siano registrati). La tecnologia può risolvere il problema del tempo e dei costi per la creazione di una mappa digitale dei diritti di proprietà, che può rappresentare una delle rivoluzioni più importanti della nostra storia. Nell’ecosistema della proprietà intellettuale (IP), ad esempio, la blockchain può creare e mantenere in modo sicuro database interconnessi e distribuiti, sia per i diritti registrati, come brevetti, marchi e disegni industriali, sia per i diritti IP non registrati, come il copyright, i diritti di design non registrati o i segreti commerciali. Ciò comporterebbe una riduzione della complessità e dei costi associati al processo di registrazione e consentirebbe ai titolari dei diritti di avere un migliore controllo sul loro IP e persino di produrre smart contract per future transazioni potenziali riguardanti ciò che possiedono. Diversi uffici per la proprietà intellettuale, tra cui l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), hanno già implementato determinati tipi di registri IP basati su blockchain. La rivoluzione è già iniziata, portando con sé la necessità di assicurarsi che i dati siano corretti e accurati quando vengono registrati sulla catena.

Avremo trasparenza sull’identità e la proprietà, grazie alla tecnologia. Sapremo chi è chi e cosa possiedono. Questo non è sufficiente. Dobbiamo essere pagati per i dati che possediamo.  

Pagamento a visualizzazione

Quindi, c’è di più. Vivremo in un mondo di agenzia digitale e proprietà prima di tutto. Ad esempio, il costo di acquisizione di un nuovo ventilatore di lusso, digitalmente, si aggira sopra i $100 per persona, con il conto pagato da qualsiasi marchio alla ricerca di nuovi utenti, e la maggior parte dei benefici inghiottiti dalle piattaforme dominanti che gestiscono miliardi di occhi, ovvero Meta, Google o Tik-Tok. Un altro esempio sono tutti i grandi modelli di linguaggio AI, che vengono addestrati su enormi insiemi di punti dati, che oggi vengono raccolti gratuitamente.

In futuro, avremo bisogno di avere un maggiore controllo sulla nostra vita online. È un nostro diritto fondamentale. Abbiamo persino gli strumenti per tracciare ogni “mi piace” che lasciamo su Facebook? Sì, o meglio, Facebook li ha. Noi non abbiamo accesso a quelle informazioni e non sappiamo soprattutto come la nostra agenzia venga valutata e venduta ai brand che cercano la nostra attenzione. Una nuova carta dei diritti dovrebbe ridefinire chi possiede i record digitali e il mercato dovrebbe essere lasciato libero di pagare in modo equo i proprietari e i creatori del mondo. La blockchain ha la caratteristica fondamentale di tracciare ogni interazione tra portafogli su un registro pubblico. L’intelligenza artificiale può essere interrogata su ciò che è stato utilizzato e quando, per tutte le mie proprietà digitali, con zero margine di errore, data la sua capacità di elaborare grandi quantità di dati in frazioni di secondo. Le società private non hanno incentivi per modificare la composizione della suite dei proprietari. Abbiamo bisogno di concordare nuovi standard e protocolli internazionali, per consentire ai diritti di proprietà digitale di circolare in modo sicuro, tutto disintermediato ma, allo stesso tempo, legalmente esecutivo in qualsiasi giurisdizione. Res digital è importante quanto qualsiasi altra “res” privata e pubblica. È il giorno del pagamento.        

Come lavoriamo

Non lavoriamo perché abbiamo una passione o un talento naturale per qualcosa. Questo è il privilegio di una nicchia. L’intenzione della prossima breve dichiarazione non è essere scortese: è probabile che tu non sia Elon Musk. Io non lo sono, posso confessarlo.

Lavoriamo perché invecchiamo. Scambiamo il lavoro per denaro con il nostro datore di lavoro. Scambiamo la giovinezza per la sicurezza futura con la nostra coscienza. Scambiamo le tasse pagate oggi per i futuri assegni di pensione con governi e fondi pensione. Scambiamo tra generazioni, in modo che le tasse della generazione attuale possano sostenere gli anziani, fino a quando una nuova generazione subentra e scambiamo i ruoli. Questo è il menu più comune di compromessi sociali all’interno delle economie occidentali. 

Il lavoro è radicato anche nel nostro DNA biologico, almeno dal momento in cui l’homo sapiens è diventato sedentario, come spiegato così bene dal Professor Yuval Noah Harari, autore di ‘Sapiens: Breve storia dell’umanità’ (2011). Il lavoro non è nient’altro che un sinonimo di decenza umana. Il lavoro organizzato è uno dei pilastri della nostra società e il principale motore del valore economico e della condivisione delle conoscenze tecniche. Con il mondo che si sta sempre più orientando verso lavori digitali, non solo dobbiamo aggiornare la nostra carta dei diritti legati al lavoro, ma anche il nostro intero modello di come gli individui e le identità digitali partecipano alla società e ampliano il PIL e le competenze della nostra comunità. È sempre difficile prevedere il futuro, ma il nostro modo di lavorare diventerà molto probabilmente come una perpetuità. Le mie creazioni nel mondo digitale non periranno e potranno essere tracciate per sempre, generando così diritti, benefici e pagamenti a vantaggio del login digitale che le possedeva inizialmente. La nostra affermazione qui non è quella di distruggere il sistema attuale di sicurezza sociale, perché non funziona. Funziona, se continuiamo ad avere onesti contribuenti e un sano ricambio generazionale. La nostra affermazione è che il sistema attuale potrebbe non sopravvivere ai cambiamenti demografici e alla natura deperibile del nostro essere fisico. 

ID, IP & $

Come logico seguito delle sezioni precedenti, se riusciamo a identificare ‘chi è chi’ e dare pieno accesso alle loro proprietà a tutti i sé digitali là fuori, sbloccheremo un enorme valore per la popolazione globale. Vivremo in un’economia liquida, più veloce, più economica e più efficiente. Ma il futuro – il capitalismo digitale in primo luogo – dovrà essere completamente decentralizzato, con tutte le transazioni compensate equamente, tra tutti i giocatori. Abbiamo i soldi per farlo? Ci saranno abbastanza risorse e abbiamo la tecnologia per tracciare e agire anche sulle transazioni più piccole. Il margine operativo di Meta su ogni clic è approssimativamente del 100%, secondo il fondo di venture capital a16z. Dovremmo ottenere la nostra giusta parte di quella torta? 

Il denaro deve seguire il lavoro e andare al lavoratore o al proprietario giusto. Non abbiamo bisogno di un nuovo patto generazionale per proteggere i nostri anziani, ma dovremmo piuttosto rafforzare i principi stabiliti nell’ultima serie di riforme sul diritto d’autore, che ora consentono ai creatori di seguire il denaro generato dalle vendite successive e dall’uso del loro lavoro digitale oltre il loro primo assegnatario. Ancora una volta, la tokenizzazione può essere lo strumento appropriato per implementare questa ricompensa fondamentale per il lavoro digitale e renderla un vero diritto di proprietà universale, che si estende al di sopra dei quattro o cinque grandi guardiani che dominano il mercato digitale dei dati digitali (Alphabet, Meta, ByteDance, amazon, apple).   

I lavoratori digitali hanno ora la possibilità di scambiare le loro creazioni su registri distribuiti, tracciarle, seguire la loro circolazione e riscuotere pagamenti per ogni successiva cessione di proprietà, istantaneamente (grazie ai contratti intelligenti). Questo universale “droit de suite” può essere realizzato solo tramite blockchain, poiché ogni precedente sistema di raccolta tradizionale non è riuscito a raggiungere una portata globale.

Tech non ha senso

Qual è lo scopo della tecnologia? Principalmente generare efficienze e una produttività sufficiente per stimolare la crescita. Secondo Gartner, una società di consulenza, un terzo del PIL degli Stati Uniti è bloccato in controlli e bilanci, che sono ridondanti in un mondo gestito dalla tecnologia. Saremo in grado di gestire il mondo, consumandone meno, che è la nostra priorità numero uno per i prossimi dieci anni, secondo il Rapporto Globale sui Rischi del WEF 2024. 

Tech è noioso come le sue mani di programmazione. Abbiamo bisogno di una nuova carta dei diritti su chi siamo, cosa possediamo e come il nostro lavoro viene riconosciuto digitalmente, se vogliamo creare un mondo equo. La tecnologia renderà il mondo più veloce, più facile da navigare, con il nostro capitale personale e sociale che diventa più liquido. La liquidità, senza una solida carta dei diritti, sarà un’arma nelle mani di coloro che controllano questo nuovo oceano di valore. Le sfide tecnologiche sono facili da risolvere. Le blockchain diventeranno presto l’infrastruttura tecnologica preferita per tutte le imprese, senza la necessità di utilizzare criptovalute e una password di quattordici parole per un account (il portafoglio di oggi). L’intelligenza artificiale penetrerà progressivamente nelle nostre imprese, rendendole efficienti e incisive. E poi, cosa succede? La tecnologia non ha senso di ciò che fa. La tecnologia non ha una logica intrinseca a cui la società deve conformarsi. Dovremmo progettare la tecnologia secondo i nostri obiettivi. L’UE sta (sovra)regolamentando il mondo digitale ed è all’avanguardia delle leggi sull’intelligenza artificiale. Piuttosto che accumulare tonnellate di nuove regole, potremmo scegliere di fare affidamento su pochi principi semplici, raccolti in una nuova carta dei diritti digitali fondamentali (con corrispondenti doveri e responsabilità). Con una nuova Magna Charta dell’identità, della proprietà e del lavoro, che include e compensa equamente tutti coloro che giocano nell’arena digitale, godremo pienamente della liquidità, senza il retrogusto del sistema digitale oligopolistico attuale. La liquidità significa che sarà facile capire chi siamo, con chi parliamo, cosa possediamo e cosa otteniamo. La buona notizia è che abbiamo una scelta. Il gioco liquido è in corso.                

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS