banner
Santander sposa la blockchain di Ripple
Santander sposa la blockchain di Ripple
Blockchain

Santander sposa la blockchain di Ripple

By Marco Cavicchioli - 13 Apr 2018

Chevron down

Uno dei più grandi gruppi bancari europei, lo spagnolo Santander, ha lanciato nelle scorse ore un nuovo servizio che consente ai propri clienti di effettuare trasferimenti di denaro internazionali e multivaluta in modo veloce ed economico.

Il nuovo servizio utilizza la tecnologia xCurrent di Ripple basata su blockchain.

Ripple non è solo la criptovaluta XRP, ma è anche un’azienda che offre servizi ad altre aziende.

In particolare, offre servizi alle banche e agli istituti finanziari che hanno bisogno di spostare velocemente grandi cifre in giro per il mondo a basso costo. Soprattutto se queste cifre devono essere cambiate da una valuta all’altra.

È per questo motivo che Santander, uno dei maggiori gruppi bancari europei, ha deciso di affidarsi a Ripple.

Infatti, sta per lanciare One Pay FX, un nuovo servizio di pagamenti internazionali basato su blockchain. Il servizio è già disponibile ai clienti in Spagna, Regno Unito, Brasile e Polonia e sarà implementato in altri Paesi nei prossimi mesi.

Il servizio consente ai clienti di trasferire denaro nei paesi coinvolti in 24 o al massimo 48 ore, al posto dei soliti 2 o 3 giorni.

A breve verrà addirittura rilasciata un’app che potrebbe funzionare anche collegandosi a conti correnti di altre banche.

Con questo servizio, Santander è diventata la prima banca a lanciare in più Paesi contemporaneamente un servizio basato su blockchain per clienti al dettaglio che consente pagamenti internazionali.

Tale tecnologia è integrata all’interno del servizio, e viene utilizzata per gestire internamente le transazioni multivaluta da un utente all’altro.

L’utente insomma non si accorgerà nemmeno di utilizzare xCurrent: vedrà solo l’invio e la ricezione di denaro nelle due valute (quella di invio, e quella di ricezione).

Non vi è pertanto alcun utilizzo della criptovaluta XRP.

L’obiettivo di Ripple è quello di offrire uno strumento alternativo al vecchio Swift per la gestione dei trasferimenti di denaro internazionali, in particolare quelli multivaluta.

Per questo offre i suoi servizi soprattutto a banche ed istituti finanziari, ovvero a quei soggetti che ad oggi per questo tipo di trasferimenti utilizzano il circuito Swift, lento e costoso.

L’alternativa proposta da Ripple infatti è veloce ed economica, e la sua applicazione all’interno di One Pay FX di Santander sembrerebbe dimostrare che è pronta per il mercato mainstream.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.