banner
Ethereum Classic Hard Fork ‘Difficulty Bomb’
Ethereum Classic Hard Fork ‘Difficulty Bomb’
Ethereum

Ethereum Classic Hard Fork ‘Difficulty Bomb’

By Fabio Carbone - 29 Mag 2018

Chevron down

Read the article in English language here.

Secondo i calcoli dell’ETC Dev, la data attesa del ‘Bomb Removal’ (ECIP 1041) è il 29 maggio 2018.

Il dibattito PoW o PoS è andato avanti per lungo tempo nella community di ETC e il 14 marzo 2018 la ETC Cooperative ha annunciato il fork con un tweet che ha chiuso la discussione.

Per stessa ammissione della ETC Cooperative, la community di Ethereum Classic non è convinta che le varie proposte di nuovi algoritmi basati su PoS siano capaci di produrre maggiori effetti di decentralizzazione rispetto al metodo PoW.

All’opposto sono convinti che il proof-of-work sia capace di resistere alla centralizzazione grazie al fatto che i miner devono continuamente investire in nuovi hardware.

Essi ritengono, invece, che nulla possa impedire uno stakeholder dal raggiungere la maggioranza economica nel sistema PoS.

Se Ethereum implementerà Casper, Ethereum Classic non lo farà.

Implementando la proposta ECIP 1041, la scelta è chiara.

Se Ethereum Network adotterà il consenso proof-of-stake, Ethereum Classic resterà con l’attuale sistema.

Una scelta che segna ancora di più la distanza tra i due team di sviluppo dopo il divorzio avvenuto il 20 luglio 2016 che diede vita a ETC con un hard fork dalla blockchain di Ethereum.

Cosa comporterà l’hard fork di Ethereum Classic?

I possessori di ETC possono stare tranquilli.

L’hard fork non darà vita a una nuova altcoin.

I maggiori attori della rete interessati a fare l’aggiornamento hanno già provveduto per tempo.

Non devono fare nulla quanti conservano la criptovaluta su un app wallet di terze parti o presso un exchange di criptovalute, saranno tali servizi a farsi carico dell’aggiornamento garantendo continuità.

Semplicemente è consigliabile non fare transazioni nelle ore che seguono l’hard fork di Ethereum Classic, per evitare di incappare nel bel mezzo di eventuali inconvenienti non calcolati.

Identico discorso per i miner.

Chi contribuisce al mining di Ethereum Classic con dispositivi hardware propri, non dovrà aggiornare alcun software.

Saranno le mining pool a dover aggiornare il client.

Al momento della pubblicazione siamo al blocco 5.895.975.

Ethereum classic vale 12,66 euro, in calo del 3% su base giornaliera ma in linea con i cali generalizzati sull’intero comparto criptovalute.

Fabio Carbone
Fabio Carbone

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.