banner
Dan Larimer risponde alle accuse sui prezzi del gas di ETH
Dan Larimer risponde alle accuse sui prezzi del gas di ETH
Ethereum

Dan Larimer risponde alle accuse sui prezzi del gas di ETH

By Adrian Zmudzinski - 16 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La rete Ethereum sta attualmente elaborando quante più transazioni possibile e ha 18.645 transazioni non confermate secondo blocktivity. I prezzi del gas Ethereum (transazione) sono aumentati e la comunità sta puntando il dito contro EOS – in particolare Block One – come responsabile.

La scorsa settimana i prezzi del gas ETH sono saliti oltre gli 80 Gwei. Gran parte della responsabilità di questa congestione della rete è da attribuire a FCoin – una cripto exchange cinese – che ha ricevuto critiche dalla cripto community per aver inondato la rete Ethereum di transazioni insignificanti.

Le transazioni generate dal exchange FCoin sono causate dal modo in cui permette alla comunità di decidere quali token aggiungere. Per poter inserire un token su FCoin, gli sviluppatori di progetti blockchain devono rilasciare i token del progetto a ciascun utente di FCoin.

Ne risulta una distribuzione di massa delle transazioni in catena a centinaia di migliaia di utenti. Ma FCoin da sola non spiega la congestione della rete.

Sospetta attività di rete

Le accuse che sono state espresse da molti membri della cripto community (anche dagli sviluppatori ETH) sorprendentemente sembrano avere una base reale. Sembra che ieri il 40 per cento della capacità della rete di ETH sia stata utilizzata da un smart contract. Ciò che è ancora più strano è che questo particolare smart contract è un contratto ERC20 predefinito, che apparentemente è inutile.

Tutto questo è davvero sospettoso.

Una descrizione dettagliata dell’attività del token iFish sarebbe inutilmente complicata e noiosa per i più ed esulerebbe dall’ambito di applicazione di questo articolo.

Una relazione dettagliata sull’argomento è disponibile qui.

Detto questo, mentre sulla rete si sta svolgendo un’attività piuttosto strana, non sembra esserci motivo di pensare – o almeno di essere certi – che il Block One sia coinvolto.

L’unico motivo per cui EOS viene accusato è che l’attività dei contratti – che è piuttosto costosa – sembra essere finanziata dalla vendita di EOS per ETH. Ciò significa che qualsiasi grande titolare di EOS potrebbe essere responsabile.

CTO di Block One risponde alle accuse

Dan Larimer – Chief Technical Officer di Block One – ha recentemente risposto alle accuse nella chat ufficiale di Telegram.

Mentre la risposta sembra essere sicuramente provocatoria (soprattutto nella parte in cui si suggerisce che ci siano modi più intelligenti ed economici per “buttare giù ETH”), sembra che Dan abbia ragione.

Se una rete può essere congestionata da un semplice gioco di carte da collezione, la rete semplicemente non è funzionale.

Linea di fondo

L’idea che il Block One sia responsabile dell’attuale congestione della rete Ethereum non può essere provata o smentita.

La conclusione che si può trarre da tutto questo è che la blockchain di ETH non è pronta per l’uso mainstream del mondo reale – il che non dovrebbe sorprendere.

L’infrastruttura alla base di servizi estremamente importanti su cui si basano molte aziende non dovrebbe essere così facilmente congestionata.

Detto questo, la situazione probabilmente cambierà in futuro.

Sharding, full POS (Casper), Plasma/Plasma Cash dovrebbe risolvere o almeno attenuare questo problema. Tuttavia, per il momento ETH non è pronto per il mainstream.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.