HomeSponsoredBitcoin: i miner di BTC danno il via alla più grande ondata...

Bitcoin: i miner di BTC danno il via alla più grande ondata di vendite da maggio 2023

SPONSORED POST*

Secondo quanto riportato da CryptoQuant, lo scorso 29 gennaio è stato segnalato un aumento significativo del flusso di BTC dai wallet dei miner agli exchange spot, segnando così il volume più alto dal 16 maggio 2023.

Se le previsioni per BTC sono positive in vista dell’halving e, dopo l’approvazione degli ETF spot negli Stati Uniti, arrivano anche le prime richieste in Cina, c’è una prevendita che fa parlare di sé su tutte, ovvero quella di Bitcoin Minetrix, che ha superato il traguardo di $10 milioni.

Il volume di vendite di BTC supera ogni record da maggio 2023

Secondo l’analisi effettuata da CryptoQuant, oltre 4.000 BTC, equivalenti a circa 173 milioni di dollari, sono entrati negli exchange spot, segnalando una notevole pressione di vendita. È interessante notare che, nonostante questo afflusso, il mercato sembra aver assorbito la pressione con calma. 

Infatti Bitcoin è stato scambiato sopra i 42.800 dollari con un costante aumento settimanale del 7% (oggi è poco sopra i $42.000) e inoltre le riserve del portafoglio di mining hanno mantenuto stabilità dall’inizio di gennaio.

La piattaforma di intelligence on-chain ha anche sottolineato l’importanza di prestare attenzione nell’interpretare narrazioni come “i miner stanno scaricando le coin”, suggerendo che tali analisi potrebbero trascurare la possibilità che questi BTC ritornino a circolare nei wallet dei miner.

Il passaggio dagli exchange centralizzati ai metodi di auto-custodia è visto come un segnale positivo, poiché diminuisce la pressione di vendita immediata, in quanto percepito come rialzista.

L’analisi di QCP Capital presenta anche una prospettiva rialzista per Bitcoin nel lungo termine, citando l’imminente halving quadriennale previsto per aprile o maggio. I dati storici dimostrano infatti che questi eventi hanno generalmente provocato un sentiment rialzista del mercato, che quindi ora sembra essere in modalità di accumulo prima dell’halving.

Mentre i detentori di Bitcoin a breve termine hanno capitalizzato i guadagni durante la lieve impennata dell’asset, ciò potrebbe anche aver offerto un’opportunità di acquisto per le balene crypto di BTC, che si prevede ne spingeranno il prezzo più in alto nel prossimo futuro.

In vista di tutti questi avvenimenti, la prevendita di Bitcoin Minetrix vola oltre $10 milioni, conquistando gli investitori grazie allo stake-to-mine.

Bitcoin Minetrix vola oltre $10 milioni e si avvicina al termine della presale

La prevendita di Bitcoin Minetrix ha superato quota $10 milioni e si avvicina quindi sempre di più al termine, grazie all’introduzione di un modo sicuro e poco dispendioso per fare mining di BTC, lo stake-to-mine.

Per accedere al progetto, basta infatti acquistare un minimo di $10 di token BTCMTX, nativi del progetto, da mettere in stake per ottenere token ERC-20 non negoziabili, da sottoporre a burning e ricavare così hashrate, potere di mining e, infine, i premi in BTC. 

Il settore di cui si occupa Bitcoin Minetrix è il cloud mining, spesso ricco di truffatori ma qui certificato da Coinsult, e che non costringe a emettere depositi in denaro, ad acquistare attrezzature apposite o ad avere le competenze per fare mining di BTC.

Gli utenti possono anche sfruttare la dashboard facile da usare, quindi dedicata anche a chi è alle prime armi, per fare stake-to-mine. Un’altra opportunità di guadagno è data anche dallo staking, che può essere attivato prima del termine della presale, se si usa ETH per acquistare BTCMTX e si paga una minima tassa di $0,015. 

In questo momento l’APY è del 66%, un valore che tende a scendere man mano che il pool di mining cresce ma che resta sempre molto interessante. Chi preferisce acquistare in presale usando altri metodi, può optare per USDT, MATIC, la BNB chain o una carta bancaria.

Le prospettive future per il token, a detta degli esperti, sono di un minimo di 10x a un sostanzioso 50x, anche se è bene considerare sempre la volatilità del mercato delle criptovalute. Chi è interessato può valutare se investire in questo progetto, soprattutto in vista dell’halving di BTC.  

                      

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS