BTSE, exchange per asset digitali, ha annunciato il lancio di nuovi futures su bitcoin (BTC). La funzione è già disponibile per essere testata ma andrà online a giugno.

Read this article in the English version here.

Su questa piattaforma si potranno utilizzare sia fiat (USD, EUR, JPY, GBP) che crypto, tra cui bitcoin (BTC), ethereum (ETH), litecoin (LTC) e Tether (USDT).

La piattaforma vuole diventare così un punto di riferimento per i futuri trader sia sotto l’aspetto delle fiat che quello delle crypto, come afferma il CEO di BTSE, Jonathan Leong:

“BTSE Exchange mira a diventare leader nella fornitura di una suite di prodotti di liquidità ai trader e agli investitori. La nostra piattaforma multi-collaterale di futures colma il divario tra i tradizionali trader di fiat e i possessori di crypto. Inoltre, il nostro order book multi-valuta consente agli utenti globali di fare trading in un order book aggregato dotato di una liquidità elevata”.

BTSE non è certo l’unico exchange ad introdurre questa funzione: qualche mese fa, infatti, si era già parlato di Huobi, Bithumb e Coinfloor.

Cosa sono i futures bitcoin?

I futures sono dei contratti derivati negoziati su dei mercati più o meno regolamentati. Comprando questo prodotto, il cliente e il venditore si impegnano di fatto a scambiarsi una determinata quantità di bitcoin (anche detti attività sottostante) a un prezzo prefissato e con una liquidazione che avverrà in una futura data prestabilita.

In generale, i futures – non solo quelli basati su bitcoin – sono utilizzati anche per speculazione, in quanto permettono di fare trading con la cosiddetta leva finanziaria su un mercato altamente liquido.