Ex-trader di Barclays: “Non vedo futuro nella finanza tradizionale”
Ex-trader di Barclays: “Non vedo futuro nella finanza tradizionale”
Blockchain

Ex-trader di Barclays: “Non vedo futuro nella finanza tradizionale”

By Marco Cavicchioli - 14 Mag 2018

Chevron down

Ultimamente si sono registrati molti casi simili che vedono professionisti della finanza tradizionale spostarsi a lavorare in aziende legate al mondo crypto.

Per esempio è successo in Goldman Sachs, ma persino nella Banca del Commonwealth.

Il più eclatante sembra essere quello di Daisuke Murayama, perché è corredato da una dichiarazione esplicita che sembra suonare come una campana di morte per la finanza tradizionale.

Il trader, infatti, si è licenziato da Barclays, accettando addirittura una riduzione di stipendio, per andare a lavorare per l’exchange giapponese BitFlyer.

Interpellato da Bloomberg a riguardo, ha dichiarato: “Semplicemente non vedevo un futuro nella finanza tradizionale“, sottolineando inoltre che la maggior parte dei servizi e dei prodotti forniti dalle istituzioni finanziarie tradizionali sono secondo lui obsoleti e che probabilmente non saranno più necessari, già anche sul breve termine.

Questa vera e propria fuga di cervelli dalla finanza tradizionale si deve agli operatori della nuova finanza legata alle criptovalute che stanno facendo a gara per assumere le menti migliori offrendo probabilmente maggiori prospettive di sviluppo.

Ad esempio, il Chief Financial Officer della Commonwealth Bank of Australia, Rob Jesudason, ha dato le dimissioni per andare a lavorare per Block.one, ovvero la società privata che ha sviluppato EOS, quinta criptovalute per capitalizzazione di mercato.

Ma è da Goldman Sachs che stanno scappando la maggior parte dei professionisti del settore per andare a lavorare in società che si occupano di criptovalute.

Un esempio è Chris Matta che due giorni dopo essere stato promosso Vice Presidente, a dicembre dell’anno scorso ha deciso di lasciare l’azienda in cui non si sentiva soddisfatto, nonostante un eccellente stipendio.

E così ha preferito creare Crescent Crypto, un hedge fund gestito da lui stesso e dai due ex-colleghi e concentrato esclusivamente sulle criptovalute.

Molto probabilmente anche Jesudason e Matta, come Murayama, hanno immaginato un futuro più splendente per la nuova finanza, rispetto a quella tradizionale.

Anche perché oramai probabilmente la finanza tradizionale ha esaurito la sua spinta innovativa, mentre il settore delle criptovalute ha invece appena iniziato a percorrere una strada completamente nuova, difficile, rischiosa, ma anche tremendamente affascinante.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.