Ferro e fuoco fra TokenPay e Tone Vays
Criptovalute

Ferro e fuoco fra TokenPay e Tone Vays

By Fabio Lugano - 17 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

L’aria si fa rovente attorno al noto influencer delle criptovalute, Tone Vays, che non si è risparmiato nel criticare TokenPay, soprattutto dopo l’accordo concluso con Litecoin.

Tokenpay e Litecoin, infatti, hanno concluso ad aprile un accordo per l’acquisto di una partecipazione bancaria e l’apertura di una carta di debito comune.

Questo acquisto si è concretizzato non più di una settimana fa nell’acquisto di una quota di minoranza, ma significativa, della Weg Bank.

Tutte queste evoluzioni hanno indisposto Tone Vays, che ha esposto le sue idee in modo piuttosto chiaro e polemico:

  • “ Avvertenza 1: la finalità di questo tweetstorm può disturbare ogni persona che sia fiduciosa nei confronti di Litecoin in modo definitivo. Avvertenza 2: la sola cattiva moneta che non è uno scam, ma è quella su cui non avete ancora fatto una ricerca. Avvertenza 3: Tokenpay è uno Scam”.
  • Tokenpay è solo un sottoprodotto di Verge, di cui condivide alcune figure chiave che in passato hanno avuto esperienze diverse e contrastanti;
  • Tokenpay è una società centralizzata;
  • Non si capisce come abbia fatto Charlie Lee di LTC a fare un accordo con questa società;
  • La ICO di Tokenpay è molto opaca, ed alla fine è solo un Pump and Dump, cioè uno schema speculativo per raccogliere denaro.

Una serie di accuse molto pesanti, diffuse tra un pubblico a 150mila follower, non potevano che avere una risposta diretta da parte del team di Tokenpay che ha risposto tramite un video del CEO Derek Capo.

Il CEO si è detto molto orgoglioso delle sue esperienze passate, del fatto di parlare spagnolo e cinese e quindi aver potuto lavorare in più settori e di aver potuto quindi portare le sue esperienze in TPAY.

Inoltre, ha difeso tutte le mosse fatte finora, tra cui anche la creazione di Tokenpay Swiss, che agirà come come exchange regolamentato che permetterà di raccogliere token che saranno utilizzati anche dal sistema bancario con un sistema di ETF.

Tutto questo è stato fatto con i soldi della ICO che è stata un passo necessario perché né Verge né Litecoin erano riuscite a realizzare un’operazione del genere.

Capo ha anche smentito le voci che volevano la sua società diventare uno sponsor della McLaren di Formula 1, affermando che in realtà un suo esempio era stato compreso in modo scorretto.

In generale, in un sistema di marketing basato sui social media, si pone il tema della credibilità degli influencer in cui potere di creare e distruggere viene ad influenzare le operazioni, anche legittime, delle società del settore.

Ma in questo caso non è ancora chiaro di chi sia la ragione, probabilmente, come sempre, sta nel mezzo.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.